--
    Condividi: Queste icone linkano i siti di social bookmarking sui quali i lettori possono condividere e trovare nuove pagine web.
    • Facebook
    • Twitter
    • LinkedIn
    • Google Bookmarks
    • Webnews
    • Wikio IT
    • YahooMyWeb
    • MySpace
    • Y!GG
  • Stampa Articolo
  • Email This Post

Genio e sregolatezza - Il difensore dell'ex funzionaria del genio civile, De Santis, contesta la memoria presentata dai pm

“La Annesi non ha mai confessato…”

Teverina-Buskers-560x60-sett-19

Condividi la notizia:

Genio e sregolatezza, la perquisizione dei forestali al Genio civile di Viterbo

Genio e sregolatezza, la perquisizione dei forestali al genio civile di Viterbo

 

L'avvocato Samuele De Santis

L’avvocato Samuele De Santis

 

Il pm Stefano D'Arma

Il pm Stefano D’Arma

 

Il pm Fabrizio Tucci

Il pm Fabrizio Tucci

Viterbo – Genio e sregolatezza, slide e maxischermo, oltre sei ore di discussione e scintille tra accusa e difesa. Sono gli ingredienti dell’interminabile udienza di oggi del processo per l’Appaltopoli made in Tuscia, dedicata alla difesa della funzionaria del genio civile Gabriela Annesi.

A un certo punto è dovuta intervenire la presidente del collegio: “Il tribunale farà il suo dovere, non emetterà la sentenza sula base di un riassuntino di due righi, impropriamente raffazzonati dal pm”, ha garantito. 

Col collega Roberto Lanzi, la Annesi è tra gli imputati più in vista del filone principale della maxinchiesta della procura su un presunto giro di appalti pubblici truccati da una cordata di imprenditori con la complicità di funzionari pubblici e pubblici amministratori. In cambio, ovviamente, di mazzette. 

Gli altri sono gli imprenditori Luca Amedeo Girotti, Fabrizio Giraldi, Angelo Anselmi e Giuliano Bilancini, l’ex sindaco di Graffignano Adriano Santori e l’ex assessore del piccolo centro della Teverina Luciano Cardoni.

Oggi è toccato all’avvocato Samuele De Santis, per l’ex dipendente pubblica costretta dopo il clamoroso arresto bis dell’ottobre e novembre 2012 al “pensionamento anticipato con disonore”, come spiegato dallo stesso legale.
“Non è vero che la Annesi ha confessato come dicono i pm nella memoria – ha detto  – si è sottoposta volontariamente a quasi quattro ore di interrogatorio il 28 dicembre 2012, a ridosso di capodanno, mentre era in carcere quando era più facile fare leva sul suo desiderio di tornare dalle figlie a casa, e ne sono state estratte due misere paginette strumentali alla tesi dell’accusa”.

“Meno male che io quel giorno ho chiesto la fono-registrazione”, ha proseguito De Santis, alludendo alle presunte pressioni fatte alla Annesi dopo l’ammissione di avere ricevuto da Lanzi 7500 euro per delle consulenze che si sarebbe riservata di giustificare una volta rientrata in possesso delle sue carte. 

Fino a quando si è inalberato il pm Tucci. “Finora ho taciuto, ma stia attento a quel che dice. Si prende la responsabilità delle sue dichiarazioni. Io ho le fono-registrazioni di quello che lei ha detto oggi riguardo al nostro operato”, ha scandito, rivolgendosi al difensore.

Per riportare la calma è intervenuta la presidente del collegio, giudice Maria Luparelli. “Il tribunale farà il suo dovere, non emetterà la sentenza sula base di un riassuntino di due righi, impropriamente raffazzonati dal pm”, ha garantito, alludendo a chiare note all’oggetto del contendere. 

“Con la riforma Orlando, Annesi non sarebbe stata nemmeno arrestata – ha ribadito De Santis – dopo la prima iscrizione nel registro degli indagati, a luglio 2010, la sua posizione sarebbe stata definita entro nove mesi con l’avviso di fine indagine o la richiesta di archiviazione”. 

Per il legale deve uscire dal fascicolo del processo la memoria di 700 pagine presentata dai pm Stefano D’Arma e Fabrizio Tucci. “E’ un copia-incolla dell’ordinanza di custodia cautelare, figlia delle sole valutazioni dell’accusa per la quale il processo è finito prima di cominciare”.  

De Santis è quindi tornato a puntare il dito contro l’omessa discovery: “Ci dicevano che tutte le intercettazioni erano a disposizione nell’ufficio dei pm, salvo scoprire che sono state depositate da tre mesi a un anno e mezzo dopo, perché una parte erano rimaste alla forestale, perché le intercettazioni continuavano, perché nel frattempo erano stati aperti altri filoni e sono andate avanti no stop dal 2008 al 2013, con gente insostenibilmente indagata per cinque anni, la famosa pesca a strascico, cui ha messo fine la riforma Orlando, ponendo dei paletti precisi alle procure. Ebbene quei paletti, favor rei, vanno applicati ai nostri odierni imputati”.

