--
    Condividi: Queste icone linkano i siti di social bookmarking sui quali i lettori possono condividere e trovare nuove pagine web.
    • Facebook
    • Twitter
    • LinkedIn
    • Google Bookmarks
    • Webnews
    • Wikio IT
    • YahooMyWeb
    • MySpace
    • Y!GG
  • Stampa Articolo
  • Email This Post

Maxiprocesso Asl - Udienza ad alta tensione - L'ex comandante dei carabinieri Gianluca Dell'Agnello testimonia per oltre un'ora e urla in aula: "L'avvocato mi sta incolpando di violazioni e quant'altro. Presidente, sto commettendo qualche reato?" - Feroce scontro tra il colonnello dell'arma, il difensore di Giuseppe Aloisio e il pubblico ministero

“Gianlorenzo mi chiamava spesso, gli posso aver detto bravo…”

Bassano-Presepe-19-560x60

Condividi la notizia:

Maxiprocesso Asl - Gianluca Dell'Agnello, ex comandante provinciale dei carabinieri, in tribunale

Maxiprocesso Asl – Gianluca Dell’Agnello, ex comandante provinciale dei carabinieri, in tribunale

Maxiprocesso Asl - Gianluca Dell'Agnello, ex comandante provinciale dei carabinieri, in tribunale

Maxiprocesso Asl – Gianluca Dell’Agnello, ex comandante provinciale dei carabinieri, in tribunale

Maxiprocesso Asl - Gianluca Dell'Agnello, ex comandante provinciale dei carabinieri, in tribunale

Maxiprocesso Asl – Gianluca Dell’Agnello, ex comandante provinciale dei carabinieri, in tribunale

Tribunale - Processo Asl

Tribunale – Maxiprocesso Asl

Maxiprocesso Asl - Gianluca Dell'Agnello, ex comandante provinciale dei carabinieri, in tribunale

Maxiprocesso Asl – Gianluca Dell’Agnello, ex comandante provinciale dei carabinieri, in tribunale

Paolo Gianlorenzo

Paolo Gianlorenzo

Viterbo – Maxiprocesso Asl, alta tensione in aula. Al banco dei testimoni – per oltre un’ora – c’è il colonnello Gianluca Dell’Agnello, dal 2010 al 2014 comandante provinciale dei carabinieri di Viterbo. Erano gli anni dell’inchiesta sull’azienda sanitaria locale. Un’indagine per corruzione, concussione, truffa e abuso d’ufficio conclusa nel 2012, dopo oltre tre anni.

Ventinove rinvii a giudizio, tra cui cinque società. Per la difesa di Giuseppe Aloisio, l’ex direttore generale della Asl imputato, “durante le indagini, nonostante il segreto, c’è stata una fuga di notizie. Paginate sui giornali di Paolo Gianlorenzo, su Aloisio e altri indagati. E pure sul gip Salvatore Fanti”. Nel 2012 il giudice per le indagini preliminari del tribunale di Viterbo rigettò la richiesta d’arresto per Aloisio & Co. “Colonnello Gianluca Dell’Agnello – incalza subito l’avvocato Pier Gerardo Santoro, dello studio Diddi – questa notizia l’ha data lei a Gianlorenzo?”. “Assolutamente no – risponde -. E’ stato lui a parlarmene il 13 febbraio 2012, dopo avermi dato appuntamento in un bar di via Vicenza per un aperitivo. Non gli ho mai dato questa notizia e, se l’ha avuta, l’ha avuta da altre fonti”.

Per la difesa di Aloisio il castello accusatorio contro l’ex dg Asl è frutto della stessa, presunta, campagna denigratoria a mezzo stampa sfociata nel maxiprocesso Vinitaly-Macchina del fango, che vede Gianlorenzo imputato insieme ad altre sette persone.
L’avvocato Santoro tira in ballo presunte telefonate tra l’ex comandante dei carabinieri e il giornalista. “Il giorno dopo l’incontro al bar – chiede il difensore – ha avuto conversazioni telefoniche con Gianlorenzo sull’indagine Asl? Ha commentato con Gianlorenzo il rigetto del gip Fanti della richiesta d’arresto? Se sì, perché lo ha fatto, visto che la notizia non era pubblica, ma segreta?”. “Io? Io ho parlato in queste telefonate? Il 14 ho parlato con Gianlorenzo? Così, a memoria, non me lo ricordo. Non mi pare, ma se ha le registrazioni…”, risponde Dell’Agnello.

