--

--

    Condividi: Queste icone linkano i siti di social bookmarking sui quali i lettori possono condividere e trovare nuove pagine web.
    • Facebook
    • Twitter
    • LinkedIn
    • Google Bookmarks
    • Webnews
    • Wikio IT
    • YahooMyWeb
    • MySpace
    • Y!GG
  • Stampa Articolo
  • Email This Post

Lettere - Viterbo - Graziella Baldassi chiede a tutti gli enti preposti di prendersi carico della situazione per la tutela della salute pubblica

“Fitofarmaci, le ordinanze non sono efficaci”

Castagne

Castagne

Viterbo – Riceviamo e pubblichiamo – La stagione della raccolta delle nocciole e delle castagne volge al termine.

Facciamo il punto sulle regolamentazioni emanate dai comuni della Tuscia circa l’uso di fitofarmaci e diserbanti  usati in maniera massiccia sul territorio.

Seppur vi siano amministrazioni comunali sensibili al problema, come ad esempio quella di Canepina, che hanno emesso ordinanze che disciplinano in materia sostanziale il loro uso, di fatto queste non hanno avuto un’applicazione pratica e non hanno limitato l’anarchia totale che vige in questo settore così delicato.

Il nodo della questione è che le forze di polizia locali non possono far rispettare nulla, non essendo dotate degli strumenti  e delle capacità tecniche necessari per intervenire, repertare ed accertare  il mancato rispetto delle norme.

Gli altri enti che hanno questi strumenti  non hanno un sistema strutturato che preveda il loro intervento in tempo reale, anche in orario notturno dove avvengono la maggior parte delle irrorazioni, di fatto non è stato possibile garantire un minimo di legalità in questo campo.

Le ordinanze sono solo uno specchio per le allodole e nella realtà zone come quella della “pinetina” sui Monti Cimini, meta frequentata da molti viterbesi,  sono esposte  a sostanze tossiche che vengono irrorate con cannoni atomizzatori, non vengono rispettati confini, zone sensibili e vicinanza con le abitazioni.

Si chiede a tutti gli enti preposti di prendersi carico di questa situazione divenuta ormai insostenibile al fine di tutelare la salute pubblica.

Graziella Baldassi

16 ottobre, 2017

Copyright Tusciaweb srl - 01100 Viterbo - P.I. 01994200564