--
    Condividi: Queste icone linkano i siti di social bookmarking sui quali i lettori possono condividere e trovare nuove pagine web.
    • Facebook
    • Twitter
    • LinkedIn
    • Google Bookmarks
    • Webnews
    • Wikio IT
    • YahooMyWeb
    • MySpace
    • Y!GG
  • Stampa Articolo
  • Email This Post

Viterbo - Antonio Delli Iaconi sul ricorso presentato dalla famiglia Sensi delle Terme dei papi sull'avviso pubblico con cui il comune ha messo a gara l’acqua che alimenta lo stabilimento

“Abbiamo lavorato applicando la legge e la normativa della Regione”

Condividi la notizia:

Antonio Delli Iaconi

Antonio Delli Iaconi

Viterbo – “Abbiamo lavorato applicando la legge e la normativa della Regione. Vedremo che dice il Tar”.  E’ un commento secco e di poche parole quello di Antonio Delli Iaconi sul ricorso presentato dalla famiglia Sensi delle Terme dei papi sull’avviso pubblico con cui il comune ha messo a gara l’acqua che alimenta lo stabilimento.

“E’ nel suo interesse – dice Delli Iaconi – ed è quindi un suo diritto. Noi pensiamo di aver lavorato applicando la legge e la normativa della Regione. Vedremo cosa dice il Tar”.

Su un possibile margine di trattativa tra comune e Terme: “Non c’è da fare trattativa, perché deve essere chiaro che non siamo più nel regime della subconcessione precedente che è finita.

E’ una concessione nuova che la Regione ha dato al Comune, con certe condizioni e con l’obbligo di fare una gara. C’è un bando che il Comune deve fare e noi non potevamo mettere una quantità di acqua superiore a quella che ci ha imposto la Regione. Non vedo – – conclude Delli Iaconi – cosa ci sia da dire di più o da trattare”. 


Condividi la notizia:
27 novembre, 2017

    • Articoli recenti

                               Copyright Tusciaweb srl - 01100 Viterbo - P.I. 01994200564Informativa GDPR