Gamboni-infissi-infissi-nov-2017

--
    Condividi: Queste icone linkano i siti di social bookmarking sui quali i lettori possono condividere e trovare nuove pagine web.
    • Facebook
    • Twitter
    • LinkedIn
    • Google Bookmarks
    • Webnews
    • Wikio IT
    • YahooMyWeb
    • MySpace
    • Y!GG
  • Stampa Articolo
  • Email This Post

Tribunale - La giudice Silvia Mattei, nelle motivazioni della sentenza, spiega perché ha condannato la 58enne romana per aver ceduto al medico la dose di eroina che lo ha ucciso

“Manca si drogava da anni e Mileti era la sua spacciatrice”

di Raffaele Strocchia
Condividi la notizia:

Attilio Manca

Attilio Manca

Caso Attilio Manca - Angela Manca, Antonio Ingroia e Gianluca Manca

Caso Attilio Manca – Angela Manca, Antonio Ingroia e Gianluca Manca

Attilio Manca con la madre Angela

Attilio Manca con la madre Angela

I parenti di Attilio Manca, il fratello Gianluca e la madre Angela

I parenti di Attilio Manca, il fratello Gianluca e la madre Angela

Viterbo – Ventidue pagine per spiegare perché ha condannato a cinque anni e quattro mesi Monica Mileti, la 58enne romana che, secondo il tribunale di Viterbo, ha ceduto al medico siciliano Attilio Manca la dose di eroina che lo ha stroncato nel 2004, nel suo appartamento al civico 10 di via Claudio Monteverdi, nel quartiere Grotticella, a Viterbo.

E’ il Caso Manca, che il giudice Silvia Mattei ha definito una “vicenda complessa”. Una “tragedia di droga”, per la magistratura viterbese. Un “omicidio di mafia”, per la famiglia Manca, secondo la quale l’urologo dell’ospedale di Belcolle è stato ucciso, a soli 35 anni, dopo aver visitato e curato il boss della mafia Bernardo Provenzano. Una tesi, questa, destinata a non trovare conferma nelle aule di giustizia, alla luce anche dell’imminente richiesta di archiviazione della procura antimafia di Roma che stava indagando, contro ignoti, per omicidio.

Il processo a Monica Mileti inizia il 23 ottobre 2014. “L’istruttoria dibattimentale – spiega il giudice Mattei nelle motivazioni della sentenza -, ampia e articolata, non si è limitata a esaminare le prove a carico dell’imputata in relazione al reato di spaccio, ma ha avuto a oggetto una serie di elementi apparentemente non direttamente riferibili al reato contestato che, tuttavia, si è ritenuto opportuno prendere in esame per valutare, infine escludendola, la possibilità di individuare cause alternative alla morte di Manca”. Ovvero, l’omicidio di mafia.

Undici udienze, tre giudici, decine di documenti acquisti e dodici testimoni escussi. “Le testimonianze raccolte – scrive il giudice Mattei – conducono univocamente a individuare in Mileti la fornitrice di stupefacenti di Manca che, è chiaramente emerso, era da circa quindici anni assuntore di stupefacenti, dal prima del tipo leggero e successivamente di eroina. La circostanza ha trovato conferma anche nell’esame tricologico, nonché nella frequentazione con l’imputata che non risulta avesse avuto altri motivi per rapportarsi con il medico”. Per il giudice, del “vizio di Manca non si ha motivo di dubitare. Gli unici elementi seriamente provati in atti sono quelli che inducono a ritenere che sia deceduto per overdose a seguito dell’assunzione volontaria di eroina acquistata da Mileti“. Inoltre, sottolinea Mattei, “non risultano in atti elementi dotati della benché minima valenza probatoria che consentano di riferire la morte di Manca, e quindi della cessione della sostanza, ad altre persone. Né circostanze che inducano a ritenere che la sostanza letale sia stata forzatamente somministrata alla vittima”. E, ribadisce, “altre ipotesi sono estranee all’attuale vicenda processuale”.

