--

--

    Condividi: Queste icone linkano i siti di social bookmarking sui quali i lettori possono condividere e trovare nuove pagine web.
    • Facebook
    • Twitter
    • LinkedIn
    • Google Bookmarks
    • Webnews
    • Wikio IT
    • YahooMyWeb
    • MySpace
    • Y!GG
  • Stampa Articolo
  • Email This Post

Viterbo - Il diretto Bellomo risponde al segretario della Fials Ricci

“Villa Immacolata dovrebbe essere presa come modello”

San Martino al Cimino - Villa Immacolata

San Martino al Cimino – Villa Immacolata

Viterbo – Riceviamo e pubblichiamo la nota del direttore di Villa Immacolata Bellomo al segretario della Fials Vittorio Ricci – La realtà è ben diversa da quanto descritto dal segretario e vado ad esplicitarla.

Il personale in forza a Villa Immacolata risulta essere in numero pari a 431 unità di cui 371 dell’area sanitaria a fronte dei 243 previsti dalle vigenti normative (dato verificato dai sistemi dell’azienda Asl di Viterbo il primo giugno 2017).

La struttura da molto tempo sostiene un costo del lavoro ben superiore a quello previsto e questo per garantire sempre e comunque il massimo dell’assistenza ai suoi ospiti.

Peraltro, nonostante il numero dei posti accreditati sia rimasto immutato e il budget della struttura abbia subito una lieve contrazione, dal 2014 ad oggi è stato incrementato il numero degli infermieri (da 72 ad 80), di operatori socio sanitari (da 54 a 74) e di terapisti (da 101 a 105).

Inoltre la direzione ha sempre provveduto alle eventuali sostituzioni in caso di assenze del personale di lunga durata e per le ferie estive.

Sotto altro profilo, molte sono state le iniziative avviate in questi ultimi tre anni (come ad esempio, l’apertura di nuove palestre, l’avvio dell’attività di robotica riabilitativa, implementazione dell’impianto di climatizzazione in tutta la struttura, dotazione di nuovi sollevatori nei reparti, nonché l’apertura della nuova mensa e del nuovo bar che saranno inaugurati il prossimo 19 luglio 2017) a beneficio degli ospiti e dei lavoratori di Villa Immacolata.

Senza considerare poi gli innumerevoli corsi di formazione specifica organizzati per il personale nello stesso periodo.

Come potrà ben notare, possiamo ben affermare – sulla base di dati oggettivi e non confutabili – che Villa Immacolata potrebbe essere presa a modello di come andrebbero spesi i soldi pubblici.

Per quanto poi attiene alla sterile polemica sui turni del personale, basterebbe valutare come la dirigenza ha affrontato in questi giorni il turno domenicale dei terapisti per comprendere come siano tenuti in debita considerazione sia il rispetto degli standard di personale, sia le condizioni di lavoro dei collaboratori della struttura.

Michele Bellomo
Direttore generale Villa Immacolata

17 luglio, 2017

Copyright Tusciaweb srl - 01100 Viterbo - P.I. 01994200564