In aula sale la tensione. Il sostituto procuratore Stefano D’Arma, titolare delle indagini insieme al pm Fabrizio Tucci, si oppone alle domande. “Sono lesive. Si sta facendo al testimone un processo nel processo, andando nel pettegolezzo”. I toni sono forti. Il difensore chiede all’ex comandante se avesse paragonato, in una telefonata con Gianlorenzo, il gip Fanti all’ex ministro Claudio Scajola. “Sì, ma non commentavo il rigetto della richiesta d’arresto. Bensì una notizia già pubblicata da Gianlorenzo, secondo il quale la figlia del giudice Fanti lavorava alla Asl di Viterbo. Il giornalista mi ha detto di essere stato in tribunale e di aver appreso dall’ufficio del gip che questo non sapeva che la figlia fosse stata assunta durante la gestione Aloisio. Da qui il paragone, infelice, con Scajola che in quegli anni sosteneva di aver comprato una casa a sua insaputa”.

L’avvocato Santoro chiede a Dell’Agnello se si fosse mai complimentato con Gianlorenzo per gli articoli che pubblicava sull’inchiesta Asl. “C’è qualche telefonata? – domanda il colonnello prima di rispondere -. Non ricordo, ma non posso escludere che sia capitato, che sia successo, che abbia detto questa cosa”. “Ovvero di essersi complimentato con il giornalista per aver fatto uscire i nomi di Aloisio & Co.? Di essersi complimentato per il suo coraggio, per essere stato l’unico a pubblicare i nomi degli indagati?”, chiede il difensore. Dell’Agnello risponde ad alta voce. “Ho tre articoli di Tusciaweb usciti il 13 febbraio 2012 che fanno nomi e cognomi degli indagati. Il 14 Tusciaweb esce addirittura con l’articolo ‘Carcere e sequestri’, raccontando dei ricorsi e controricorsi dei pm Tucci e D’Arma”. Per il difensore, non c’entra nulla. “Quella è l’indagine – risponde -. Della misura cautelare non ne sapevano nulla neppure gli avvocati. Era una notizia segreta”.

Per l’avvocato Santoro, c’è una telefonata in cui l’ex comandante si sarebbe complimentato con Gianlorenzo. “Perché ha sentito questa necessità?”, chiede. “Non ho sentito nessuna necessità. Era Gianlorenzo che normalmente mi chiamava per sapere se avessi letto gli articoli e se mi fossero piaciuti. Nella fretta, per tagliare corto, è possibile che abbia detto ‘Bravo, sei stato bravo'”.

Inizia un serrato botta e risposta. “Dopo i commenti sul gip Fanti, ha incontrato il giornalista in comando?”. “E’ capitato una volta, credo il 16 febbraio. Gianlorenzo mi ha telefonato di mattina: ‘Vengo a prendere il caffè, ci sei?’. ‘Sì, ti aspetto, sali’, gli ho detto”. “Avete parlato dell’ordinanza d’arresto?”. “No, assolutamente”. “Ricorda se il 18 febbraio in prima pagina era stata pubblicata l’ordinanza?”. “No, questo non lo ricordo”. “Ha saputo dell’indagine su Gianlorenzo?”. “Certo, l’ho letto su Tusciaweb. Era scritto che Gianlorenzo aveva subito una perquisizione in redazione”. “Ha più avuto rapporti con il giornalista?”. “Quella mattina ci siamo telefonati”. “Perché?”. Ma la risposta non arriva.

In aula è di nuovo alta tensione. “Tutto questo, processualmente, non è corretto”, sbotta il pm D’Arma. “Processualmente qui di non corretto c’è molto”, ribatte il difensore. “L’avvocato – urla inferocito Dell’Agnello – mi sta incolpando di violazioni e quant’altro. Presidente, sto commettendo qualche reato? Come testimone, oltre ad avere l’obbligo di rappresentare e raccontare, ho anche qualche diritto. In vesti di potenziale indagato, l’avvocato avrebbe dovuto avvisarmi che avrei potuto non rispondere. Mi sta indagando. Avvoca’, ma qui mica c’abbiamo l’anello al naso. Ma che ci vuole raccontare? Viene da Roma a raccontarci le fesserie? Mi sta accusando di un reato e sta commettendo calunnia”.

