Tusciaweb-150x200-luglio-20-b

    Condividi: Queste icone linkano i siti di social bookmarking sui quali i lettori possono condividere e trovare nuove pagine web.
    • Facebook
    • Twitter
    • LinkedIn
    • Google Bookmarks
    • Webnews
    • Wikio IT
    • YahooMyWeb
    • MySpace
    • Y!GG
  • Stampa Articolo
  • Email This Post

Barcellona - Era sulla Rambla insieme alla moglie e ai figli - La notizia dai colleghi di lavoro

Un italiano fra i tredici morti nell’attentato

Condividi la notizia:

Bruno Gulotta

Bruno Gulotta

Barcellona –  Un italiano fra le tredici vittime dell’attentato a Barcellona. Si tratta di Bruno Gulotta.

Aveva 35 anni ed era di Legnano. A darne la notizia, sono i suoi colleghi.

Era responsabile marketing e vendite di Tom’s Hardware Italia, è morto ieri a Barcellona, mentre era in vacanza con la sua famiglia, la moglie e i suoi due figli.

Travolto dal mezzo che viaggiava senza controllo, guidato da un folle omicida lungo il viale. L’uomo è morto di fronte alla compagna e ai suoi due bambini.

“Alla compagna Martina e ai due figlioletti di Bruno – scrivono i colleghi – vanno il nostro affetto e la nostra solidarietà”.

Sul sito internet dell’azienda, la conferma del decesso. “La notizia ci è giunta all’improvviso ieri sera nel clima spensierato della settimana di ferragosto – scrivono da Tom’s Hardware – il collega e amico Bruno Gulotta è stato travolto e ucciso da un infame terrorista nel cuore di Barcellona.

Era lì in ferie, insieme con la sua compagna e con i due figli. Aveva postato su Facebook le tappe del suo percorso e tutto sembrava procedere come uno si aspetterebbe da un viaggio di vacanza.

Una foto da Cannes, una dalle Ramblas di Barcellona. E poi quello che nessuno si aspetta: la morte di un giovane uomo, padre e compagno di vita della madre dei suoi figli”.

Una notizia che ha lasciato nello sconforto i suoi colleghi.

“Abbiamo passato la sera e la notte cercando di mantenerci lucidi – scrivono – a comunicare ai colleghi e ai conoscenti più stretti la notizia e tutti mi chiedevano se fosse uno scherzo macabro o la realtà. È una tragedia che ci colpisce sotto tanti aspetti, uno più drammatico dell’altro”.

Pensando alla moglie e ai figli. “Ci immedesimiamo nella compagna Martina, che con la forza di una giovane mamma si troverà davanti prove che nessuno dovrebbe mai sostenere”.


Condividi la notizia:
18 agosto, 2017

                               Copyright Tusciaweb srl - 01100 Viterbo - P.I. 01994200564Informativa GDPR