Tra i dodici testimoni escussi, la madre di Manca, i colleghi dell’urologo, i suoi amici di infanzia, poliziotti e medici. “Su nessuno dei testi menzionati – sottolinea il giudice – vi è stato motivo di sospetto, avendo reso una deposizione lineare e coerente oltre che estremamente precisa e ricca di dettagli. Nessun elemento ha indotto a dubitare della loro attendibilità”. In aula, i colleghi e la madre di Manca “hanno riferito di non aver mai saputo che il medico facesse uso di stupefacenti, né di aver mai avuto modo di dubitarne. Tuttavia la loro deposizione non costituisce una smentita certa della qualità di assuntore di Manca, essendo emerso che riusciva a gestire il proprio vizio rimanendo anche per mesi privo della sostanza e riuscendo a non farsi condizionare nell’attività professionale”.

Mattei ammette che “non esiste una prova diretta della cessione dello stupefacente da Mileti a Manca nei giorni immediatamente precedenti il decesso”. Eppure, “ritiene che esistano una serie di elementi che inducono a ritenere che l’autrice della cessione fatale sia stata l’imputata”. A partire dai “plurimi contatti (telefonici, ndr) nei giorni immediatamente precedenti la morte di Manca”, fino al presunto incontro, a Roma, del 10 febbraio 2004, ovvero due giorni prima il ritrovamento, quando secondo il giudice “è avvenuta la cessione”. Un episodio “non isolato, per niente estemporaneo, ma, al contrario, solo uno dei molteplici episodi di cessione protrattisi per molti anni – scrive Mattei -. Un rapporto (quello tra Manca e Mileti, ndr) che, alla data della morte, durava da circa dieci anni”.

Ed ecco perché il giudice ha escluso, andando contro la richiesta del difensore di Mileti, la lieve entità del fatto. “Sebbene sia imputata per quell’unica letale cessione, in realtà costituisce solo l’ultima cessione che, per l’esito tragico che ha avuto, è balzata all’attenzione degli inquirenti e ha consentito di individuare un rapporto ben consolidato e protratto per anni (tra Manca e Mileti, ndr)”.

Per il giudice, la 58enne non può essere considerata una “spacciatrice occasionale o per necessità” perché “ha fatto dello spaccio un sistema di vita, seppur per alimentare anche il proprio vizio. Aveva ampia disponibilità di sostanza, tanto da essere in grado di approvvigionare più consumatori contemporaneamente, previo ordine telefonico”.

Mattei ribadisce che “Mileti non era una spacciatrice da strada, ma un soggetto che si muoveva con prudenza e discrezione, che agiva in un mondo di vizio sotterraneo, privo della spregiudicatezza disperata delle piazze di spaccio”. E per questo, secondo il giudice, “aveva meritato la fiducia dell’urologo Attilio Manca, medico con brillanti prospettive di carriera che, certamente, non poteva rivolgersi a chiunque per gli acquisti”. Mileti “era la sua unica fornitrice. Veniva contattata telefonicamente e l’incontro avveniva su appuntamento”.

La 58enne avrebbe adottato anche alcune precauzioni, come “l’uso di una scheda telefonica intestata ad altri”. Per il giudice, questi sono tutti elementi che “amplificano la sua offensività”, perché se “l’acquisto da un soggetto riservato, isolato ed esclusivo è da un lato più sicuro per il consumatore, dall’altro è più pericoloso in una prospettiva di repressione sociale del fenomeno”. Inoltre, la morte di Manca “è stata determinata – scrive Mattei – dall’assunzione di ‘una elevata quantità di morfina’. Nell’appartamento sono state rinvenute ben due siringhe usate, indice del fatto che il medico, nell’arco di poche ore, aveva assunto lo stupefacente per almeno due volte, dovendosi da ciò desumere che ne aveva acquistato in quantità corrispondenti da Mileti”.

Ricondurre il fatto al piccolo spaccio, spiega il giudice, “significherebbe svalutare la gravità della condotta. Monica Mileti, come evincibile dalle due condanne già subite per lo stesso reato, è da anni sulla piazza clandestina dello spaccio, indice inequivocabile di una certa pericolosità sociale”. Mattei, concedendo le attenuanti generiche, ha applicato lo sconto di un terzo della pena, condannando la 58enne a cinque anni e quattro mesi di reclusione e 18mila euro di multa.

