--

--

    Condividi: Queste icone linkano i siti di social bookmarking sui quali i lettori possono condividere e trovare nuove pagine web.
    • Facebook
    • Twitter
    • LinkedIn
    • Google Bookmarks
    • Webnews
    • Wikio IT
    • YahooMyWeb
    • MySpace
    • Y!GG
  • Stampa Articolo
  • Email This Post

Lettere al direttore - Emergenza rifiuti - Scrive Antonio Di Pietro

“Va verificata la capienza dei cassonetti per il numero di utenti”

Rifiuti in località Colleverde

Rifiuti in località Colleverde

Viterbo - Rifiuti a Monterazzano

Viterbo – Rifiuti a Monterazzano

Viterbo – Riceviamo e pubblichiamo – Egregio direttore, desidero esprimere il mio pensiero, tramite il suo giornale, sul tema rifiuti.
 
E’ sotto gli occhi di tutti la situazione insostenibile dei rifiuti sia per le strade dentro la città e sia nelle frazioni e/o periferie.
 
Tutte le cosiddette “isole” sono stracolme, rifiuti di ogni genere riempiono ed occupano totalmente gli spazi. I cassonetti sono insufficienti, i ritiri non vengono effettuati tutti i giorni.
 
Desidero rispondere alla responsabile dell’ufficio Ciambella e all’assessore Toafni che non possono accusare i cittadini di maleducazione per aver speso 250mila euro di interventi straordinari o per aver trovato “5 frigoriferi” da qualche parte.
 
E’ opportuno e necessario verificare innanzi tutto la capienza dei cassonetti per il numero degli utenti nella zona di riferimento poi, controllare se il servizio viene svolto con regolarità e con mezzi sufficienti. 
 
E’ facile “scaricare” e “sparare” nell’anonimato ma, vi sentite a posto con la vostra coscienza?
 
Se il problema rifiuti ha raggiunto livelli esagerati e incontrollabili, di chi è la responsabilità?
 
Se l’egregia dottoressa Ciambella ha il suo sacchetto da smaltire e trova che i “quattro” cassonetti  a disposizione sono pieni, cosa fa?
 
Se gli uomini addetti al ritiro trovano accanto al cassonetto uno o più sacchetti perché questo è pieno, li raccolgono o aspettano che il sacchetto, appena vede vuoto il cassonetto da solo ci s’infila?
 
I punti di raccolta di Grotte e della Volpara chiusi da mesi da cosa sono stati sostituiti?
 
Girate, osservate, passeggiate anche nel centro storico (dovrebbe essere lo specchio della città agli occhi dei turisti) e vi renderete conto di dove siamo… caduti.
 

Antonio Di Pietro
 
 

17 luglio, 2017

Copyright Tusciaweb srl - 01100 Viterbo - P.I. 01994200564