--
    Condividi: Queste icone linkano i siti di social bookmarking sui quali i lettori possono condividere e trovare nuove pagine web.
    • Facebook
    • Twitter
    • LinkedIn
    • Google Bookmarks
    • Webnews
    • Wikio IT
    • YahooMyWeb
    • MySpace
    • Y!GG
  • Stampa Articolo
  • Email This Post

Cronaca - Per la procura fu Aldo Sassara a uccidere il cognato Angelo Gianlorenzo la vigilia di Ferragosto 2015

Omicidio di Tuscania, chiuse le indagini

di Silvana Cortignani

Condividi la notizia:

Angelo Gianlorenzo

La vittima, Angelo Gianlorenzo

 
Tuscania - Assassinato 83enne - Chi l'ha visto? - Carabinieri in località Castellaccio -

Tuscania – Chi l’ha visto? 

Tuscania - Assassinato 83enne - Chi l'ha visto? - Carabinieri in località Castellaccio -

Tuscania – Assassinato 83enne – Chi l’ha visto? – Carabinieri in località Castellaccio 

 

L'avvocato Marco Valerio Mazzatosta

L’avvocato dell’unico indagato, Marco Valerio Mazzatosta

Tuscania – Omicidio di Ferragosto nelle campagne di Tuscania, chiuse le indagini. Per la procura la vittima fu uccisa dal cognato, accusato di omicidio volontario.

Aldo Sassara, 75 anni, difeso dagli avvocati Marco Valerio Mazzatosta e Danilo Scalabrelli, è stato raggiunto dal temuto 415 bis, l’avviso di fine indagine che prelude alla richiesta di rinvio a giudizio.

A distanza di quindici mesi, per la procura di via Falcone e Borsellino, il caso può dirsi chiuso. Adesso non resta che aspettare che il tribunale fissi l’udienza preliminare.

Risale alla mattina del 14 agosto 2015 l’efferato delitto in cui ha perso la vita l’agricoltore di 83 anni Angelo Gianlorenzo.  Fin dalla primora i sospetti degli investigatori sono caduti sul cognato sul quale convergerebbero tutti gli indizi.

Indizi senza riscontri, ha sempre sostenuto la difesa,  visto che nei suoi confronti non sono state mai spiccate misure di custodia cautelare. A parte il sequestro di indumenti, attrezzi agricoli e un motorino, passati al setaccio dal Ris come il suo casolare, restituiti dopo quasi un anno all’indagato.

Pronto a costituirsi parte civile con l’avvocato Giovanni Bartoletti il figlio. Fu lui, che per trovare l’assassino ha chiesto aiuto anche a Chi l’ha visto, a  rinvenire il  cadavere del padre nelle campagne isolate di Tuscania, in località Castellaccio.

Lo zio – convocato tre volte dagli inquirenti per essere interrogato, l’ultima il 18 luglio – si è sempre avvalso della facoltà di non rispondere. Tramite i suoi legali, Sassara si è sempre proclamato innocente. E in paese tutti si sono schierati dalla sua parte.

Di sicuro Gianlorenzo è morto di morte violenta, barbaramente ucciso, assassinato, durante la mattinata della vigilia di ferragosto.

Per il resto è giallo. L’arma del delitto non è mai stata né ritrovata, né individuata. Il colpo mortale potrebbe essere stato sferrato con un grosso sasso, o comunque un “grosso oggetto contundente”, secondo la perizia della dottoressa Maria Rosaria Aromatario, il medico legale della Sapienza incaricato dalla procura di eseguire l’autopsia.

“E’ da ritenere – scrive il medico legale – che si sia trattato di un unico mezzo di offesa utilizzato in rapida sequenza, quando la vittima era in movimento, in fase di caduta e mentre era a terra”.

Evidenti i segni di colluttazione: “Ci sono lesioni compatibili con l’uso di mezzi di offesa naturali quali mani e piedi e in parte con impatti nell’atterramento della vittima al suolo”.  Sono particolari cruenti e crudi quelli che emergono dalla relazione appena depositata in procura. Che poco spazio lasciano alla fantasia.

Per la Aromatario, la vittima è morta di crepacuore dopo un pestaggio devastante. La morte sarebbe avvenuta tra le 9 e le 11. Ferite da corpo contundente alla testa. Il volto tumefatto. Segni sulle braccia, come se si fosse strenuamente difeso dal suo aggressore. Lo sterno letteralmente fracassato per la violenza dei colpi ricevuti.

Neanche una costola sana: “A livello di torace un importante complesso fratturativo della gabbia toracica con fratture plurifocali di tutte le coste bilaterali e simmetriche”.

“A livello cranico – si legge nella relazione  – sono state rilevate multiple ferite lacerocontuse del cuoio capelluto, distribuite sulla superficie cranica, dalla regione frontotemporale, a quella parieto-occipitale”.