Lo stesso motivo per cui la Annesi non sarebbe mai stata arrestata: “Mancano almeno due avvisi di proroga delle indagini, niente di illegittimo, all’epoca si poteva fare. Ma va applicata la riforma Orlando, che rappresenta una rivoluzione copernicana. Per la gara di Vasanello del 2010, la prima contestata, la Annesi sarebbe dovuta andare a giudizio al massimo un anno dopo- sarebbe bastata una richiesta di proroga delle indagini a inizio 2011 per evitare la reiterazione del reato, un obbligo. Un proroga la cui omissione l’ha fatta finire due volte nel carcere di Civitavecchia.  Questo perché la procura ha tenuto tutto in caldo per incastrare personaggi dai nomi altisonanti come Armando Balducci o Amedeo Orsolini. Hanno fatto fare trenta gare a Lanzi perché era oro, per arrivare più su e ancora più su“. 

In pratica, per gli stessi fatti, il giorno stesso della richiesta di giudizio immediato, nel gennaio 2013, i pm avrebbero fatto nuove iscrizioni nel registro dei reati per far partire nuovi termini di indagini preliminari senza doverlo dire agli interessati.  “Il gip avrebbe dovuto dire basta, ma non l’ha fatto. Oggi, semplicemente, non sarebbe più possibile. Se spuntano qualificazioni diverse del fatto-reato, si aggiorna la prima iscrizione, non se ne fa una nuova. E il termine massimo è di sei mesi più tre, nove mesi, per decidere la sorte dell’indagato. Il processo finisce qui”.

Il resto dell’udienza per entrare nel merito delle accuse. 

