__

    Condividi: Queste icone linkano i siti di social bookmarking sui quali i lettori possono condividere e trovare nuove pagine web.
    • Facebook
    • Twitter
    • LinkedIn
    • Google Bookmarks
    • Webnews
    • Wikio IT
    • YahooMyWeb
    • MySpace
    • Y!GG
  • Stampa Articolo
  • Email This Post

Tarquinia – Corpus Domini - Le parrocchie hanno messo in campo i loro artisti migliori

Colori e devozione per l’infiorata

di Rachele Faggiani
Tarquini - Corpus Domini - Infiorata

Tarquini – Corpus Domini – Infiorata

Tarquini - Corpus Domini - Infiorata

Tarquini – Corpus Domini – Infiorata

Tarquini - Corpus Domini - Infiorata

Tarquini – Corpus Domini – Infiorata

Tarquini - Corpus Domini - Infiorata

Tarquini – Corpus Domini – Infiorata

Tarquini - Corpus Domini - Infiorata

Tarquini – Corpus Domini – Infiorata

Tarquinia – Tenere in mano i fiori, sentirne l’odore, apprezzarne i colori. Anche quest’anno, giugno per Tarquinia ha rappresentato una sola parola: “infiorata”.

Fotocronaca: L’infiorata a Tarquiniaslide

La processione del Corpus Domini, che si tiene ogni anno a Tarquinia, è stata un vero tripudio di colori. Le parrocchie hanno messo in campo i loro artisti migliori, per elaborare e realizzare disegni a tema religioso fatti principalmente con fiori e fondi di caffè.

La mattina di ieri, domenica 18 giugno, i partecipanti, dopo una notte di lavoro che si è conclusa solo all’alba, hanno potuto ammirare i loro lavori alla luce del sole prima che venissero calpestati dalla processione.

Questa tradizione tarquiniese, che ha origine a Roma nella prima metà del XVII secolo, nasce nel 1938, anno della prima infiorata documentata. Inizialmente si trattava soltanto di spargere dei petali per terra senza uno schema particolare. Le tecniche di disegno si sono evolute nel corso degli anni. Oggi è un evento molto sentito in città, perché unisce religione e folclore ed è uno spettacolo di grande bellezza.

La messa è stata celebrata nella chiesa di San Francesco da monsignor Luigi Marrucci, vescovo della diocesi Civitavecchia-Tarquinia. Da qui è partita la processione, guidata dalla banda cittadina, che ha seguito il percorso segnato dai disegni sulla strada.

Da San Francesco a piazza Duomo, passando per piazza Matteotti e per il corso Vittorio Emanuele II, le strade della città erano una gioia per gli occhi


Rachele Faggiani

19 giugno, 2017

Copyright Tusciaweb srl - 01100 Viterbo - P.I. 01994200564