__

    Condividi: Queste icone linkano i siti di social bookmarking sui quali i lettori possono condividere e trovare nuove pagine web.
    • Facebook
    • Twitter
    • LinkedIn
    • Google Bookmarks
    • Webnews
    • Wikio IT
    • YahooMyWeb
    • MySpace
    • Y!GG
  • Stampa Articolo
  • Email This Post

Cronaca - Controlli degli ispettori in 9 aziende del litorale - Multe e attività imprenditoriali sospese

Lavoro nero, anche un minore tra gli sfruttati

Viterbo vista dall'alto

Viterbo vista dall’alto

Viterbo – Lavoro nero nelle aziende del litorale, cinque operai sfruttati. Tra cui un minore.

Nove le aziende ispezionate: il 55% delle quali sarebbero risultate irregolari. Quarantuno le posizione lavorative verificate. Cinque i lavoratori assunti in nero individuati, tra cui un minore. E’ l’esito della campagna “Vigilanza speciale litorale laziale 2017”, promossa dall’Ispettorato nazionale del lavoro e a cui ha aderito anche quello di Viterbo.

L’Ispettorato territoriale della Tuscia, nell’ambito delle proprie funzioni di vigilanza, nonché di prevenzione e promozione della legalità, in collaborazione con i militari del Nil, del nucleo operativo del gruppo carabinieri per la tutela del lavoro di Roma e dei Nas di Viterbo, ha assicurato presenza attiva sul territorio e, in particolare, sia sul litorale laziale che su quello lacuale nel periodo luglio-settembre 2017.

In esito a tali iniziative sono state ispezionate nove aziende, per oltre il 55% delle quali sarebbero state verificate irregolarità. In particolare, sono state verificate 41 posizioni lavorative, individuando cinque lavoratori in nero di cui un minore. Le sanzioni amministrative finora elevate corrispondono a 4500 euro, ma gli accertamenti sarebbero ancora in corso per alcune delle aziende ispezionate.

Sono stati adottati tre provvedimenti di sospensione dell’attività imprenditoriale, di cui due revocati.

12 ottobre, 2017

Copyright Tusciaweb srl - 01100 Viterbo - P.I. 01994200564