--
    Condividi: Queste icone linkano i siti di social bookmarking sui quali i lettori possono condividere e trovare nuove pagine web.
    • Facebook
    • Twitter
    • LinkedIn
    • Google Bookmarks
    • Webnews
    • Wikio IT
    • YahooMyWeb
    • MySpace
    • Y!GG
  • Stampa Articolo
  • Email This Post

Tribunale - Dalle carte della Macchina del fango, entrate nel maxiprocesso Asl, emerge ancora una volta l'uso strumentale che veniva fatto di un foglio locale

“Gianlorenzo favoriva o danneggiava ‘su richiesta’ il politico o il manager di turno…”

Bassano-Presepe-19-560x60

Condividi la notizia:

Paolo Gianlorenzo in procura

Paolo Gianlorenzo in procura

Ugo Sposetti

Ugo Sposetti

L'avvocato Alessandro Diddi e Giuseppe Aloisio

L’avvocato Alessandro Diddi e Giuseppe Aloisio

L'avvocato Pier Gerardo Santoro

L’avvocato Pier Gerardo Santoro

Viterbo – Le carte della Macchina del fango, l’inchiesta sul giornalista Paolo Gianlorenzo, hanno fatto irruzione nel maxiprocesso Asl, come memoria di parte di Giuseppe Aloisio. Per i difensori dell’ex direttore generale dell’azienda sanitaria, gli avvocati Alessandro Diddi e Pier Gerardo Santoro: “Durante le indagini ci fu una vera e propria macchina del fango, alimentata da un giornaletto locale diretto da Gianlorenzo, i cui scoop sull’inchiesta Asl venivano foraggiati dai vertici dell’Arma”. E i legali, in aula, vogliono dimostrare anche questo: i rapporti di familiarità che, secondo loro, c’erano tra il giornalista e l’ex comandante provinciale dei carabinieri Gianluca dell’Agnello.

Ma nelle carte della Macchina del fango, che venerdì sono state depositate ai giudici, c’è molto di più. Come l’identikit di Gianlorenzo, tracciato dal nucleo di polizia giudiziaria della stradale. Furono loro a condurre le indagini, coordinate dal pm Massimiliano Siddi. “E’ doveroso evidenziare alcuni episodi che mettono in risalto la personalità dell’indagato – scrivono gli investigatori nell’informativa inviata in procura – e, in particolare, la capacità di Gianlorenzo di sfruttare a proprio vantaggio le conoscenze e amicizie che vanta sia in ambito politico che tra le forze dell’ordine, con particolare riferimento all’arma dei carabinieri di cui ha fatto parte”.

Per la stradale, “Gianlorenzo utilizza tale posizione per attaccare mediaticamente tutti coloro che, in qualche maniera, ritiene personaggi scomodi o invisi, o più semplicemente per favorire o danneggiare ‘su richiesta’ il politico o il manager di turno”. Nell’informativa, i poliziotti riportano una serie di “chiari esempi”. A partire da una vicenda che riguardava l’ex editore del quotidiano diretto da Gianlorenzo, Manfredi Genova, che “in nome e per conto della figlia, proprietaria di un’azienda agricola, aveva richiesto una finanziamento alla regione Lazio tramite il piano di sviluppo rurale”.

Della richiesta, secondo gli investigatori, Gianlorenzo ne era a conoscenza, tanto da parlarne in una telefonata intercettata alle 11,50 del 29 marzo 2012. Gianlorenzo, a telefono con una giornalista del Messaggero di Viterbo, “dice di essersi recato dalla dottoressa Martini, direttrice dell’ufficio agricoltura della regione Lazio di Viterbo, facendole notare che la pratica del finanziamento conteneva anomalie, specificando che il buon esito era stato caldeggiato dal consigliere regionale Francesco Battistoni”. Interrogata, Martini dichiarò, come riportano i poliziotti nell’informativa, che “dopo l’inusuale visita di cortesia di Gianlorenzo, aveva esaminato la pratica, riscontrando la mancanza di un requisito fondamentale per la concessione del beneficio: l’apertura della partita Iva in data antecedente a quanto stabilito dal bando. Accertata l’anomalia, nonostante il parere legale della regione e quello favorevole alla liquidazione, Martini rigetta l’istanza”.

Il nucleo di polizia giudiziaria della stradale tira le somme: “Gianlorenzo era perfettamente a conoscenza della richiesta di finanziamento avanzata da Genova e, entrato in contrasto con quest’ultimo per alcuni articoli che aveva scritto su Battistoni, appare evidente che si sia adoperato affinché l’esito della pratica non andasse a buon fine”.