Raffaele Strocchia


Condividi la notizia:
15 agosto, 2017

Caso Manca ... Gli articoli

  1. "Caso Manca, le indagini sono tutte da rifare"
  2. Caso Manca, petizione per riesumazione cadavere
  3. Anche il tribunale di Roma archivia il caso Manca: "Non fu omicidio di mafia"
  4. "Riesumate il cadavere di Attilio Manca"
  5. Gli ultimi giorni di Manca e l'ora della morte
  6. "Nessun rapporto tra Provenzano e Manca"
  7. "Il naso deviato? Solo un effetto ottico..."
  8. "Caso Manca, nessun elemento per avvalorare la tesi della famiglia"
  9. "Omicidio Manca, pentiti non credibili e versioni contrastanti"
  10. "Mileti condannata senza prove..."
  11. Monica Mileti alle Iene: "Io capro espiatorio"
  12. Blitz delle Iene a Viterbo per intervistare l'ex magistrato Renzo Petroselli
  13. "Attilio Manca vittima di mafia, ma lo Stato non vuole ammetterlo"
  14. "Caso Manca, anche la procura di Roma chiederà l'archiviazione"
  15. "Provenzano a Viterbo dopo l'operazione alla prostata"
  16. No all'archiviazione, firma anche Fiorella Mannoia
  17. Monica Mileti: "Sono innocente"
  18. "Attilio ucciso per la seconda volta"
  19. "Non si è fatta giustizia"
  20. Caso Manca, 5 anni e 4 mesi a Monica Mileti
  21. Caso Manca, la procura chiede 4 anni e mezzo
  22. Caso Manca, è il giorno della sentenza
  23. "Caso Manca, la procura di Roma indaga per omicidio"
  24. "Ecco perché fu ucciso da un mix di droga, alcol e medicinali"
  25. "Nessun segno di violenza sul corpo di Attilio"
  26. "Tra Attilio e Monique un fitto scambio di telefonate..."
  27. La scientifica: "Non abbiamo trovato impronte in casa di Attilio"
  28. "Ho visto Attilio iniettarsi eroina"
  29. L'ultimo sms di Mileti a Manca: "Che hai combinato?"
  30. "Attilio faceva uso di eroina"
  31. "Dopo Attilio vogliono uccidere anche noi"
  32. "Dalla procura di Viterbo non mi aspetto più nulla..."
  33. "Suicidate Attilio Manca", la presentazione alla Camera
  34. "Non ci sono giudici solo a Berlino, ma anche a Viterbo..."
  35. Calunnia, prosciolto Antonio Ingroia
  36. Calunnia, Ingroia davanti al gup
  37. Caso Manca, niente proscioglimento per l'imputata
  38. Caso Manca, processo di giudice in giudice
  39. "Attilio ucciso da un ufficiale dei servizi"
  40. Chiesto il rinvio a giudizio per Antonio Ingroia
  41. "Tracce infinitesimali sulle siringhe"
  42. "Caso Manca, è il momento di fare chiarezza"
  43. "Abbiamo fornito nuovi chiarimenti sulle indagini"
  44. "Pignatone aperto e disposto ad andare fino in fondo"
  45. Caso Manca, Ingroia a Pignatone: "E' stato omicidio di mafia"
  46. Pazienti e Petroselli in commissione antimafia
  47. Calunnia, indagine su Ingroia in dirittura d'arrivo
  48. Caso Manca, rinviata l'audizione dei magistrati
  49. "Inchiesta gestita con eccessiva sufficienza"
  50. "Vicenda che ha bisogno di punti fermi"
  51. "Due spinelli al liceo non fanno di Attilio un drogato"
  52. "La madre di Manca sapeva che il figlio si drogava"
  53. Magistrati viterbesi in commissione antimafia
  54. "Ha ritrattato perché la moglie vuole restare a Casal di Principe"
  55. Magistrati in commissione antimafia il 17 dicembre
  56. Caso Manca, interrogazione bis dei senatori 5 Stelle
  57. "Non ho capito perché sono stato convocato..."
  58. "Cercassero gli assassini di Manca"
  59. "Una vicenda sempre più sbalorditiva"
  60. Ingroia indagato per calunnia
