__

    Condividi: Queste icone linkano i siti di social bookmarking sui quali i lettori possono condividere e trovare nuove pagine web.
    • Facebook
    • Twitter
    • LinkedIn
    • Google Bookmarks
    • Webnews
    • Wikio IT
    • YahooMyWeb
    • MySpace
    • Y!GG
  • Stampa Articolo
  • Email This Post

Cronaca - La cooperativa viterbese beneficerà del contributo regionale per favorirne la restituzione a una funzione sociale

“Riutilizzo beni confiscati alle mafie, Fattorie Solidali unica onlus tra i vincitori del bando”

Viterbo dall'alto

Viterbo dall’alto

Viterbo – Riceviamo e pubblichiamo – La cooperativa sociale Fattorie Solidali, è l’unica realtà del privato sociale del Lazio ad aver vinto il bando della Regione per contributi finalizzati alla ristrutturazione dei beni confiscati alla criminalità organizzata: gli altri progetti vincitori sono di dieci enti locali. 

Il bene confiscato è stato assegnato dal Comune di Nepi ad un’associazione temporanea di imprese costituita dalle cooperative sociali Fattorie Solidali, Punto e a Capo, Gea e Alicenova.

L’obiettivo di questi fondi è restituire alla comunità i beni confiscati alle mafie, perché sia data loro una nuova utilità sociale. Manutenzione ordinaria e straordinaria, messa in sicurezza e abbattimento delle barriere architettoniche: per questi interventi era possibile richiedere un importo massimo pari a 70mila euro.

“Come ha affermato l’assessore Rita Visini – commenta Laura Mancinelli, presidente di Fattorie Solidali – restituire alla comunità i beni appartenuti alla criminalità può essere visto come una sorta di risarcimento per chi ha subito nel proprio territorio la presenza delle mafie.

Accogliamo volentieri la sfida per riutilizzare ad usi sociali il bene che ci è stato assegnato, consapevoli del percorso che abbiamo davanti. Esprimiamo la nostra soddisfazione per l’esito del bando della Regione Lazio”.

Cooperativa Alicenova

8 ottobre, 2017

Copyright Tusciaweb srl - 01100 Viterbo - P.I. 01994200564