__

    Condividi: Queste icone linkano i siti di social bookmarking sui quali i lettori possono condividere e trovare nuove pagine web.
    • Facebook
    • Twitter
    • LinkedIn
    • Google Bookmarks
    • Webnews
    • Wikio IT
    • YahooMyWeb
    • MySpace
    • Y!GG
  • Stampa Articolo
  • Email This Post

Viterbo - In consiglio comunale Insogna (Psi) svela le cifre in vista del nuovo bando dei servizi cimiteriali

“Cremazioni, incassati dall’impresa un milione 439mila euro in un anno”

Sergio Insogna

Sergio Insogna

Viterbo – (g.f.) – “Cremazioni, un milione 439mila euro in un anno”. Conti alla mano, Sergio Insogna (Psi) svela quanto l’impresa che gestisce i servizi cimiteriali ha potuto incassare nel 2016.

In consiglio comunale si discutono le linee guida del nuovo appalto per i servizi cimiteriali e l’argomento non può rimanere lettera morta.

“Capisco che possa sembrare sgradevole parlare di soldi – osserva Insogna – visto il tema. Ma lo dobbiamo affrontare, in vista del nuovo bando e come fatto, prevedere fasce in base agli introiti, è giusto”.

Per raggiungere quella somma: “Sono state 2946 le cremazioni, gran parte di non residenti, 2423 per la precisione. Sul milione e 400mila euro, ammontano a un milione 271mila euro.

Siccome c’è una procedura a evidenza pubblica per sei anni o più, è utile affrontare di tutti i punti”. Compreso il futuro degli 11 lavoratori attualmente impiegati. Non è automatico che siano tutti riassorbiti. O meglio. Non è possibile inserire nel bando che debbano necessariamente essere assunti dall’impresa che vincerà l’appalto.

Qualche accortezza il comune la prenderà. Quelle possibili. “Degli undici impiegati, nove derivano dal Cev quando aveva il servizio – ricorda Insogna – e due sono stati assunti dall’attuale impresa.

A mio modo di vedere sono pochi per tutte le attività che devono svolgere. Ritengo che chi prenderà il servizio ne assumerà pure altri”.

Arduino Troili (Pd) torna sui costi annui per le luci votive. “A fronte di 9,12 euro l’anno – ricorda Troili – ogni utente paga 25 euro. Non capisco da cose derivi la differenza”.

L’assessore Maurizio Tofani ha una risposta illuminante. “Non c’è solo il consumo d’energia elettrica – osserva Tofani – ma tutti i servizi connessi. Oltretutto, si tratta di una tariffa approvata dal consiglio comunale.

Comunque, faremo le opportune valutazioni”.

13 ottobre, 2017

Copyright Tusciaweb srl - 01100 Viterbo - P.I. 01994200564