__

    Condividi: Queste icone linkano i siti di social bookmarking sui quali i lettori possono condividere e trovare nuove pagine web.
    • Facebook
    • Twitter
    • LinkedIn
    • Google Bookmarks
    • Webnews
    • Wikio IT
    • YahooMyWeb
    • MySpace
    • Y!GG
  • Stampa Articolo
  • Email This Post

Viterbo - Santucci (Fondazione) sull'organizzazione del 3 settembre

“Festa di santa Rosa, copiate dal Palio di Siena”

Gianmaria Santucci

Gianmaria Santucci

Trasporto macchina di Santa Rosa - Gloria

Trasporto macchina di Santa Rosa – Gloria al santuario

Viterbo – (g.f.) – “Possibile che non si riesca a mettere in piedi una struttura per organizzare come si deve una delle feste più importanti della regione?”. Gianmaria Santucci ha fatto passare il 3 settembre prima di parlare di santa Rosa.

Per tenere lontane le polemiche da un’iniziativa sentita in città, ma che ha bisogno di una struttura all’altezza. “Non si può ogni anno arrivare all’ultimo e stanziare fondi – ricorda Santucci – con variazioni di bilancio o prelievi dal fondo di riserva”.

Il comune dovrebbe prendere spunto da realtà vicine. “A Siena – spiega Santucci – il Palio è organizzato da comune e consorzio”. Un esempio replicabile anche a Viterbo. O magari potrebbe esserci anche altro. Una fondazione. L’esponente di Fondazione non la propone. Ma su un punto è certo: “Una festa così importante non può avere un’organizzazione del genere.

Serve una struttura permanente e spero che la giunta possa avanzare una proposta su cui discutere”.

In consiglio comunale, il dibattito sul 3 settembre è partito dalla variazione al Peg per incamerare i 6600 euro dell’appalto per le tribune. Altro punto critico.

“È ancora utile mettere le tribune sul percorso?”. Santucci si mette comodo. Prima elogia l’amministrazione Michelini per avere trovato una soluzione alla vendita dei biglietti: “Finalmente online, evitando ai cittadini file infinite”. Ma i problemi comunque ci sono stati.

“Elogio anche chi ha predisposto il servizio. Ma com’è possibile che si sia arrivati a pagare 52 euro per posti a piazza del Comune e dieci giorni dopo siano arrivati pacchetti a prezzi ridotti o convenzionati.

Non stava scritto da nessuna parte che poteva essere concesso un costo diverso”.

13 ottobre, 2017

Copyright Tusciaweb srl - 01100 Viterbo - P.I. 01994200564