- Viterbo News – Viterbo Notizie – Tusciaweb – Tuscia News – Newspaper online Viterbo – Quotidiano on line – Italia Notizie – Roma Notizie – Milano Notizie – Tuscia web - http://www.tusciaweb.eu -

Sarà scontro Nocchi – Equitani

Condividi la notizia:
  • Tweet [1]
  • [2]
  • [3]

Pietro Nocchi [4]

Pietro Nocchi

Paolo Equitani [5]

Paolo Equitani

Viterbo – (g.f.) – Elezioni provinciali, sarà scontro fra Pietro Nocchi – Paolo Equitani.

A pochi giorni dal termine ultimo per la consegna delle liste, si delinea il quadro per le votazioni che essendo di secondo livello, interessano consiglieri comunali e sindaci della Tuscia.

Il Partito democratico punta su Nocchi, appena eletto sindaco a Capranica. Un ok che arriva in modo unitario, dopo la riunione con i primi cittadini Democratici e da ratificare in direzione.

La proposta del segretario provinciale Andrea Egidi ha raccolto i consensi necessari e i due candidati della prima ora, Gianluca Angelelli ed Eugenio Stelliferi, hanno fatto un passo indietro.

Sul fronte opposto, invece, la scelta è caduta su un politico navigato. Paolo Equitani. Al suo terzo mandato da sindaco di Bolsena, è stato anche assessore provinciale e vice presidente a palazzo Gentili, ma nella vecchia “configurazione” dell’ente.

Si vota il 17 settembre ed entro mezzogiorno del 28 agosto c’è tempo per presentare le liste. Che con tutta probabilità saranno almeno quattro. Due da una parte e due dall’altra.

Il centrodestra, oltre a quella “ufficiale” dei partiti, ne avrà un’altra. Predisposta da amministratori che da tempo stanno raccogliendo firme.

Non avrà indicazioni sul presidente, perché sosterrà Equitani.

Sul fronte opposto, saranno altrettante le liste. Quella ufficiale del centrosinistra e quindi Moderati e Riformisti. Sempre che Mo.Ri. raggiungano un’intesa con gli altri della coalizione.

Un incontro è in programma in settimana. Ma ormai i giochi sembrano fatti. Mancano soltanto le dichiarazioni ufficiali d’intenti. Come per l’Udc che lunedì s’incontra per l’ok a Equitani.


Condividi la notizia:
  • Tweet [1]
  • [2]
  • [3]
  • Tweet [1]
  • [2]
  • [3]