__

    Condividi: Queste icone linkano i siti di social bookmarking sui quali i lettori possono condividere e trovare nuove pagine web.
    • Facebook
    • Twitter
    • LinkedIn
    • Google Bookmarks
    • Webnews
    • Wikio IT
    • YahooMyWeb
    • MySpace
    • Y!GG
  • Stampa Articolo
  • Email This Post

Cultura - Nominato dalla sindaca Raggi - Ieri ha ricevuto il premio Matteotti per il libro "Ti ho visto che ridevi", scritto col collettivo Lou Palanca

Valerio De Nardo direttore delle biblioteche di Roma

Premio Giacomo Matteotti a Valerio de Nardo

Premio Giacomo Matteotti a Valerio de Nardo

Roma - Premio Giacomo Matteotti

Roma – Premio Giacomo Matteotti

Roma - Premio Giacomo Matteotti

Roma – Premio Giacomo Matteotti

Roma - Premio Giacomo Matteotti - Maria Elena Boschi

Roma – Premio Giacomo Matteotti – Maria Elena Boschi

Premio Giacomo Matteotti a Valerio de Nardo

Premio Giacomo Matteotti a Valerio de Nardo

Valerio De Nardo

Valerio De Nardo

Viterbo – (m.l.r.) – Il direttore delle biblioteche di Roma capitale ha un volto viterbese. Valerio De Nardo da luglio è stato nominato dalla sindaca Virginia Raggi responsabile dell’istituzione sistema delle biblioteche e centri culturali della capitale, che mette a sistema 39 biblioteche romane. 

Un riconoscimento che arriva dopo una vita passata nel settore cultura della Provincia di Roma dove Valerio De Nardo lavorava, prima che Virginia Raggi lo chiamasse per questo nuovo incarico. 

Valerio De Nardo però non è solamente un direttore ma anche uno scrittore. All’attivo ha diversi libri, tra cui tre realizzati insieme al collettivo Lou Palanca (dal nome di un noto giocatore di calcio). 

Il penultimo, “Ti ho visto che ridevi” edito da Rubettino e uscito in libreria due anni fa, proprio ieri ha ricevuto il premio Matteotti a Palazzo Chigi. A consegnare il premio la sottosegretaria Maria Elena Boschi.

I cinque scrittori del collettivo Lou Palanca hanno dedicato il premio alle donne calabresi che con tenacia e cocciutaggine hanno reso migliore la propria vita.

“Siamo molto soddisfatti – ha detto Valerio De Nardo – di aver ricevuto questo premio intitolato a una persona che rappresenta per noi la libertà. La storia narra le vicende di alcune donne calabresi trapiantate in altre territori che hanno lottato per rendere migliore la terra che le ha accolte. A Novembre sarà in uscita il nostro terzo romanzo collettivo”.

 

13 ottobre, 2017

Copyright Tusciaweb srl - 01100 Viterbo - P.I. 01994200564