Gamboni-infissi-infissi-nov-2017

--

--

TW-cliccami-560x60-due-colori

    Condividi: Queste icone linkano i siti di social bookmarking sui quali i lettori possono condividere e trovare nuove pagine web.
    • Facebook
    • Twitter
    • LinkedIn
    • Google Bookmarks
    • Webnews
    • Wikio IT
    • YahooMyWeb
    • MySpace
    • Y!GG
  • Stampa Articolo
  • Email This Post

Bagnaia - Villa Latte nel degrado - Chiara Frontini (Viterbo 2020): "Non so se sia una cifra sufficiente"

Giardino all’italiana, 137mila euro l’anno per la manutenzione

di Giuseppe Ferlicca
Bagnaia - Villa Lante - Chiara Frontini

Bagnaia – Villa Lante – Chiara Frontini

Bagnaia - Villa Lante

Bagnaia – Villa Lante

Bagnaia - Villa Lante - Giardino all'italiana nel degrado

Bagnaia – Villa Lante – Giardino all’italiana nel degrado

Bagnaia - Villa Lante

Bagnaia – Villa Lante

Bagnaia - Villa Lante - Giardino all'italiana nel degrado

Bagnaia – Villa Lante – Giardino all’italiana nel degrado

Viterbo – Manutenzione del giardino all’italiana a Villa Lante, 137mila euro per un anno.

Chiara Frontini (Viterbo 2020) lancia l’appello per salvare dall’incuria un tesoro della Tuscia ma pure del Lazio.

Verde trascurato, pulizia delle fontane non ottimale. Di lavoro ce ne sarebbe. E mentre la consigliera comunale chiede lumi sul contratto e sui controlli, andando a spulciare le clausole con cui il Polo museale del Lazio ha affidato la manutenzione, qualcosa fiorisce.

– Fotocronaca: Villa Lante, giardino all’italiana nel degrado

“La somma di 137mila euro – spiega Frontini – per una struttura così ampia non so se sia sufficiente. Ma non per questo, chi visita la struttura, pagando un biglietto, deve assistere a un generale decadimento. 

I controlli sono stati effettuati? Regione e ministero intendono fare qualcosa?”.

Per 365 giorni, l’impresa percepisce 137.651 euro. Si deve occupare di: potatura siepi, arbusti, cespugli isolati o a macchia, rampicanti, taglio, rigenerazione periodica e concimazione dei tappeti erbosi, abbattimento alberi e arbusti infestanti e non, estirpazione radici, lavorazioni agronomiche, trattamenti fitosanitari, diserbo manuale, chimico a basso impatto, lavori diversi, dall’asportazione foglie al riordino della breccia su viali, ma anche pulizia ordinaria di vasche e ugelli, trasporti e oneri di smaltimento e ovviamente, provvedere alla manodopera.

Il contratto prevede un responsabile del procedimento e in caso di ritardo nell’esecuzione, una penale che è pari all’1 per mille al giorno. Somma da togliere al conto finale.

“Noi abbiamo effettuato accesso agli atti al Mibact – dice Chiara Frontini – per capire la situazione, perché è chiaro come villa Lante abbia bisogno di ben altro tipo d’attenzioni”.

Giuseppe Ferlicca

18 ottobre, 2017

Copyright Tusciaweb srl - 01100 Viterbo - P.I. 01994200564