Gamboni-infissi-infissi-nov-2017

--
    Condividi: Queste icone linkano i siti di social bookmarking sui quali i lettori possono condividere e trovare nuove pagine web.
    • Facebook
    • Twitter
    • LinkedIn
    • Google Bookmarks
    • Webnews
    • Wikio IT
    • YahooMyWeb
    • MySpace
    • Y!GG
  • Stampa Articolo
  • Email This Post

Viterbo - L'associazione ambientalista: "Quella discarica deve essere chiusa"

Fare Verde: “Inquietante l’incendio a Casale Bussi”

Condividi la notizia:

Silvano Olmi

Silvano Olmi

Viterbo – Riceviamo e pubblichiamo – Ombre inquietanti sull’incendio che nella notte tra sabato e domenica è scoppiato nell’impianto di trattamento meccanico biologico dei rifiuti situato a Viterbo, il località Casale Bussi.

Un impianto collocato in una zona dove insistono il teatro romano di Ferento, un mercato ortofrutticolo provinciale, un’importante azienda di produzione di carne avicola a livello nazionale e il mattatoio provinciale.

“Con l’incendio di Casale Bussi – dichiarano il presidente regionale di Fare Verde, Silvano Olmi e quello provinciale Roberto Tomassini – i viterbesi hanno scoperto che l’immondizia a Viterbo arriva da una parte della città di Roma e da diversi comuni della provincia, da Viterbo e provincia, da Rieti e provincia, dalla bassa umbria, da alcuni comuni di Latina e Frosinone.

La discarica di Casale Bussi deve essere chiusa e rinegoziati gli Ato regionali di gestione dei rifiuti.

Questo incendio è l’ennesimo nella nostra regione che colpisce impianti del genere, occorre indagare a fondo e capirne le cause. Inoltre, la magistratura deve accertare se gli Enti deputati al controllo hanno adeguatamente vigilato.

Raccolta differenziata, recupero, riuso e riutilizzo. Questa la via da seguire per smaltire correttamente l’immondizia.”

Associazione ambientalista Fare Verde


Condividi la notizia:
5 giugno, 2017

    • Articoli recenti

                               Copyright Tusciaweb srl - 01100 Viterbo - P.I. 01994200564Informativa GDPR