Nessuna lesione, invece, agli organi interni, nè emorragie. Causa del decesso, il creapacuore. “Verosimile – dice la Aromatario – che il decesso sia stato causato da un evento cardiovascolare acuto, nell’ambito di una patologia preesistente”. Di sicuro non si può escludere che “la dinamica aggressiva possa avere avuto un ruolo concausale nell’induzione e/o evoluzione della fisiopatologia della morte”.

“In particolare è plausibile che lo stato di alterazione psico-fisica (sforzo fisico violento, emozione intensa, in risposta all’aggressione subita possa avere avuto un ruolo di fattore stressogeno acuto sia pure col concorso di altri fattori”.

Silvana Cortignani


Presunzione di innocenza
Per indagato si intende semplicemente una persona nei confronti della quale vengono svolte indagini preliminari in un procedimento penale.

Nel sistema penale italiano vige la presunzione di innocenza fino al terzo grado di giudizio. Presunzione di innocenza che si basa sull’articolo 27 della costituzione italiana secondo il quale una persona “non è considerata colpevole sino alla condanna definitiva”.


Condividi la notizia:
1 novembre, 2017

Tuscania - Omicidio in campagna ... Gli articoli

  1. "Male non fare, paura non avere", si dichiara innocente il 76enne accusato di avere ucciso il cognato
  2. Accusato di avere ucciso il cognato, attesa per l'interrogatorio di Aldo Sassara
  3. "Se m'evono trovato la maglietta, da mo' che m'avevano arrestato"
  4. Omicidio Gianlorenzo, è il giorno della verità per il cognato accusato di averlo ucciso
  5. Omicidio Gianlorenzo, in aula il supertestimone rivela: "Voci di due uomini sul luogo del crimine..."
  6. Omicidio Gianlorenzo - Furgone sul luogo del delitto, è giallo
  7. "Non ha ucciso lui il cognato, quella mattina è andato col trattore in direzione opposta"
  8. Aldo Sassara sgridò la moglie: "Rifai la deficiente, tu chiacchieri troppo"
  9. "Aldo non è un fratello, ma una belva feroce. Pensammo avesse ucciso anche nostro padre"
  10. "Meno male che mio cognato è morto, uno di meno. Era un birbaccione, vaffanculo"
  11. "Gianlorenzo aveva il collo spezzato e tutte le costole rotte, ma è morto d'infarto"
  12. Due "interpreti" di dialetto martano per tradurre i soliloqui del presunto killer
  13. "Trenta-quaranta colpi che lui ansimava ancora ed era cosciente"
  14. "E' stata una morte violenta, ma nessun riscontro scientifico porta a Aldo Sassara"
  15. Omicidio Angelo Gianlorenzo, tocca ai primi testi dell'accusa
  16. "Il cognato incastrato dal suo soliloquio in macchina e dalla videosorveglianza"
  17. Agricoltore massacrato e ucciso nelle campagne di Tuscania, processo al cognato al via il 17 giugno
  18. "Contro di me non hanno niente" diceva tra sé Aldo Sassara intercettato in macchina...
  19. Omicidio di Angelo Gianlorenzo, rinviato a giudizio Aldo Sassara
  20. Omicidio di Tuscania, Aldo Sassara davanti al gup
  21. "Contro di me solo congetture, i colpevoli sono altrove"
  22. "L'ha ucciso, si è cambiato e ha fatto sparire i vestiti sporchi di sangue..."
  23. Un anno fa l'omicidio dell'agricoltore Angelo Gianlorenzo
  24. Omicidio di Tuscania, dissequestrati il casale e i mezzi agricoli dell'indiziato
  25. Omicidio di Tuscania, nuovo interrogatorio in procura per Sassara
  26. Omicidio di Tuscania, è giallo sull’ora della morte
  27. "Massacrato di botte finché non è morto di crepacuore"
  28. Omicidio di Tuscania, restano sotto sequestro i mezzi agricoli
  29. "Ho pensato subito che era stato assassinato”
  30. Omicidio di Tuscania, chiesto il dissequestro dei mezzi agricoli
  31. Nessuna traccia di Gianlorenzo sull'uomo accusato dell'omicidio
  32. Al lavoro i sommozzatori dell'Arma
  33. Gianlorenzo aveva anche il torace fracassato
  34. Omicidio di Tuscania, i Ris sul luogo del delitto
  35. Si cercano i vestiti sporchi di sangue
  36. "Aldo? Incensurato e benvoluto da tutti"
  37. "Non dovevi decidere tu della morte di Angelo"
  38. "Assassini, costituitevi!"
  39. Anziano ucciso, indagato il cognato
  40. I Ris sulla scena del delitto
  41. I vestiti strappati e il cranio fracassato
  42. Colpito alla testa e ucciso dopo una lite
  43. Aggredito e ucciso con un colpo alla testa

                               Copyright Tusciaweb srl - 01100 Viterbo - P.I. 01994200564Informativa GDPR