--

--

    Condividi: Queste icone linkano i siti di social bookmarking sui quali i lettori possono condividere e trovare nuove pagine web.
    • Facebook
    • Twitter
    • LinkedIn
    • Google Bookmarks
    • Webnews
    • Wikio IT
    • YahooMyWeb
    • MySpace
    • Y!GG
  • Stampa Articolo
  • Email This Post

Tuscania - Il sindaco Fabio Bartolacci dopo la tromba d'aria che ha attraversato il paese scoperchiando case, capannoni e ha abbattuto alberi

“Chiederemo lo stato di calamità”

Tuscania - La casa danneggiata dalla tromba d'aria

Tuscania – La casa danneggiata dalla tromba d’aria

Tuscania - La casa danneggiata dalla tromba d'aria

Tuscania – La casa danneggiata dalla tromba d’aria

Tuscania - La casa danneggiata dalla tromba d'aria

Tuscania – La casa danneggiata dalla tromba d’aria

Tuscania - La casa danneggiata dalla tromba d'aria

Tuscania – La casa danneggiata dalla tromba d’aria

Tuscania - La casa danneggiata dalla tromba d'aria

Tuscania – La casa danneggiata dalla tromba d’aria

Tuscania - Alberi crollati per la tromba d'aria

Tuscania – Alberi crollati per la tromba d’aria

Tuscania - La casa danneggiata dalla tromba d'aria

Tuscania – La casa danneggiata dalla tromba d’aria

Tuscania - IL capannone scoperchiato dalla tromba d'aria

Tuscania – IL capannone scoperchiato dalla tromba d’aria

Tuscania – Il sindaco di Tuscania Bartolacci: “Chiederemo lo stato di calamità”. La tromba d’aria che ha attraversato una parte della Tuscia domenica scorsa ha creato non pochi danni. Fabio Bartolacci, col comandante dei carabinieri Ciro Laudonia, ha fatto una ricognizione nelle aziende della zona più colpite.

E questa mattina ha predisposto la delibera per inoltrare la richiesta dello stato di calamità.

“La tromba d’aria – spiega Bartolacci – ha attraversato, in particolare, Montebello e la Carcarella, colpendo capannoni, stalle e casali. Ha
scoperchiato il tetto di una casa di vacanza. Chiediamo che questi danni vengano rimborsati dalla Regione”.

I più colpiti, dunque, sono stati gli agricoltori. Una ventina le aziende contate dal sindaco nel sopralluogo. “Ringrazio i vigili del fuoco e la protezione civile intervenuti per alberi abbattuti dalle raffiche di vento. I danni sono ingenti. E si tratta della seconda volta dopo la tromba d’aria di 10 anni fa che ha nuovamente attraversato il nostro territorio. 

Bisogna iniziare a pensare a come affrontare questi eventi naturali che si verificano con sempre più frequenza. La Regione si attivi per creare un fondo che, in casi eccezionali come questi, possa garantire rimborsi agli agricoltori visto che il settore è già in ginocchio ed è difficile rialzare la testa. Noi invieremo subito la nostra richiesta – conclude Bartolacci – e vedremo il da farsi”.

Prima di arrivare a Tuscania la tromba d’aria è passata per Tarquinia, dove un fulmine ha preso una torre nel centro storico, tra via di Porta Castello e piazza Duomo, facendo crollare dei calcinacci su un’auto parcheggiata. Si sono verificati inoltre diversi allagamenti, specie sotto il ponte nei pressi della stazione ferroviaria che porta al Lido.

12 settembre, 2017

Copyright Tusciaweb srl - 01100 Viterbo - P.I. 01994200564