Tusciaweb-150x200-luglio-20-b

    Condividi: Queste icone linkano i siti di social bookmarking sui quali i lettori possono condividere e trovare nuove pagine web.
    • Facebook
    • Twitter
    • LinkedIn
    • Google Bookmarks
    • Webnews
    • Wikio IT
    • YahooMyWeb
    • MySpace
    • Y!GG
  • Stampa Articolo
  • Email This Post

Tribunale - Operazione "Babele" - Maxiretata antidroga in centro, al processo svelato il gergo usato dagli spacciatori per indicare carabinieri e guardia di finanza

“Qui è pieno di formiche, bisogna rinviare lo scambio”

Condividi la notizia:

Operazione Babele - Uno degli arresti

Operazione Babele – Uno degli arresti

Operazione Babele - La droga sequestrata

Operazione Babele – La droga sequestrata

Operazione Babele - La droga sequestrata

Operazione Babele – La droga sequestrata 

Operazione Babele - La droga sequestrata - Clicca per ingrandire

Operazione Babele – La droga sequestrata 

Operazione Babele - La droga sequestrata - Clicca per ingrandire

Operazione Babele – La droga sequestrata 

Viterbo – “Ci sono troppe formiche, facciamo lo scambio un’altra volta”. Così gli spacciatori avrebbero chiamato gli uomini delle forze dell’ordine che li stavano pedinando. E’ la maxiretata antidroga in centro del 10 maggio 2015. Passata alla storia come operazione Babele. 

I presunti spacciatori avrebbero chiamato gli investigatori “formiche” e se ce n’erano troppe in giro rinviavano gli scambi delle partite di sostanza stupefacente in arrivo da Perugia.

E’ il processo a cinque dei 32 arrestati nella maxioperazione, ripreso ieri davanti al giudice Silvia Mattei con feroci scontri tra i difensori e i testimoni dell’accusa, carabinieri e finanzieri. Al centro i contenuti delle intercettazioni telefoniche e ambientali, contestate dagli indagati fin dalla prim’ora. Ma anche il mancato ritrovamento di ingenti quantità di sostanze stupefacenti a casa degli imputati il giorno del blitz. 

In manette finirono italiani, nordafricani e dominicani, tra i quali fece scalpore il giocatore di baseball 35enne Rodolfo Feliz Castillo. Con lui sono sotto processo i connazionali Antonio Morales, Hector Josè Vargas Delgadillo, Angela Josefina Hernandez Abreu e Luciano Santo Hernandez.

In aula un finanziere ha raccontato il ruolo rivestito dai vari personaggi. “Uno portava la droga da Perugia. Siccome però si sono accorti che gli stavamo col fiato sul collo, se ci vedevano in giro rinviavano dicendosi ‘il luogo è pieno di formiche’, perché in gergo ci chiamavano formiche”.

“Una volta il fornitore è venuto a Viterbo e noi eravamo piazzati tra Porta Fiorentina, piazza della Rocca e piazza San Faustino, pronti a fermarlo non appena avvenuto lo scambio. Ma con sé ha portato la compagna e un bimbo piccolo, il posto era pieno di gente, è stato impossibile intervenire, troppo pericoloso. Lo hanno fermato qualche ora dopo i colleghi di Perugia al suo rientro nel capoluogo umbro e gli hanno trovato 2mila euro. Erano il pagamento per 70 grammi di eroina”, ha aggiunto.

Troppo pochi 2mila euro per 70 grammi di eroina, secondo le difese. “Per esperienza – ha spiegato il militare – i pagamenti vengono frazionati. Erano una parte dei soldi dovuti per 70 grammi di eroina”. 

Nelle intenzioni del pm Paola Conti doveva essere un processo lampo, celebrato con l’immediato, evitando il passaggio dall’udienza preliminare, tanta era l’evidenza della prova. I tempi si sono poi allungati a causa della raffica di eccezioni preliminari sollevate dai difensori Samuele De Santis e Gianni Ceccarelli e quindi dall’alternanza di giudici alla guida del processo. 

Le difese hanno sempre perorato la “lieve entità” dello spaccio, sollecitando la revoca delle aggravanti attraverso una revisione dei capi d’imputazione in base ai ruoli rivestiti dai singoli imputati. 


Condividi la notizia:
6 luglio, 2017

Operazione Babele ... Gli articoli

  1. Operazione Babele, processo bis per l'ex giocatore di baseball Feliz Rodolfo Castillo
  2. Spaccio di droga in centro, altri tredici rinvii a giudizio
  3. "'Gnocchi' non significava droga, ma attributi sessuali"
  4. Spaccio di droga in centro, impiegata statale assolta dopo tre anni
  5. Spaccio in centro, 12 patteggiamenti e un'assoluzione
  6. Spaccio di droga in centro, Babele bis non decolla
  7. Inventa un lavoro, nuovi guai per l’ex stella del baseball viterbese
  8. "Nonna coca" slitta ancora l'udienza
  9. Spaccio in centro, trenta indagati
  10. Babele della droga, sarà processo veloce
  11. Babele della droga, difese contro il processo veloce
  12. Processo Babele è subito rinvio
  13. Spaccio in centro storico, l'ultimo uomo nega
  14. Babele, parola all'ultimo latitante
  15. Operazione Babele, arrestato l'ultimo latitante
  16. Evade dai domiciliari, arrestato 'big' della retata Babele
  17. Operazione Babele, arrestato latitante
  18. Droga nel centro storico, in 11 a processo subito
  19. Babele, una decina verso il processo subito
  20. Consumatori di cocaina, ma non spacciatori
  21. Blitz Babele, ordinanza annullata per due fratelli
  22. Maxiretata antidroga, domiciliari entro ventiquattr'ore
  23. "Andremo fino alla Corte europea dei diritti dell'uomo"
  24. I braccialetti elettronici ritardano, gli arrestati rimangono in carcere
  25. "L'impianto accusatorio resta solido"
  26. Babele, in cinque ai domiciliari col braccialetto
  27. Maxiretata antidroga, ore di attesa per gli indagati
  28. Maxiretata antidroga, al Riesame per la libertà
  29. Babele, almeno in cinque tornano a casa
  30. Retata antidroga, interrogatori a tamburo battente
  31. Maxiretata antidroga, il pm chiede i domiciliari per 5 spacciatori
  32. Babele, gli arrestati si difendono
  33. "Custodivo la cocaina per 50 euro"
  34. Maxiretata antidroga, da giovedì gli interrogatori
  35. "Un 'pollo intero' per quattromila euro"
  36. Il mercato della droga spartito tra due bande
  37. Blitz antidroga, 32 arresti e 61 perquisizioni
  38. Blitz antidroga, raffica di arresti e perquisizioni

                               Copyright Tusciaweb srl - 01100 Viterbo - P.I. 01994200564Informativa GDPR