__

    Condividi: Queste icone linkano i siti di social bookmarking sui quali i lettori possono condividere e trovare nuove pagine web.
    • Facebook
    • Twitter
    • LinkedIn
    • Google Bookmarks
    • Webnews
    • Wikio IT
    • YahooMyWeb
    • MySpace
    • Y!GG
  • Stampa Articolo
  • Email This Post

Montalto di Castro - La rabbia di Lusciana Santi: sciacalli in azione nell'appartamento delle vacanze

Torna nella casa di Ussita e la trova svuotata

Ussita - Quel che resta dei mobili di casa della signora Lusciana Santi

Ussita – Quel che resta dei mobili di casa della signora Lusciana Santi

Ussita - Quel che resta dei mobili di casa della signora Lusciana Santi

Ussita – Quel che resta dei mobili di casa della signora Lusciana Santi

Ussita - Casa della signora Lusciana Santi

Ussita – Casa della signora Lusciana Santi

Ussita - Casa della signora Lusciana Santi

Ussita – Casa della signora Lusciana Santi

Montalto di Castro – Aspettava di recuperare qualche mobile dalla sua casa delle vacanze a Ussita. Ma quando, giorni fa, è andata di persona nel paesino del Maceratese, raso al suolo dal terremoto, non ha trovato più neanche gli interruttori. 

Lusciana Santi, di Montalto di Castro, è infuriata. Condivide la sua rabbia sul gruppo Facebook “Ussita punto e a capo”, creato dopo il sisma dagli abitanti. Gente che ha perso il lavoro e la casa. E, nel caso di Lusciana, perfino ciò che quelle quattro mura contenevano. 

“Hanno rubato tutto, persino porte, lampadari, tutto”, scrive la signora. La casa si trova nella frazione di Calcara. In piena zona rossa. Dovrà essere demolita. 

Santi aveva chiesto già da tempo di poter recuperare mobili e oggetti rimasti in casa prima della demolizione, ma la ditta incaricata dei lavori l’aveva bloccata: troppo pericoloso entrare nell’abitazione.

Tornata a Ussita, la brutta sorpresa di trovare solo alcuni pensili, le griglie in ghisa dei fornelli e altri mobili e accessori della cucina rimossi e abbandonati in giardino. 

Lei ha chiamato i vigili del fuoco e i carabinieri, che adesso indagano. 

12 agosto, 2017

Copyright Tusciaweb srl - 01100 Viterbo - P.I. 01994200564