  61. Pazienti e Petroselli davanti alla commissione antimafia
  62. Il caso Manca in commissione antimafia
  63. "Setola non avrebbe mai potuto essere sentito a Viterbo"
  64. "Nessuna intenzione di accertare la verità"
  65. Parte civile fuori dal processo Manca
  66. Caso Manca, la Dda apre un fascicolo
  67. "Se è un omicidio di mafia non è competente Viterbo"
  68. "Un'opportunità importante per riaprire le indagini"
  69. I familiari di Manca: "Siamo fiduciosi"
  70. Il caso Manca potrebbe essere riaperto
  71. Salta il processo Manca
  72. Caso Manca, inizia il processo
  73. "Non c'è traccia di Manca nell'operazione a Provenzano"
  74. Una manifestazione per ricordare Attilio Manca
  75. Servizio Pubblico - Le immagini di Attilio Manca morto
  76. "Cose inenarrabili accadute in questo palazzo di giustizia..."
  77. Caso Manca, rinviata a giudizio l'unica indagata
  78. "Indagini-farsa, il pm accusa mio figlio"
  79. "L'importante è che si arrivi a un processo"
  80. Caso Manca, chiesto il rinvio a giudizio per spaccio
  81. "Ci costituiremo parte civile"
  82. "Prove manomesse e falsificate"
  83. Ingroia: "Coinvolgeremo la Procura nazionale antimafia"
  84. Caso Manca, udienza ad alto rischio
  85. Un omicidio di stampo mafioso, un'inchiesta sciatta e superficiale
  86. Manca non era in ospedale
  87. "Provenzano accennò a mio padre di un giovane medico..."
  88. Caso Manca, il 13 gennaio l'udienza preliminare
  89. Antonio Ingroia avvocato della famiglia Manca
  90. Caso Manca, chiesta ispezione in tribunale
  91. Caso Manca, solo "illazioni e congetture"
  92. "Dieci anni di domande senza risposte"
  93. Sonia Alfano: "Inchiesta gestita in modo vergognoso"
  94. Salvatore Borsellino: "Giustizia negata"
  95. "Un altro piccolo grande mistero italiano"
  96. "Caso Manca, se ne occupi la Procura nazionale antimafia"
  97. "Mio figlio è morto per volontà del capo della mafia Provenzano"
  98. "Vogliamo la riapertura del caso"
  99. Chiuso il caso Manca
  100. Consulenze sulle siringhe e sull'impronta nel bagno
  101. "Chiederemo di acquisire i video della conferenza in procura"
  102. Caso Manca, a ottobre l'udienza
  103. Richieste di archiviazione, i Manca si oppongono
  104. Chi dice che Attilio si drogava?
  105. Caso Manca, Lumia interroga il ministro della Giustizia
  106. "Pronti a opporci alle richieste di archiviazione"
  107. "Una delle pagine più tristi della giustizia italiana"
  108. "La Procura inerte sulla pista Provenzano"
  109. "Non è un omicidio di mafia, è una disgrazia di droga"
  110. Caso Manca, cinque richieste di archiviazione
  111. Caso Manca, chiuse le indagini
  112. Fattorini a Chi l'ha visto: "Manca non si drogava"
  113. Provenzano si nascondeva nell'Alto Lazio
  114. Manca, il fratello: "Indagini blande e superficiali"
  115. "Per noi è un successo, andiamo avanti"
  116. Manca non si è suicidato
  117. Manca, non è stato omicidio di mafia
  118. Il libro su Attilio Manca a Napolitano
  119. "Metta fine a questa logorante attesa"
  120. Fumogeno nel giardino dei Manca
  121. La morte di Attilio non merita l'archiviazione
  122. "Sento che la decisione è vicina..."
  123. "Attilio, ucciso nel più barbaro dei modi"
  124. La madre di Manca: "Vogliono ucciderci"
    • Altri articoli

    • Articoli recenti

                               Copyright Tusciaweb srl - 01100 Viterbo - P.I. 01994200564Informativa GDPR