__

    Condividi: Queste icone linkano i siti di social bookmarking sui quali i lettori possono condividere e trovare nuove pagine web.
    • Facebook
    • Twitter
    • LinkedIn
    • Google Bookmarks
    • Webnews
    • Wikio IT
    • YahooMyWeb
    • MySpace
    • Y!GG
  • Stampa Articolo
  • Email This Post

Viterbo - Il segretario Perinelli: “Il 29 maggio la giornata conclusiva di questo dialogo nelle scuole insieme alla Consulta studentesca"

“Parliamone: progetto intergenerazionale sul tema della violenza”

Miranda Perinelli (Cgil)

Miranda Perinelli (Cgil)

Viterbo – Riceviamo e pubblichiamo – “Parliamone: progetto intergenerazionale sul tema della violenza.

E’ il titolo dell’iniziativa dello Spi Cgil e della Consulta provinciale studentesca che vede coinvolti l’Itc Paolo Savi e l’istituto magistrale Santa Rosa di Viterbo.

Lunedì 29 maggio alle 10,30 nella sala conferenza della Provincia, in via Saffi, la giornata conclusiva con la consegna degli attestati ai partecipanti. Per l’occasione, a rappresentare il sindacato dei pensionati ci saranno il segretario Miranda Perinelli e la responsabile dell’area Benessere Anna Maria Eramo.

“Questo progetto – spiega Perinelli – è nato perché lo Spi ha a cuore il dialogo tra generazioni, il confronto e la riflessione sul tema della violenza per prevenirla e combatterla”.

Il percorso ha coinvolto gli studenti di due classi terze nel corso di otto incontri, condotti dalla responsabile del progetto, Anna Maria Eramo, dalla psicoterapeuta Grazia Bandiera e da un gruppo di over 60 provenienti dalla società civile: il centro antiviolenza Erinna, l’associazione Campodimarte-Uomini contro la violenza sulle donne, una sociologa ex dipendente Asl ed una ex dirigente scolastica.

“Lo stare” insieme, ma soprattutto il fare insieme ha prodotto – racconta Eramo – un clima di confronto e di collaborazione dove alla riflessione comune è seguita una fase concreta nella quale sono emerse le competenze di ognuno.

I video finali sul tema della violenza, argomento scelto dai ragazzi della Consulta studentesca, concludono un percorso fatto di sinergie positive che fanno ben sperare in un futuro solidale nel quale le contrapposizioni potranno trasformarsi in tutela e valorizzazione delle diversità, senza distinzione di età, sesso, religione, etnia, consolidando il concetto di democrazia come conquista quotidiana che non va mai data per scontata”.

Cgil Viterbo

23 maggio, 2017

Copyright Tusciaweb srl - 01100 Viterbo - P.I. 01994200564