Ma non finisce qui. Grazie alle intercettazioni, gli investigatori scoprono che “Gianlorenzo intrattiene rapporti con il senatore Ugo Sposetti. In particolare – scrivono gli uomini della Polstrada -, in alcune telefonate, si apprende che Sposetti è in possesso di un dossier che riguarda la vicenda Lusi del partito della Margherita”. Del partito, Luigi Lusi era il tesoriere. E nel 2012 scoppia lo scandalo dei rimborsi elettorali sottratti per scopi personali dalle casse della Margherita.

Quel dossier, per gli inquirenti, passa di mano in mano. Da Sposetti a Gianlorenzo, che voleva girarlo al collega del Giornale Gian Marco Chiocci. E’ nelle intercettazioni che Gianlorenzo mette nero su bianco la provenienza di quel materiale, “asserendo che gli è stato fornito dal senatore Ugo Sposetti”. La telefonata è del 10 marzo 2012, ore 17,29. Ma quella notizia Chiocci vuole verificarla. E vuole farlo andando direttamente alla fonte. Chiede così a Gianlorenzo di mediare per ottenere un incontro con Sposetti.

Il giorno dopo, in un’altra telefonata, Gianlorenzo “riferisce che il mercoledì successivo entrerà in possesso di tutta la documentazione relativa alla vicenda Lusi e, nel contempo, specifica che il senatore Sposetti ha mostrato delle perplessità a incontrare il giornalista perché vuole rimanere nell’ombra”. Nell’informativa, i poliziotti scrivono che “l’11 marzo 2012 Gianlorenzo incontra Sposetti in un bar di via Carlo Cattaneo, a Viterbo. Durante l’incontro Gianlorenzo chiama Chiocci e, in sottofondo, si sente la voce del senatore”. 

La stradale data la consegna del dossier 15 marzo 2012. “La documentazione relativa alla vicenda Lusi verrà, verosimilmente, consegnata a Gianlorenzo dal senatore Sposetti il 15 marzo 2012, quando i due si incontrano nei pressi del parlamento”. Quel giorno Gianlorenzo fa un’altra telefonata. Chiama un collega viterbese, e gli anticipa che “il giorno successivo il settimanale l’Espresso farà a pezzi l’onorevole Francesco Rutelli per il suo coinvolgimento nella vicenda Lusi. Tale notizia verrà anticipata la sera stessa sui telegiornali delle maggiori reti televisive italiane e, il giorno dopo, effettivamente, il periodico l’Espresso pubblicherà la notizia”.

Queste notizie sono già uscite sui giornali. Dal 2012, quando esplose l’inchiesta Macchina del fango. Ma ora sono ritornate alla ribalta della cronaca, con l’ingresso dell’informativa del nucleo di polizia giudiziaria della stradale nel maxiprocesso Asl.


