--
    Condividi: Queste icone linkano i siti di social bookmarking sui quali i lettori possono condividere e trovare nuove pagine web.
    • Facebook
    • Twitter
    • LinkedIn
    • Google Bookmarks
    • Webnews
    • Wikio IT
    • YahooMyWeb
    • MySpace
    • Y!GG
  • Stampa Articolo
  • Email This Post

Politica - Così il presidente Mauro Mazzola dopo l'approvazione del decreto legge 50/2017

“Governo unico responsabile del disastro delle Province”

Condividi la notizia:

Mauro Mazzola

Mauro Mazzola

Viterbo – Riceviamo e pubblichiamo – E’ stata approvata in Senato la legge di conversione del decreto legge 50/2017.

Nella cosiddetta “manovra”, purtroppo, non è stata fornita alcuna risposta per risolvere la grave crisi finanziaria in cui versano le Province italiane dopo la riforma Delrio. Siamo ormai davvero impossibilitati a garantire all’utenza i servizi essenziali assegnati dalla legge, quali la manutenzione e messa in sicurezza delle strade e delle scuole superiori del territorio provinciale.

La mancanza di fondi blocca tutto ma la cosa più grave è che noi amministratori non possiamo davvero più assicurare i servizi, con gravi ripercussioni sulla sicurezza dei cittadini e su quella dei nostri figli. Vengono così negati i servizi per i quali i cittadini pagano le tasse e la Provincia dovrebbe assicurare.

Nulla è stato fatto per evitare che la situazione degenerasse in questo modo. Il governo a questo punto è l’unico responsabile di questo “disastro”.

Mi unisco a gran voce all’appello di Achille Variati che in qualità di presidente dell’Upi sostiene a ragione che ci sia stata una evidente mancanza di volontà da parte delle istituzioni affinché si risolvessero tali problematiche. 

Permane quindi purtroppo lo stato di incertezza e di insicurezza nel quale da tempo siamo costretti ad amministrare.

Mauro Mazzola
Presidente della Provincia di Viterbo


Condividi la notizia:
16 giugno, 2017

    • Articoli recenti

                               Copyright Tusciaweb srl - 01100 Viterbo - P.I. 01994200564Informativa GDPR