Per riportare l’ordine in aula deve intervenire il presidente del collegio dei giudici, Ettore Capizzi. Ma l’avvocato Santoro ribadisce: “C’è stata una fuga di notizie relative all’indagine Asl”. “E io che c’entro? Sono un colonnello dei carabinieri, non faccio fughe di notizie. Con Gianlorenzo le fughe di notizie non le ho mai fatte. Se le avessi fatte la procura mi avrebbe indagato. Associarmi alla fuga di notizie è inutile”.

Il 7 luglio la prossima udienza. La difesa di Giuseppe Aloisio ha chiesto di poter sentire anche il maresciallo dei carabinieri Piergiorgio Scoparo e il capitano Marco Ciervo, ex comandante della compagnia di Viterbo. Ma il pm D’Arma si è opposto. “Dobbiamo tornare a parlare della figlia del gip Fanti o della casa di Scajola? Quale rilevanza possono avere queste testimonianze, se non quella di farci arrabbiare tutti? Processualmente, è un modus operandi irrituale e illegittimo. Si fanno domande su atti che non sono nel fascicolo. Si fanno domande su fatti non pertinenti ai capi d’imputazione. Si qualificano come corpo del reato conversazioni di cui non siamo a conoscenza”. I giudici ammettono i testimoni, ma “le domande – specifica il presidente del collegio, Capizzi – dovranno essere più pertinenti al processo”.


