--
    Condividi: Queste icone linkano i siti di social bookmarking sui quali i lettori possono condividere e trovare nuove pagine web.
    • Facebook
    • Twitter
    • LinkedIn
    • Google Bookmarks
    • Webnews
    • Wikio IT
    • YahooMyWeb
    • MySpace
    • Y!GG
  • Stampa Articolo
  • Email This Post

Tribunale - Rinviata di otto mesi l'udienza preliminare per i 13 indagati del secondo filone della maxinchiesta della procura

Spaccio di droga in centro, Babele bis non decolla

Condividi la notizia:

Paola Conti

Paola Conti

 
Operazione Babele - Il traffico di droga

Operazione Babele – Il traffico di droga

Operazione Babele - La droga sequestrata

La droga sequestrata nel blitz del 19 maggio 2014

Operazione Babele - La droga sequestrata - Clicca per ingrandire

La droga sequestrata nell’operazione di tre anni fa

Operazione Babele - La droga sequestrata - Clicca per ingrandire

Operazione Babele – La droga sequestrata 

Viterbo – Spaccio di droga tra il Sacrario, San Faustino e piazza della Rocca, Babele bis non decolla. E’ slittata di ben otto mesi, per motivi tecnici, l’udienza preliminare prevista ieri per i tredici indagati del secondo filone della maxinchiesta della procura sfociata in 32 arresti nel blitz del 19 maggio 2014 e in tredici 415 bis per altrettanti indagati a piede libero nell’ottobre 2015. 

Tra i destinatari dei tredici avvisi di fine indagine anche l’ex giocatore di baseball dominicano Rodolfo Felix Castillo, 36 anni, già arrestato per spaccio un anno e mezzo prima. Davanti al gup Francesco Rigato una decina di dominicani, ma anche due italiani, un 38enne di Ischia di Castro e un 48enne del capoluogo.

Sarebbero finiti nel mirino del sostituto procuratore Paola Conti in seguito alle sommarie informazioni rilasciate dai “clienti”, tra i quali spiccherebbero nomi della cosiddetta “Viterbo bene”. Consumatori più o meno abituali di cocaina, che in alcuni casi, avendo disponibilità di denaro, avrebbero comprato anche ingenti quantità di droga.

Gli investigatori la chiamarono operazione “Babele”, dalla mescolanza di etnie che ne veniva fuori: dominicani e tunisini, ma anche una decina di italiani, quasi tutti viterbesi doc. L’inchiesta è partita dall’arresto di una sessantenne del capoluogo, beccata con oltre un etto di cocaina nascosta in un trolley, passata alla storia col nomignolo di “nonna coca”. Sarebbe stata tra gli italiani “compiacenti”, assoldati dai dominicani per poche lire, per custodire la droga in attesa della vendita.

Gnocchi o occhiali per dire cocaina, nel linguaggio criptico delle intercettazioni. Tra i sequestri effettuati nel corso delle indagini, da segnalare quello record eseguito dalla Polfer di oltre tre etti di cocaina suddivisa in 30 ovuli destinati al mercato viterbese. La droga sarebbe arrivata a Viterbo da Perugia. 


Condividi la notizia:
29 settembre, 2017

Operazione Babele ... Gli articoli

  1. Spaccio di droga in centro, altri tredici rinvii a giudizio
  2. "'Gnocchi' non significava droga, ma attributi sessuali"
  3. Spaccio di droga in centro, impiegata statale assolta dopo tre anni
  4. Spaccio in centro, 12 patteggiamenti e un'assoluzione
  5. "Qui è pieno di formiche, bisogna rinviare lo scambio"
  6. Inventa un lavoro, nuovi guai per l’ex stella del baseball viterbese
  7. "Nonna coca" slitta ancora l'udienza
  8. Spaccio in centro, trenta indagati
  9. Babele della droga, sarà processo veloce
  10. Babele della droga, difese contro il processo veloce
  11. Processo Babele è subito rinvio
  12. Spaccio in centro storico, l'ultimo uomo nega
  13. Babele, parola all'ultimo latitante
  14. Operazione Babele, arrestato l'ultimo latitante
  15. Evade dai domiciliari, arrestato 'big' della retata Babele
  16. Operazione Babele, arrestato latitante
  17. Droga nel centro storico, in 11 a processo subito
  18. Babele, una decina verso il processo subito
  19. Consumatori di cocaina, ma non spacciatori
  20. Blitz Babele, ordinanza annullata per due fratelli
  21. Maxiretata antidroga, domiciliari entro ventiquattr'ore
  22. "Andremo fino alla Corte europea dei diritti dell'uomo"
  23. I braccialetti elettronici ritardano, gli arrestati rimangono in carcere
  24. "L'impianto accusatorio resta solido"
  25. Babele, in cinque ai domiciliari col braccialetto
  26. Maxiretata antidroga, ore di attesa per gli indagati
  27. Maxiretata antidroga, al Riesame per la libertà
  28. Babele, almeno in cinque tornano a casa
  29. Retata antidroga, interrogatori a tamburo battente
  30. Maxiretata antidroga, il pm chiede i domiciliari per 5 spacciatori
  31. Babele, gli arrestati si difendono
  32. "Custodivo la cocaina per 50 euro"
  33. Maxiretata antidroga, da giovedì gli interrogatori
  34. "Un 'pollo intero' per quattromila euro"
  35. Il mercato della droga spartito tra due bande
  36. Blitz antidroga, 32 arresti e 61 perquisizioni
  37. Blitz antidroga, raffica di arresti e perquisizioni
    • Articoli recenti

                               Copyright Tusciaweb srl - 01100 Viterbo - P.I. 01994200564Informativa GDPR