Gamboni-infissi-infissi-nov-2017

--

--

    Condividi: Queste icone linkano i siti di social bookmarking sui quali i lettori possono condividere e trovare nuove pagine web.
    • Facebook
    • Twitter
    • LinkedIn
    • Google Bookmarks
    • Webnews
    • Wikio IT
    • YahooMyWeb
    • MySpace
    • Y!GG
  • Stampa Articolo
  • Email This Post

Tribunale - Aggredisce e perseguita la ex, giovane a processo per stalking e lesioni - Un testimone in aula

“Lei è uno scricciolo, lui la teneva per il collo e la trascinava”

Viterbo - Tribunale

Tribunale – Il processo si celebra a Viterbo

 

L'avvocato Giuseppe Picchiarelli

L’avvocato Giuseppe Picchiarelli – Difende l’imputato

Civita Castellana – “Lei è uno scricciolo, lui la teneva per il collo e la trascinava”. Così una testimone ha descritto una presunta vittima di stalking, aggredita sulla porta di casa, a Civita Castellana, dal suo ex, sotto processo per atti persecutori e lesioni davanti al giudice Silvia Mattei.

I fatti risalgono all’estate 2015. Il culmine il 29 settembre di due anni fa quando, dopo una serie di denunce, la giovane si è recata per l’ennesima volta dai carabinieri.

“Era talmente sconvolta che mentre raccontava si è sentita male, per cui l’abbiamo prima accompagnata al pronto soccorso dell’Andosilla e poi siamo tornati in caserma”, ha spiegato uno dei militari, sentito come testimone.

Al processo non si è costituita parte civile.

“Mentre la donna era con noi, l’imputato l’ha chiamata due volte al telefono, urlando e minacciandola. Una delle telefonate è arrivata dopo che eravamo rientrati in caserma. Gridava talmente forte che noi sentivamo tutto. L’ha minacciata più volte, poi le ha gridato che stava andando a casa sua e ha cominciato a suonare il clacson. E siccome l’abitazione della vittima è proprio di fronte, dal rumore del clacson abbiamo sentito che era veramente lì, così siamo usciti e lo abbiamo fermato in flagrante. Le telefonate, inoltre, sono state registrate dalla vittima tramite il cellulare”.

Stalking e lesioni. Le lesioni sono quelle relative all’episodio raccontato in aula dalla vicina: “Abbiamo sentito urlare per le scale, lui la teneva per il collo e quando mi sono affacciata l’ho visto che la stava trascinando fuori casa. C’era anche la mamma della vittima che, come la figlia, era disperata, piangeva e chiedeva aiuto. Solo l’intervento di un altro inquilino è riuscito a bloccarlo e a mettere in salvo la ragazza. Intanto abbiamo chiamato i carabinieri”.

L’imputato, difeso dall’avvocato Giuseppe Picchiarelli, sarà sentito il prossimo 23 maggio quando, se vorrà, potrà fornire la sua versione. Poi la sentenza.

23 novembre, 2017

Copyright Tusciaweb srl - 01100 Viterbo - P.I. 01994200564