Condividi la notizia:
9 luglio, 2017

Inchiesta Asl - Aloisio & Co. ... Gli articoli

  1. Finisce nel nulla il maxiprocesso Asl
  2. Assoluzioni e prescrizioni per Aloisio e Leoncini
  3. Maxinchiesta Asl, è il giorno della sentenza
  4. "Non c'era un sistema Moscaroli, ma un sistema Selvaggini"
  5. "Il Gruppo RoRi va assolto, perché gli Angelucci sono innocenti"
  6. "Pacifica la gestione accentratrice e autoritaria di Aloisio"
  7. Tangenti in cambio di appalti, chiesta condanna a 60mila euro
  8. Maxiprocesso Asl, chiesti tre anni e mezzo per Aloisio
  9. Ferdinando Selvaggini fuori dal maxiprocesso Asl
  10. "Se ti fai arrestare dalla polizia, non ti rivolgo più la parola..."
  11. Nel maxiprocesso Asl irrompono le carte della "macchina del fango"
  12. "Gianlorenzo mi chiamava spesso, gli posso aver detto bravo..."
  13. Maxiprocesso Asl, l'ex comandante dei carabinieri Dell'Agnello in aula
  14. Aloisio, tre assoluzioni e una pioggia di prescrizioni
  15. "Aloisio, non fu concussione"
  16. "Aloisio voleva salvare i posti di lavoro"
  17. Mauro Paoloni fuori dal maxiprocesso Asl
  18. "Una tangente per ogni lavoro affidato"
  19. Il maxiprocesso Asl perde pezzi
  20. "Mai chiesto nulla, mai terrorizzato nessuno"
  21. Aloisio interrogato per tre ore
  22. "Trentamila euro in tre anni al partito"
  23. "Bisogna sostenere il partito"
  24. La morte lenta del processo Asl
  25. Maxiprocesso Asl, a giugno parla Aloisio
  26. "Paoloni? Non sapevamo che era un pezzo grosso..."
  27. "La tessera della Margherita? Non ce l'avevo nemmeno io..."
  28. Paoloni interrogato in aula per tre ore
  29. "Direttore amministrativo? Solo con la tessera della Margherita..."
  30. "Soldi per il Pd, me li chiese Selvaggini"
  31. "Tangenti, tutti sapevano che ero ricattato"
  32. Asl, i pm: "Falsa testimonianza"
  33. Pagavano tangenti in ritardo... cacciati
  34. "Casa di cura di Nepi, 27 milioni di euro in quattro anni"
  35. "Aloisio ordinava e Selvaggini dava di matto"
  36. "Tangenti a metà con Selvaggini"
  37. Quintarelli: "Fioroni mi volle alla segreteria di Aloisio"
  38. "Con la tessera della Margherita farai carriera..."
  39. Aloisio e Paoloni, la difesa: "Nessun fatto concreto"
  40. "Vita impossibile a chi ostacolava Aloisio e Paoloni"
  41. "Quattro ore chiuso nel portabagagli per arrestarli..."
  42. "Con Aloisio? Non ci potevamo vedere"
  43. Scuola Aureart, raccolta firme per non farla chiudere
  44. Abbott e Cittadella, prime accuse in prescrizione
  45. Quel parere "anomalo" sull'Aureart...
  46. Trecentomila euro dalla Asl all'Aureart
  47. Maxiprocesso Asl, fuori l'associazione Caponnetto
  48. La difesa di Aloisio: Daga chi?
  49. Asl, una notifica ingolfa il processo
  50. Maxi processo Asl, giudici incompatibili
  51. Maxi processo Asl già bloccato in partenza
  52. Maxi inchiesta Asl, tutti rinviati a giudizio
  53. "Aloisio non ha preso un euro"
  54. Maxi inchiesta Asl, parola ancora alle difese
  55. Inchiesta Asl, l'indagato Bianchini parla in aula
  56. Asl, le difese: Dov'è la corruzione?
  57. Ventinove richieste di rinvio a giudizio
  58. Inchiesta Asl, riuniti i due filoni
  59. Inchiesta Asl, l'udienza salta per una consulenza
  60. Inchiesta Asl, valanga di eccezioni
  61. Maxi inchiesta Asl, se ne parla tra un mese
  62. Maxi inchiesta Asl, rinvio annunciato
  63. Maxi inchiesta Asl, slitta l'udienza
  64. Maxi inchiesta Asl, al via l'udienza preliminare
  65. Maxi consulenze Asl, danno da 6,5 milioni
  66. Maxi inchiesta Asl, tutti davanti al gup
  67. Inchiesta Asl, 23 richieste di rinvio a giudizio
  68. Sì all'immobile al posto dei conti
  69. Richieste di arresto, nessun ricorso in Cassazione
  70. "Ora si riconosca l'infondatezza delle accuse"
  71. Respinte le richieste di arresto per Aloisio & Co.
  72. Il Gruppo Ro.Ri. pagherà i lavoratori
  73. Gruppo Ro.Ri., stato d'agitazione e due ore di sciopero
  74. Richieste di arresto per Aloisio & co, i giudici si riservano
  75. Inchiesta Asl, oggi l'udienza per le richieste d'arresto
  76. "Dissequestrate i conti degli Angelucci"
  77. Oltre quattro ore di interrogatorio
  78. Aloisio di nuovo dai pm
  79. Carcere per Aloisio & co., a giorni la decisione
  80. Paoloni interrogato per oltre quattro ore
  81. Aloisio interrogato dai pm per sei ore
  82. Richieste di arresto per Aloisio & Co., se ne parla a maggio
  83. Centro diabetologico, disposto il sequestro
  84. Centro diabetologico, i giudici ci pensano
  85. Selvaggini cambia avvocato
  86. Centro diabetologico, la decisione è vicina
  87. Inchiesta Asl, Ceccarelli dai pm
  88. Anche Aloisio vuole essere ascoltato dai pm
  89. Paoloni chiede di essere interrogato
  90. Un immobile al posto dei conti
  91. "Ci sono stati contributi della Isa al Pd"
  92. "I bilanci del Pd controllati dai pm e regolari"
  93. Un'inchiesta pesante e complessa
  94. Inchiesta Asl, spuntano richieste di finanziamenti per Margherita/Pd
  95. Asl, chiuso il secondo filone d'indagine
  96. Gli Angelucci chiedono di pagare i fornitori
  97. Una truffa da oltre 20 milioni di euro
  98. "Il centro diabetologico garantisce il servizio"
  99. Chiesto il sequestro del centro diabetologico
  100. Appalti in cambio di consenso politico
  101. "Chiederemo di essere interrogati"
  102. Asl, 19 gli indagati
  103. Chiusa l'inchiesta Asl
    • Altri articoli

    • Articoli recenti

                               Copyright Tusciaweb srl - 01100 Viterbo - P.I. 01994200564Informativa GDPR