__

    Condividi: Queste icone linkano i siti di social bookmarking sui quali i lettori possono condividere e trovare nuove pagine web.
    • Facebook
    • Twitter
    • LinkedIn
    • Google Bookmarks
    • Webnews
    • Wikio IT
    • YahooMyWeb
    • MySpace
    • Y!GG
  • Stampa Articolo
  • Email This Post

Viterbo - Il movimento cinque stelle incalza l'amministrazione comunale

“L’addizionale gas è usata correttamente?”

Viterbo - Palazzo dei Priori - Comune

Viterbo – Palazzo dei Priori – Comune

Viterbo – Riceviamo e pubblichiamo – Continuiamo ad esporre, tramite stampa, varie domande che abbiamo posto alla nostra amministrazione nel tempo e che per la loro “scomodità” sono state fatte cadere nel vuoto, sia per informarne i cittadini sia per svergognare pubblicamente chi ormai sembra dimenticarsi che il proprio datore di lavoro dovrebbe proprio essere chi lo ha eletto.

Oggi vi parliamo di una entrata economica per il comune, pagata da noi contribuenti, che ammonterebbe per il solo 2017 a circa 370mila euro e che dovrebbe essere impiegata per l’attivazione di meccanismi di tutela relativi ai costi dei consumi di gas da parte delle fasce deboli di utenti.

Il comune di Viterbo usufruisce da anni infatti dell’applicazione dell’art 46bis, comma 4, del DL 159/07 convertito in legge 222/2007 che in sostanza consente una maggiorazione del 10% sulle nostre bollette del gas.

Malgrado avessimo da tempo chiesto di conoscere l’utilizzo di tali risorse, abbiamo sinora avuto una parziale risposta solo durante le sedute dell’ultimo bilancio di previsione, quando il dirigente contabile ha affermato che l’ente, rispondendo ad analoghe domande poste dalla guardia di finanza, ha spiegato come l’inserimento di parte di tale poste, pur non rispettando perfettamente le indicazioni della normativa, erano comunque state comprese in capitoli di bilancio rispondenti ad esigenze di politiche sociali e riconducibili quindi, secondo la sua versione, all’indirizzo della legge.

Senza voler entrare nel merito della questione in assenza di documentazione, il nostro portavoce ha però chiesto all’assessore al bilancio e al dirigente contabile del comune copia dello scambio di comunicazioni con la guardia di finanza.

La finalità della richiesta è capire se ci sia stata una sostanziale accettazione delle spiegazioni dell’ente o se sia tuttora in corso una fase di accertamento da parte delle fiamme gialle, soprattutto considerando che anche nell’ultimo bilancio di previsione, come da noi evidenziato in fase di discussione, compaiono nuovamente capitoli in cui vengono appostate risorse provenienti dalla norma citata che non corrisponderebbero però alle indicazioni della stessa.

Movimento a cinque stelle

16 giugno, 2017

Copyright Tusciaweb srl - 01100 Viterbo - P.I. 01994200564