Condividi la notizia:
26 maggio, 2017

Inchiesta Asl - Aloisio & Co. ... Gli articoli

  1. Finisce nel nulla il maxiprocesso Asl
  2. Assoluzioni e prescrizioni per Aloisio e Leoncini
  3. Maxinchiesta Asl, è il giorno della sentenza
  4. "Non c'era un sistema Moscaroli, ma un sistema Selvaggini"
  5. "Il Gruppo RoRi va assolto, perché gli Angelucci sono innocenti"
  6. "Pacifica la gestione accentratrice e autoritaria di Aloisio"
  7. Tangenti in cambio di appalti, chiesta condanna a 60mila euro
  8. Maxiprocesso Asl, chiesti tre anni e mezzo per Aloisio
  9. Ferdinando Selvaggini fuori dal maxiprocesso Asl
  10. "Gianlorenzo favoriva o danneggiava 'su richiesta' il politico o il manager di turno..."
  11. "Se ti fai arrestare dalla polizia, non ti rivolgo più la parola..."
  12. Nel maxiprocesso Asl irrompono le carte della "macchina del fango"
  13. Maxiprocesso Asl, l'ex comandante dei carabinieri Dell'Agnello in aula
  14. Aloisio, tre assoluzioni e una pioggia di prescrizioni
  15. "Aloisio, non fu concussione"
  16. "Aloisio voleva salvare i posti di lavoro"
  17. Mauro Paoloni fuori dal maxiprocesso Asl
  18. "Una tangente per ogni lavoro affidato"
  19. Il maxiprocesso Asl perde pezzi
  20. "Mai chiesto nulla, mai terrorizzato nessuno"
  21. Aloisio interrogato per tre ore
  22. "Trentamila euro in tre anni al partito"
  23. "Bisogna sostenere il partito"
  24. La morte lenta del processo Asl
  25. Maxiprocesso Asl, a giugno parla Aloisio
  26. "Paoloni? Non sapevamo che era un pezzo grosso..."
  27. "La tessera della Margherita? Non ce l'avevo nemmeno io..."
  28. Paoloni interrogato in aula per tre ore
  29. "Direttore amministrativo? Solo con la tessera della Margherita..."
  30. "Soldi per il Pd, me li chiese Selvaggini"
  31. "Tangenti, tutti sapevano che ero ricattato"
  32. Asl, i pm: "Falsa testimonianza"
  33. Pagavano tangenti in ritardo... cacciati
  34. "Casa di cura di Nepi, 27 milioni di euro in quattro anni"
  35. "Aloisio ordinava e Selvaggini dava di matto"
  36. "Tangenti a metà con Selvaggini"
  37. Quintarelli: "Fioroni mi volle alla segreteria di Aloisio"
  38. "Con la tessera della Margherita farai carriera..."
  39. Aloisio e Paoloni, la difesa: "Nessun fatto concreto"
  40. "Vita impossibile a chi ostacolava Aloisio e Paoloni"
  41. "Quattro ore chiuso nel portabagagli per arrestarli..."
  42. "Con Aloisio? Non ci potevamo vedere"
  43. Scuola Aureart, raccolta firme per non farla chiudere
  44. Abbott e Cittadella, prime accuse in prescrizione
  45. Quel parere "anomalo" sull'Aureart...
  46. Trecentomila euro dalla Asl all'Aureart
  47. Maxiprocesso Asl, fuori l'associazione Caponnetto
  48. La difesa di Aloisio: Daga chi?
  49. Asl, una notifica ingolfa il processo
  50. Maxi processo Asl, giudici incompatibili
  51. Maxi processo Asl già bloccato in partenza
  52. Maxi inchiesta Asl, tutti rinviati a giudizio
  53. "Aloisio non ha preso un euro"
  54. Maxi inchiesta Asl, parola ancora alle difese
  55. Inchiesta Asl, l'indagato Bianchini parla in aula
  56. Asl, le difese: Dov'è la corruzione?
  57. Ventinove richieste di rinvio a giudizio
  58. Inchiesta Asl, riuniti i due filoni
  59. Inchiesta Asl, l'udienza salta per una consulenza
  60. Inchiesta Asl, valanga di eccezioni
  61. Maxi inchiesta Asl, se ne parla tra un mese
  62. Maxi inchiesta Asl, rinvio annunciato
  63. Maxi inchiesta Asl, slitta l'udienza
  64. Maxi inchiesta Asl, al via l'udienza preliminare
  65. Maxi consulenze Asl, danno da 6,5 milioni
  66. Maxi inchiesta Asl, tutti davanti al gup
  67. Inchiesta Asl, 23 richieste di rinvio a giudizio
  68. Sì all'immobile al posto dei conti
  69. Richieste di arresto, nessun ricorso in Cassazione
  70. "Ora si riconosca l'infondatezza delle accuse"
  71. Respinte le richieste di arresto per Aloisio & Co.
  72. Il Gruppo Ro.Ri. pagherà i lavoratori
  73. Gruppo Ro.Ri., stato d'agitazione e due ore di sciopero
  74. Richieste di arresto per Aloisio & co, i giudici si riservano
  75. Inchiesta Asl, oggi l'udienza per le richieste d'arresto
  76. "Dissequestrate i conti degli Angelucci"
  77. Oltre quattro ore di interrogatorio
  78. Aloisio di nuovo dai pm
  79. Carcere per Aloisio & co., a giorni la decisione
  80. Paoloni interrogato per oltre quattro ore
  81. Aloisio interrogato dai pm per sei ore
  82. Richieste di arresto per Aloisio & Co., se ne parla a maggio
  83. Centro diabetologico, disposto il sequestro
  84. Centro diabetologico, i giudici ci pensano
  85. Selvaggini cambia avvocato
  86. Centro diabetologico, la decisione è vicina
  87. Inchiesta Asl, Ceccarelli dai pm
  88. Anche Aloisio vuole essere ascoltato dai pm
  89. Paoloni chiede di essere interrogato
  90. Un immobile al posto dei conti
  91. "Ci sono stati contributi della Isa al Pd"
  92. "I bilanci del Pd controllati dai pm e regolari"
  93. Un'inchiesta pesante e complessa
  94. Inchiesta Asl, spuntano richieste di finanziamenti per Margherita/Pd
  95. Asl, chiuso il secondo filone d'indagine
  96. Gli Angelucci chiedono di pagare i fornitori
  97. Una truffa da oltre 20 milioni di euro
  98. "Il centro diabetologico garantisce il servizio"
  99. Chiesto il sequestro del centro diabetologico
  100. Appalti in cambio di consenso politico
  101. "Chiederemo di essere interrogati"
  102. Asl, 19 gli indagati
  103. Chiusa l'inchiesta Asl
    • Altri articoli

    • Articoli recenti

                               Copyright Tusciaweb srl - 01100 Viterbo - P.I. 01994200564Informativa GDPR