Silvana Cortignani


Condividi la notizia:
28 novembre, 2017

Genio e sregolatezza ... Gli articoli

  1. "Tordi e cacciatori" nelle intercettazioni, per la procura si trattava di una soffiata
  2. Genio e sregolatezza, al via il filone "Bomarzo" della maxinchiesta
  3. Lottizzazione Acquabianca, sfilano i primi sei testimoni dell'accusa
  4. Appalti truccati, verso la prescrizione altri due processi
  5. Appalti truccati, Annesi e Lanzi fanno appello contro la condanna
  6. "Un preoccupante sistema di gestione degli appalti pubblici nel Viterbese"
  7. Appalti truccati, la maxinchiesta fa tappa anche a Bomarzo
  8. Appalti truccati e tangenti, al via due nuovi processi falcidiati dalle prescrizioni
  9. Truffa e corruzione, sì alle intercettazioni
  10. Appaltopoli bis, pioggia di prescrizioni a raffica
  11. Pista rossa, prescrizione anche per Scapigliati
  12. Al via il processo ai sette imputati del filone Acquabianca
  13. Appalti pubblici truccati, giudice incompatibile stop al processo
  14. "Sono sollevato, anche se ho sempre saputo di essere innocente"
  15. Appaltopoli, inflitti oltre dieci anni di carcere
  16. Ponte del primo maggio col fiato sospeso per otto imputati
  17. "Nessuna prova, solo suggestioni..."
  18. Appalti truccati, processo prescritto prima di cominciare per due imputati
  19. "Nessuno scambio di buste, solo una sonora cantonata"
  20. Appaltopoli bis, maxiprocesso per 31 imputati e 17 parti offese
  21. Funzionari del genio civile accusati di corruzione, tutta per loro l'ultima udienza
  22. Lottizzazione Acquabianca, il comune parte civile al processo
  23. "Genio e sregolatezza, il Comune si costiuirà parte civile?"
  24. "Hanno pescato un pesce che non c'entrava niente... "
  25. Lottizzazione Acquabianca, sei imprenditori e l'ex city manager a processo
  26. Appaltopoli bis, sarà maxiprocesso per trentuno imputati
  27. Villette invece di condomini all'Aquabianca, slitta l'udienza preliminare
  28. "Le accuse dei pm? Solo teorie..."
  29. "L'inchiesta Appaltopoli? Come Alice nel paese delle meraviglie"
  30. Genio e sregolatezza, parola alle difese
  31. Genio e sregolatezza, nuovo processo per sei indagati
  32. Nuovo processo per Genio e sregolatezza
  33. "Pochi, maledetti e subito..."
  34. "Ecco come si spartivano gli appalti"
  35. Appaltopoli, chiesti oltre 25 anni di carcere
  36. Genio e sregolatezza, processo al rush finale
  37. Giudice incompatibile, salta appaltopoli bis
  38. Villette invece di condomini, in sette davanti al gup
  39. Genio e sregolatezza bis, incombe la prescrizione
  40. "Impossibile pilotare la gara"
  41. Appalti truccati, slitta l'udienza preliminare
  42. Genio e sregolatezza, in sei rischiano un nuovo processo
  43. Genio e sregolatezza, è guerra sulle intercettazioni
  44. "Le intercettazioni non tornano..."
  45. "Da Lanzi? Mai ricevuto pressioni"
  46. Pista rossa e lavori a scuola, tutti a processo
  47. Pista rossa e lavori a scuola, in 7 rischiano il processo
  48. "Normale chiedere delucidazioni sui bandi..."
  49. Genio e sregolatezza, verso il processo altri 32
  50. "Rifiuti in discarica? Pagava il comune"
  51. Appalti truccati, ex assessore parla per due ore
  52. Genio e sregolatezza, 'processo' alle indagini
  53. "Genio e sregolatezza", tutto da rifare
  54. Pista rossa e lavori a scuola, in sette davanti al gup
  55. Brivido appaltopoli, processo appeso a un filo
  56. Venti giorni per farsi interrogare
  57. "Facevamo tutto da soli"
  58. Balducci e Amedeo Orsolini, chiusa l'inchiesta per corruzione
  59. "Tutte queste ditte a braccetto non ce le vedo..."
  60. "Nessuna pressione per aggiudicare gli appalti"
  61. Un pezzo dell'ex giunta sul banco dei testimoni
  62. "Bilancini non doveva essere arrestato"
  63. Appalto differenziata, Santori scarica tutto su Curti
  64. "Ho chiesto aiuto per non licenziare gli operai"
  65. E alla fine l'appalto va alla Gesta...
  66. Giudice incompatibile, salta l'udienza preliminare
  67. Stralci di appaltopoli, rinviate le due udienze preliminari
  68. Genio e sregolatezza, altri 32 a rischio processo
  69. Appalti e tangenti, chiusa l'inchiesta
  70. Appalti truccati, un imprenditore: "Offerte anomale"
  71. "Appalti pilotati, nell'ambiente si sapeva..."
  72. Appalti truccati, difese all'attacco
  73. "Soldi per il consorzio, non per Lanzi"
  74. Appalti truccati, Chiavarino e Tomassetti supertestimoni
  75. "La gara s'ha da piglia'..."
  76. "Metti nel vaso un fiore da 3 euro e 10..."
  77. Appaltopoli slitta a dicembre
  78. Appaltopoli ricomincia da capo
  79. Appaltopoli, processo al palo
  80. "Contro Lanzi nessuna prova"
  81. "Pochi, maledetti e subito"
  82. Appaltopoli, ok alle intercettazioni
  83. Indagini e intercettazioni, è scontro tra accusa e difesa
  84. Due processi per appaltopoli
  85. Appaltopoli, si torna in aula
  86. Appaltopoli, raffica di eccezioni contro il giudizio immediato
  87. Appaltopoli, il processo non decolla
  88. Appaltopoli, patteggiano i Chiavarino e Tomassetti
  89. Giudice in causa col comune di Graffignano, salta il processo
  90. Appaltopoli, riparte il processo
  91. Appalti truccati, patteggiamenti rinviati a settembre
  92. Giudici incompatibili, salta il processo
  93. Appalti truccati, parte il processo
  94. Ore contate per la decisione sul destino dei 13 arrestati
  95. Daniela Chiavarino per sei ore in procura
  96. Appalti truccati, parla solo Anselmi
  97. Appalti truccati, nuovi interrogatori in vista
  98. Appalti truccati, i funzionari del Genio non rispondono
  99. Appalti truccati, Lanzi non risponderà
  100. Anselmi: "C'erano due cordate..."
  101. Bilancini "recuperatore di tangenti"...
  102. Interrogatori fiume in tribunale e in carcere
  103. Appalti truccati, Santori e Giraldo rispondono
  104. "Gente forte, abituata a cadere e rialzarsi"
  105. Settanta uomini impegnati nel blitz
  106. Nove in carcere e quattro ai domiciliari
  107. Scattano di nuovo le manette
  108. "Contestiamo qualsiasi coinvolgimento"
  109. "Balducci sempre leale e trasparente"
  110. Balducci e Amedeo Orsolini indagati per corruzione
  111. Forestale in comune, sequestrati documenti
  112. "Indagato? Non ho ricevuto avvisi di garanzia..."
  113. Appalti truccati, inchiesta al rush finale
  114. Santori ritira le sue dimissioni
  115. Appalti truccati, liberi tutti
  116. Appalti truccati, il giorno della verità
  117. Battisti: "Ci costituiremo parte civile"
  118. Chiesta la scarcerazione immediata
  119. Otto tangenti in due anni al funzionario del Genio
  120. Appalti truccati, liberi in quattro
  121. Rifiuti e appalti, 12 arrestati - Le immagini dell'operazione
    • Articoli recenti

                               Copyright Tusciaweb srl - 01100 Viterbo - P.I. 01994200564Informativa GDPR