Gamboni-infissi-infissi-nov-2017

--
    Condividi: Queste icone linkano i siti di social bookmarking sui quali i lettori possono condividere e trovare nuove pagine web.
    • Facebook
    • Twitter
    • LinkedIn
    • Google Bookmarks
    • Webnews
    • Wikio IT
    • YahooMyWeb
    • MySpace
    • Y!GG
  • Stampa Articolo
  • Email This Post

Viterbo - Elezioni provinciali - Paolo Equitani e l'esito del voto: sconfitta a metà. "La coalizione è tornata unita"

“Sapevamo di perdere, ma abbiamo rimesso insieme il centrodestra”

Condividi la notizia:

Paolo Equitani

Paolo Equitani

Viterbo – (g.f.) – “Il risultato lo sapevamo dal primo giorno”. Paolo Equitani, candidato alla presidenza per il centrodestra, dopo la sconfitta alle provinciali non si nasconde. L’esito del voto se lo aspettava. Ma non è andata così male.

“Intanto perché siamo riusciti a mettere insieme un centrodestra sfrangiato. Siamo stati capaci di ricompattarlo, attorno alla mia persona. Poi, che sarebbe stato difficile lo conoscevamo dal primo giorno. Ma se devo essere sincero, sono soddisfatto d’avere dato una mano anche sul piano personale, nel mettere insieme una lista unitaria. È comunque una soddisfazione”.

Anche per il risultato uscito dalle urne. “Il gap si è ridotto. Mi fa piacere e penso che possa essere di buon auspicio. Se la collaborazione fra tutti continua e qualcuno lascia a casa determinati atteggiamenti, i risultati non tarderanno ad arrivare. Io l’ho fatto con questo intento, rimettere tutti insieme, evitando personalismi”.

A livello personale ha dato il suo contributo. “Non penso d’essere uscito male. Ho dato il mio apporto con coscienza. Al 90 per cento sapevamo di perdere, dal momento che si sapeva l’orientamento di chi sarebbe andato al voto. Ma mi sono messo a disposizione, per riunire i resti di quello che fu un grande centrodestra. La prima mossa adesso l’abbiamo fatta. Vedremo come si proseguirà”.

Le provinciali come banco di prova, ma Equitani pensa ai prossimi appuntamenti elettorali. Nel 2018. Politiche, regionali, comunali. Quando alle urne saranno chiamati i cittadini.

“Io sono convinto che anche stavolta – spiega il sindaco di Bolsena – se avesse votato la gente, le cose sarebbero andare in modo diverso. C’è malcontento, sul territorio e in generale nel Paese. L’esito, con i cittadini a scegliere, sarebbe stato un altro.

Però, il sistema è questo e devi accettare il responso, basandoti su quello che hai”.

Non ha avuto ancora modo di congratularsi con Pietro Nocchi. “Non c’è stata ancora l’occasione – spiega Equitani – non ho il suo numero, ma lo chiamerò nelle prossime ore. Mi auguro che faccia tutte le cose per bene”. Anche se, gli riconosce, il suo compito non sarà semplice.

“C’è rimasto ben poco, così com’è ridotto l’ente- continua Equitani – domenica sono rientrato a palazzo Gentili dopo un po’ di tempo. Ho visto una scatola, non dico vuota ma semivuota. Tutto trascurato. È stata la legge a portare a questo stato di cose.

Mi auguro che si possa ritornare alle province com’erano, con un nuovo assetto”.

L’apporto che la minoranza potrà dare, è tutto da vedere e dipenderà dall’atteggiamento che presidente e maggioranza avranno. “Del resto loro hanno numeri ampi e consolidati. Il centrodestra può anche fare da stimolo, ma senza soldi da investire diventa tutto complicato.

Vedremo cosa il presidente riuscirà a fare. Senza risorse, la gestione è complicata. Ma questa è la provincia oggi”.


Condividi la notizia:
19 settembre, 2017

Provinciali 2017 ... Gli articoli

  1. È il momento di Pietro Nocchi
  2. "Siamo stati determinanti per la vittoria"
  3. "Primo obiettivo, la ricerca di fondi"
  4. Maurizio Palozzi e Pietro Mencarini i più votati
  5. "L'alleanza tra Pd e Moderati e Riformisti ha funzionato"
  6. "Una vittoria oltre le più rosee aspettative"
  7. "Il Pd c'è ed è forte"
  8. "Il nostro contributo determinante per la vittoria"
  9. "Nocchi saprà guidare la Provincia con forza e autorevolezza"
  10. Entrano Serra, Palozzi, Treta e Grancini
  11. Elezioni provinciali, ha votato l'87,2%
  12. Aldo Moneta batte tutti, è il primo a votare
  13. Paolo Equitani o Pietro Nocchi, parola alle urne
  14. “Voteremo Equitani, contro le alchimie del centrosinistra fioroniano"
  15. "Il sindaco non mi vota di sicuro..."
  16. "Provinciali, Rifondazione comunista non partecipa al voto"
  17. I probabili eletti e le possibili sorprese
  18. "Le province spariscono, le poltrone rimangono"
  19. “La mia candidatura ha ricompattato la maggioranza”
  20. Caso Montefiascone, centrodestra ancora in fibrillazione
  21. "Voteremo Paolini, per il presidente libertà di coscienza"
  22. “Non ho stretto nessun accordo”
  23. "Voteremo Paolini consigliere ed Equitani presidente"
  24. "Tutti i sindaci sono in campo per vincere"
  25. "Se votassero i cittadini Equitani avrebbe già vinto"
  26. Pietro Nocchi contro Paolo Equitani
  27. La lista Centrodestra unito e civici
  28. Equitani candidato presidente, il centrodestra presenta la lista
  29. La lista Moderati e Riformisti
  30. La lista del Pd
  31. Paolini, Treta e Quattranni con Moderati e Riformisti
  32. Lista Pd consegnata, domenica bestiale per il centrodestra
  33. Lista Pd consegnata, domenica bestiale per il centrodestra
  34. Serra, Paolini e Grancini, siete stati nominati...
  35. "Su Pietro Nocchi tutto il Pd ha fatto quadrato"
  36. Sarà scontro Nocchi - Equitani
  37. Paolo Equitani candidato alla presidenza
  38. Un sindaco di centrodestra rappresentativo...
  39. Elezioni provinciali, Pietro Nocchi candidato presidente per il Pd
  40. Presidenza, nel centrodestra spunta il nome di Equitani
    • Articoli recenti

                               Copyright Tusciaweb srl - 01100 Viterbo - P.I. 01994200564Informativa GDPR