Gamboni-infissi-infissi-nov-2017

--
Caffeina-Stagione-Teatrale-580x60
    Condividi: Queste icone linkano i siti di social bookmarking sui quali i lettori possono condividere e trovare nuove pagine web.
    • Facebook
    • Twitter
    • LinkedIn
    • Google Bookmarks
    • Webnews
    • Wikio IT
    • YahooMyWeb
    • MySpace
    • Y!GG
  • Stampa Articolo
  • Email This Post

Tribunale - Otto mesi e 400 euro di multa per furto in abitazione - Assolto il presunto complice

Occupa una casa popolare e la svaligia, condannato

Condividi la notizia:

Il tribunale di Viterbo

Il tribunale di Viterbo

Viterbo – Occupa una casa popolare, per più di anno. Poi la svaligia, con un amico. Lui è stato condannato a otto mesi di reclusione e 400 euro di multa per furto. Mentre il presunto complice è stato assolto, perché il fatto non costituisce reato.

La sentenza è stata pronunciata ieri dal giudice del tribunale di Viterbo, Silvia Mattei. E’ l’agosto del 2012 quando i carabinieri sarebbero stati contattati dall’assegnatario della casa popolare: “Sul balcone ci sono due uomini intenti a smontare la parabola”, avrebbe detto ai militari, che si precipitano sul posto.

Arrivati, gli uomini dell’arma entrano nell’appartamento. “Quella non era più una casa – esordisce in aula l’appuntato scelto intervenuto, sentito prima della sentenza -. Era stato distrutto tutto: porte, mobili, termosifoni e caldaia. Ma io non ho visto la coppia, ancora nell’appartamento, portare via nulla. Ma uno dei due è stato poi denunciato per occupazione abusiva: viveva in quell’appartamento da più di un anno”.

Sentito il testimone, il pm ha chiesto una pena di otto mesi di reclusione e 400 euro di multa per l’uomo che avrebbe occupato e svaligiato l’appartamento, e l’assoluzione per il suo presunto complice. Entrambe le richieste, come formulate, sono state accolte dal giudice Mattei.


Condividi la notizia:
21 settembre, 2017

    • Articoli recenti

                               Copyright Tusciaweb srl - 01100 Viterbo - P.I. 01994200564Informativa GDPR