__

    Condividi: Queste icone linkano i siti di social bookmarking sui quali i lettori possono condividere e trovare nuove pagine web.
    • Facebook
    • Twitter
    • LinkedIn
    • Google Bookmarks
    • Webnews
    • Wikio IT
    • YahooMyWeb
    • MySpace
    • Y!GG
  • Stampa Articolo
  • Email This Post

Regione - Lo annuncia il capogruppo regionale di Fratelli d’Italia, Giancarlo Righini dopo l'approvazione della proposta di legge

“Rinnovo patentino raccolta funghi, il corso non è più obbligatorio”

Giancarlo Righini

Giancarlo Righini

Roma – “La proposta di legge che ho presentato come primo firmatario, che prevede la cancellazione dell’obbligo del corso per il rinnovo del necessario patentino che serve per svolgere la raccolta dei funghi, è stata approvata oggi in sede di commissione Agricoltura. Ringrazio i colleghi di opposizione e maggioranza con i quali ho condiviso questo impegno, che mostra la volontà di procedere quando le scelte sono ben ponderate e condivise”.

E’ quanto dichiara il capogruppo regionale di Fratelli d’Italia, Giancarlo Righini, vicepresidente della commissione Agricoltura.

“Grazie a questa norma – osserva Righini – i tanti appassionati vengono così sgravati da questo costoso onere che fino ad oggi li costringeva a sostenere un corso a pagamento per ottenere il rinnovo della tessera che gli consente di potersi dedicare a questa attività.

Visto che in altre Regioni l’obbligatorietà del corso per i rinnovi dei patentini non è prevista – conclude Righini – era giusto e logico che non si dovesse costringere i titolari di questa licenza a sostenere il corso per il rinnovo proprio qui nel Lazio, considerato anche che la circolazione per la raccolta dei funghi è libera in tutto il territorio nazionale”.

12 ottobre, 2017

Copyright Tusciaweb srl - 01100 Viterbo - P.I. 01994200564