__

    Condividi: Queste icone linkano i siti di social bookmarking sui quali i lettori possono condividere e trovare nuove pagine web.
    • Facebook
    • Twitter
    • LinkedIn
    • Google Bookmarks
    • Webnews
    • Wikio IT
    • YahooMyWeb
    • MySpace
    • Y!GG
  • Stampa Articolo
  • Email This Post

Marta - Il sindaco Maurizio Lacchini annuncia un piano di interventi per valorizzare il paese e assicura l'impegno dell'amministrazione su turismo e poto

“Partono i lavori al palazzetto dello sport”

Marta - Maurizio Lacchini

Marta – Maurizio Lacchini

Marta – “Partono i lavori al palazzetto dello sport”. Maurizio Lacchini annuncia un piano di interventi per Marta. Il primo cittadino è al lavoro con la sua squadra per valorizzare in particolare il turismo, reputandolo un potente volano per l’economia del paese.

“Sono davvero soddisfatto – dice Lacchini -, perché, dopo tante attese, iniziamo il completamento della palestra del palazzetto dello sport, che era fermo da sette anni, quando era stato fatto il primo stralcio. Ho già parlato con la ditta, entro dicembre, conto di vederlo finito.

Inoltre, con “Visit Marta, tra i progetti di Reti di imprese del commercio, siamo stati premiati dalla Regione con un finanziamento di 100mila euro. Serviranno a realizzare servizi per i cittadini e per le imprese, ma anche iniziative promozionali e di marketing territoriale.

Il turismo è infatti un settore strategico, a cui, la mia amministrazione vuole dare la massima attenzione. Vogliamo rendere attrattivo il territorio perché abbiamo potenzialità e ricchezze che aspettano solo di essere valorizzate”.

Non solo. “Grazie a una donazione di 50mila euro di un privato, porteremo a termine anche il cinema. Naturalmente il Comune farà la sua parte”.

Lacchini parla anche di una ‘nota dolente’. “Il porto di Marta è fermo – attacca Lacchini -. Chiuso, visto che la Regione Lazio non ci ha rilasciato le concessioni per lo specchio dell’acqua. Con l’annullamento della gara per l’assegnazione dei posti barca e in assenza di una risposta regionale sul numero consentito, la stagione è compromessa. A fare le spese sono i territori che vedono penalizzate le proprie opportunità di sviluppo. Faremo il possibile per evitarlo”.

19 giugno, 2017

Copyright Tusciaweb srl - 01100 Viterbo - P.I. 01994200564