--
    Condividi: Queste icone linkano i siti di social bookmarking sui quali i lettori possono condividere e trovare nuove pagine web.
    • Facebook
    • Twitter
    • LinkedIn
    • Google Bookmarks
    • Webnews
    • Wikio IT
    • YahooMyWeb
    • MySpace
    • Y!GG
  • Stampa Articolo
  • Email This Post

Elezioni provinciali - Le previsioni della vigilia e i dubbi di Viva Viterbo e altri gruppi

I probabili eletti e le possibili sorprese

Condividi la notizia:

Pietro Nocchi

Pietro Nocchi

Paolo Equitani

Paolo Equitani

Giacomo Barelli

Giacomo Barelli

Leonardo Michelini

Leonardo Michelini

Viterbo – (g.f.) – Elezioni provinciali. Domenica il voto, ma tra i due schieramenti già si comincia a fare i conti. Sono votazioni di secondo livello. Alle urne, consiglieri, sindaci e assessori (esterni esclusi).

Basandosi sull’orientamento politico di ognuno, si possono avanzare ipotesi. Più o meno attendibili. Perché nel segreto dell’urna, le intenzioni di voto possono pure rimanere tali.

Montefiascone fa scuola. Centrodestra diviso tra il candidato consigliere provinciale Massimo Paolini (sindaco falisco in lista con Mo.Ri.) e presidente. Paolo Equitani.

Tuttavia, sulla carta, il centrosinistra parte avvantaggiato. Nello schieramento c’è chi vede entrare a palazzo Gentili sei consiglieri Pd, tre Moderati e Riformisti e altrettanti al centrodestra. L’ottimismo è il sale delle elezioni.

Occhi puntati su Viterbo e i centri maggiori. Vale la regola dei grandi numeri. Più popolazione hanno i comuni e maggiore è il peso degli elettori.

Dovendo scegliere su chi puntare, nel Pd Gianluca Angelelli, Maurizio Palozzi, Aldo Fabbrini e Francesco Serra sono quelli che partono col favore dei pronostici. E con loro, pure Lina Novelli ed Eugenio Stelliferi.

Sempre in zona centrosinistra, tra i Moderati e Riformisti, Livio Treta e Massimo Paolini partono avvantaggiati rispetto ai loro colleghi di lista.

Ma è nel centrodestra che le previsioni si fanno più complicate.

Gianluca Grancini ed Elpidio Micci, se la sponda dei loro colleghi nel comune di Viterbo tiene, potrebbero farcela. Ma va considerato che Forza Italia ha dato indicazioni precise. Consalvo Dolci da Marta e il sindaco di Tarquinia Pietro Mencarini. Giulio Marini, consigliere azzurro del capoluogo, si atterrà alle indicazioni?

La partita è aperta.

In termini assoluti, ad esempio, è probabile che Alessandro Romoli, sindaco di Bassano in Teverina, possa ottenere un discreto numero di voti, ma probabilmente da centri il cui peso, essendo inferiore, gli renderanno in salita la strada che porta a via Saffi.

Mentre al comune di Viterbo, dove una scelta piuttosto che un’altra può fare la differenza, Chiara Frontini (Viterbo 2020) quale farà? Oppure Sergio Insogna. Un socialista che difficilmente voterà un altro socialista, Massimo Paolini.

Poi, Viva Viterbo. Filippo Rossi e Maria Rita De Alexandris. Nel comune capoluogo sono passati all’opposizione. Erano pure allo stesso tavolo del centrodestra al Richiastro, nell’ormai famosa cena.

Eppure, c’è chi è pronto a scommettere che la loro preferenza possa andare a un candidato dello schieramento opposto. Francesco Serra. Pazza idea? All’apparenza sì, visto che fra l’esponente Pd e Rossi in particolare, non è mai corso buon sangue.

Ma in politica si sa, gli umori e gli equilibri possono cambiare e in fretta. Non ditelo, però, al responsabile cittadino del movimento, Giacomo Barelli. “Viva Viterbo – taglia corto Barelli – è e rimane una lista civica vera. Non c’entra nulla con Forza Italia, Fratelli d’Italia o altri partiti. Siamo civici e il nostro leader è Filippo Rossi”.

Che però non è candidato e quindi non si può (auto) votare.

Sempre a palazzo dei Priori, Gianmaria Santucci (Fondazione) ha scelto chi appoggiare? Di certo, il primo a saperlo sarà Vittorio Galati. Con Santucci va abbastanza d’accordo. Due consiglieri e una preferenza.

E il sindaco Leonardo Michelini? Scontato il voto al candidato presidente Pietro Nocchi, ma il consigliere? Della sua maggioranza sono tre quelli in corsa, Fabbrini, Serra (Pd) e Treta (Mo.Ri.). Il primo cittadino non può fare nemmeno testa o croce.


Condividi la notizia:
14 settembre, 2017

Provinciali 2017 ... Gli articoli

  1. È il momento di Pietro Nocchi
  2. "Siamo stati determinanti per la vittoria"
  3. "Sapevamo di perdere, ma abbiamo rimesso insieme il centrodestra"
  4. "Primo obiettivo, la ricerca di fondi"
  5. Maurizio Palozzi e Pietro Mencarini i più votati
  6. "L'alleanza tra Pd e Moderati e Riformisti ha funzionato"
  7. "Una vittoria oltre le più rosee aspettative"
  8. "Il Pd c'è ed è forte"
  9. "Il nostro contributo determinante per la vittoria"
  10. "Nocchi saprà guidare la Provincia con forza e autorevolezza"
  11. Entrano Serra, Palozzi, Treta e Grancini
  12. Elezioni provinciali, ha votato l'87,2%
  13. Aldo Moneta batte tutti, è il primo a votare
  14. Paolo Equitani o Pietro Nocchi, parola alle urne
  15. “Voteremo Equitani, contro le alchimie del centrosinistra fioroniano"
  16. "Il sindaco non mi vota di sicuro..."
  17. "Provinciali, Rifondazione comunista non partecipa al voto"
  18. "Le province spariscono, le poltrone rimangono"
  19. “La mia candidatura ha ricompattato la maggioranza”
  20. Caso Montefiascone, centrodestra ancora in fibrillazione
  21. "Voteremo Paolini, per il presidente libertà di coscienza"
  22. “Non ho stretto nessun accordo”
  23. "Voteremo Paolini consigliere ed Equitani presidente"
  24. "Tutti i sindaci sono in campo per vincere"
  25. "Se votassero i cittadini Equitani avrebbe già vinto"
  26. Pietro Nocchi contro Paolo Equitani
  27. La lista Centrodestra unito e civici
  28. Equitani candidato presidente, il centrodestra presenta la lista
  29. La lista Moderati e Riformisti
  30. La lista del Pd
  31. Paolini, Treta e Quattranni con Moderati e Riformisti
  32. Lista Pd consegnata, domenica bestiale per il centrodestra
  33. Lista Pd consegnata, domenica bestiale per il centrodestra
  34. Serra, Paolini e Grancini, siete stati nominati...
  35. "Su Pietro Nocchi tutto il Pd ha fatto quadrato"
  36. Sarà scontro Nocchi - Equitani
  37. Paolo Equitani candidato alla presidenza
  38. Un sindaco di centrodestra rappresentativo...
  39. Elezioni provinciali, Pietro Nocchi candidato presidente per il Pd
  40. Presidenza, nel centrodestra spunta il nome di Equitani
    • Articoli recenti

                               Copyright Tusciaweb srl - 01100 Viterbo - P.I. 01994200564Informativa GDPR