--
    Condividi: Queste icone linkano i siti di social bookmarking sui quali i lettori possono condividere e trovare nuove pagine web.
    • Facebook
    • Twitter
    • LinkedIn
    • Google Bookmarks
    • Webnews
    • Wikio IT
    • YahooMyWeb
    • MySpace
    • Y!GG
  • Stampa Articolo
  • Email This Post

Le analisi dell'Arpa confermano le previsioni del sindaco Sergio Caci - Nessun timore per i bagnanti di fine agosto - Polemiche con Goletta Verde

“Il mare di Montalto e Pescia è pulito e la fioritura di alghe è un buon segno”

Condividi la notizia:

Pescia Romana - L'acqua verdastra

Pescia Romana – L’acqua verdastra

 

Montalto di Castro - Il sindaco Sergio Caci

Montalto di Castro – Il sindaco Sergio Caci

Montalto di Castro – Bagni sereni per i vacanzieri di fine agosto. Il litorale della Maremma etrusca è a prova di tuffo. Lo aveva anticipato il sindaco a cavallo di ferragosto, lo confermano ora anche le analisi dell’Arpa. 

“Il mare di Montalto e Pescia è pulito e la presenza della fioritura di alghe è un buon segno. Approfitto per ringraziare l’assessore all’ambiente Luca Benni, il coordinamento della guardia costiera ed in particolare i tecnici di Arpa Lazio per essere stati così veloci e chiari”, spiega il sindaco Sergio Caci, tranquillizzando chi ha temuto si trattasse di inquinamento.

“Il Comune, inoltre – prosegue Caci – da giorni sta cercando di contattare Goletta Verde, senza successo. Infatti, erano apparse, intorno a ferragosto, risultati di analisi (tra l’altro fatte a giugno) che l’assessorato all’ambiente vorrebbero visionare e ripetere”.

“La relazione finale dell’Arpa Lazio, Agenzia regionale protezione ambientale, ha messo in evidenza che i parametri microbiologici rientrano nei limiti tabellari per l’idoneità alla balneazione, escludendo un inquinamento derivante da possibili scarichi a mare”, assicurano dal Comune di Montalto di Castro.

“Le analisi – spiegano dal Comune – evidenziano, invece, la presenza di fioriture algali: fenomeni naturali che in particolari condizioni, ambientali e climatiche, possono raggiungere concentrazioni di milioni di cellule x litro provocando, tra l’altro, colorazioni anomale delle acque, schiume in superficie e morie di pesci”.

“Ricordo – conclude il primo cittadino, Sergio Caci – che questo fenomeno, in presenza di alte temperature, si ripete ogni anno. Pur sapendolo abbiamo allertato immediatamente la guardia costiera e Arpa Lazio, al fine di tranquillizzare i frequentatori delle nostre spiagge”. 


Condividi la notizia:
28 agosto, 2017

    • Altri articoli

    • Articoli recenti

                               Copyright Tusciaweb srl - 01100 Viterbo - P.I. 01994200564Informativa GDPR