--

--

Tutankhamon-560x80

    Condividi: Queste icone linkano i siti di social bookmarking sui quali i lettori possono condividere e trovare nuove pagine web.
    • Facebook
    • Twitter
    • LinkedIn
    • Google Bookmarks
    • Webnews
    • Wikio IT
    • YahooMyWeb
    • MySpace
    • Y!GG
  • Stampa Articolo
  • Email This Post

Vitorchiano - La personale di pittura di Andrea Bellocchio è rimasta in esposizione per tre giorni nella sala dei Capitelli

La mostra “Madre Terra” ha chiuso i battenti

Vitorchiano - La mostra “Madre Terra”

Vitorchiano – La mostra “Madre Terra”

Vitorchiano - La mostra “Madre Terra”

Vitorchiano – La mostra “Madre Terra”

Vitorchiano – Si è conclusa a Vitorchiano, nella sala dei Capitelli, la personale di pittura di Andrea Bellocchio dal titolo “Madre Terra”.

L’esposizione che ha inaugurato “La notte rosa” avuto un grande successo di pubblico, per tutti i tre giorni della durata.

Andrea Bellocchio, ritenuto uno dei massimi esperti al mondo di ingegneria, si è affacciato al mondo dell’arte da pochi anni ed è stato immediatamente apprezzato suscitando interessi e consensi tali da potergli garantire un proseguo negli anni a venire.

La mostra è stata inaugurata dal sindaco di Vitorchiano Ruggero Grassotti, dall’assessore alla Cultura Giampaolo Arieti e dal consigliere comunale Alessandro Vagnoni.

Padrino della mostra è stato l’artista e critico d’arte Massimo Stefani, fondatore del movimento “arcaista”, a cui in passato, si è interessata la casa editrice Mondadori pubblicandogli un volume con la prefazione di Vittorio Sgarbi e Antonino Zichichi.

Stefani ha avuto parole di elogio per Andrea Bellocchio, dichiarando: “Seppur essendo questa la sua mostra d’esordio, Andrea l’arte ce l’ha sempre avuta nell’animo e nelle mani. E’ per lui è una fedele compagna, è l’altra faccia della sua prima attività, fatta di regole rigide e formule matematiche. Le sue opere scavano nel profondo dell’animo e donano emozioni visive e percettive, combinate perfettamente dalle composizioni e dai contrasti di colore e dalle forme che circondano il suo mondo fantastico: antiche lame, rocce, cortecce d’albero, oggetti naturali, rappresentati in spazi dinamici che restituiscono sensazioni al tatto”.

Stefani ha poi invitato i visitatori a sfiorare le opere di Andrea Bellocchio ed ha concluso scommettendo sul suo successo futuro, assicurando che chi oggi acquisterà un’opera di Andrea Bellocchio si troverà in un futuro prossimo un capitale addirittura decuplicato.

Alla mostra hanno partecipato numerosi visitatori anche proveniente dall’estero, che hanno apprezzato l’arte di Andrea Bellocchio ma soprattutto conosciuto una “bella persona”.

27 giugno, 2017

                               Copyright Tusciaweb srl - 01100 Viterbo - P.I. 01994200564Informativa GDPR