Gamboni-infissi-infissi-nov-2017

--

--

    Condividi: Queste icone linkano i siti di social bookmarking sui quali i lettori possono condividere e trovare nuove pagine web.
    • Facebook
    • Twitter
    • LinkedIn
    • Google Bookmarks
    • Webnews
    • Wikio IT
    • YahooMyWeb
    • MySpace
    • Y!GG
  • Stampa Articolo
  • Email This Post

Viterbo - Nel cuore medievale della città un posto in cui meravigliarsi ed esprimere desideri - Dal 24 novembre al 7 gennaio

Caffeina Christmas Village, la Casa di Babbo Natale apre le porte…

Vierbo - Babbo Natale si affaccia dalla sua casa

Vierbo – Babbo Natale si affaccia dalla sua casa

Vierbo - Babbo Natale si affaccia dalla sua casa

Vierbo – Babbo Natale si affaccia dalla sua casa

Viterbo - Caffeina Christmas village - Fila alla Casa di Babbo Natale

Viterbo – Caffeina Christmas village – Fila alla Casa di Babbo Natale

Viterbo - Caffeina Christmas Village - La casa di Babbo Natale

Viterbo – Caffeina Christmas Village – La casa di Babbo Natale 

Viterbo – La Casa di Babbo Natale apre le porte: il Caffeina Christmas Village quest’anno l’ha fatta grossa! Di che parliamo? Di un mondo fatato nel cuore medievale di Viterbo, dove meravigliarsi ed esprimere desideri. Vi sembrerà assurdo, ma mettete in tasca il vostro scetticismo e preparatevi a vivere l’esperienza che avete sempre sognato.

“Buongiorno, scusi sa dirmi dov’è la Casa di Babbo Natale?”. Inizia così una giornata di fine novembre a Viterbo. Vi sembrerà pure surreale, in fondo non siamo in Lapponia, anche se tira il vento e soffia la bufera, insomma c’è un po’ di tramontana. La risposta arriva, semplice e diretta: “A via dei Pellegrini”.

Filippo Rossi e Andrea Baffo della Fondazione Caffeina Cultura ci accompagnano in questo viaggio di scoperta nell’abitazione più incredibile che vedrete mai nella vostra vita. Nel cuore del capoluogo medievale della Tuscia stanno facendo lavori grossi, “un po’ di ristrutturazione in vista dell’inizio del Caffeina Christmas Village”, ci dicono.

A partire dal 24 novembre fino al 7 gennaio le strade del centro storico della cittadina, dal Paradosso a piazza Unità d’Italia, si trasformeranno nel teatro naturale delle festività natalizie. Questa seconda edizione del fantasmagorico evento è ancora più entusiasmante della precedente.

Ora, però, prima di fare capolino nella dimora del dispensatore di doni più amato al mondo è necessario fare una premessa: spogliatevi! Niente sauna finnica, tranquilli. Quello di cui vi dovete liberare sono le vostre certezze, abbandonate tutto ciò che vi è familiare, perché per comprendere fino in fondo la potenza di ciò che potrete ammirare, a guidarvi dovrà essere un solo sentimento: lo stupore.

Quindi munitevi di ‘occhioni da cerbiattino’ e venite con noi. Il cantiere è aperto, 60 operai sono a lavoro, ma “sarà tutto pronto, ormai è fatta” assicurano i nostri ciceroni.

Tutto è all’insegna dell’accoglienza. La casa di Babbo Natale sorge in una parte dell’antico ospedale Grande Degli Infermi di Viterbo: “Il Village non è ‘solo’ un’attrazione è anche un modo per far rivivere la città, un modo per restituire ai cittadini ciò chi gli appartiene”, spiega Rossi.

Eh sì, la logica è proprio questa, trasformare l’esistente caduto nell’oblio in un luogo vivo dove le persone vanno, riappropriandosi di quello che è sempre stato loro.

Lo spazio e il tempo assumono connotazioni nuove, immaginate tutto come in un continuum magico in cui quello ciò che conta è ‘il qui e l’ora’, non ieri, non domani. Una sospensione del pensiero in cui attivare quel particolare sentimento che tutti cerchiamo: la felicità? No… che esagerazione, la serenità piuttosto, quello speciale stato d’animo che ci fa andare in giro con quel sorriso un po’ ‘così’. Insomma, libero da pensieri.

Tornando a bomba nella Casa di Babbo Natale, all’entrata è previsto un sistema innovativo elimina file, per cui cari mamme e papà state sereni, tutto procederà in modo molto rilassato. C’è anche un parcheggio per i passeggini, bagni interni, un baby pit stop per fare fronte a tutte le necessità dei piccoli visitatori, ma anche una rampa per disabili.

Va bene che siamo nel mondo del fantastico, ma gli organizzatori ci hanno tenuto moltissimo a rendere l’accoglienza un valore determinate. Procedendo nella vista si arriva in una sala d’attesa, ma mica è roba da poco.

È la Taverna del gioco, dove i bambini possono dilettarsi in attività ludiche, e poco più avanti c’è anche la Biblioteca delle Fate (emozione!) dove ci saranno degli elfi che racconteranno fiabe. Piano piano si entra nel vivo, in un crescendo emozionate: la stalla con le renne, un meraviglioso albero di Natale, orsi, un eschimese che pesca, una mucca gigante (ma che ci fa? Lo scoprirete), un orchestrina di animali con un orso (novello Vladimir Horowitz) star del pianoforte.

Ma non è finita! Poi c’è la cucina di Babbo Natale, la sua stupenda camera da letto (con un lettone che viene voglia di fare un riposino, ma anche di saltarci su) e infine la stanza dove proprio ‘Lui’ in ciccia e ossa incontrerà grandi e piccini sul suo trono. L’allestimento è dei più clamorosi: neve, camino con calde fiamme (tutto secondo le normative di sicurezza), decorazioni, fatine, e un’atmosfera che vi farà sentire in pace con il mondo. Riuscite a sentirlo il profumo? Sa di betulla bruciata, sa di zucchero, ha il sapore del cioccolato caldo, odora di buono, di bebè…

Tutte le informazioni del caso, dai parcheggi, al costo dei biglietti, alle necessità e curiosità che possono insorgere sono disponibili sul sito.


Redazionale pubblicitario

23 novembre, 2017

Copyright Tusciaweb srl - 01100 Viterbo - P.I. 01994200564