--
    Condividi: Queste icone linkano i siti di social bookmarking sui quali i lettori possono condividere e trovare nuove pagine web.
    • Facebook
    • Twitter
    • LinkedIn
    • Google Bookmarks
    • Webnews
    • Wikio IT
    • YahooMyWeb
    • MySpace
    • Y!GG
  • Stampa Articolo
  • Email This Post

Civita Castellana - Un anno al giovane che materialmente distribuiva al resto della comitiva le banconote da 50 euro false

Notte brava in discoteca con soldi falsi, tre assoluzioni e una condanna

Condividi la notizia:

Viterbo - Il tribunale

Viterbo – Il tribunale

Civita Castellana – (sil.co.) – Notte brava in discoteca spendendo soldi falsi, una condanna e tre assoluzioni. E’ la vicenda di cinque ragazzi, quattro ventenni e un quindicenne, che il 5 agosto 2012 avrebbero trascorso la notte in una discoteca di Civita Castellana, ballando e spacciando banconote false da 50 euro. Bloccati dai buttafuori, per loro sono cominciati i guai. 

Una notte brava che al più piccolo del gruppo è costata un procedimento penale davanti al tribunale per i minori di Roma, mentre per i quattro maggiorenni, accusati di spendita di banconote false,  il relativo processo penale si è chiuso ieri davanti al giudice Silvia Mattei. 

Solamente uno degli imputati è stato condannato, a un anno di reclusione col beneficio della sospensione della pena, mentre sono stati assolti gli altri tre. Il giudice ha inoltre disposto che le banconote da 50 euro false sequestrate e conservate finora come prova del reato siano consegnate alla Banca d’Italia per la distruzione. 

Il minorenne, all’ennesimo giro di bevute pagato con una banconota da 50 euro, è stato bloccato dai buttafuori, mentre il gestore del locale chiamava i carabinieri. Sentito in caserma, essendo minore, fu poi stato affidato ai genitori. Gli altri che erano con lui  furono identificati e furono trovate, oltre ai soldi contraffati nelle casse del locale, altre tre banconote da 50 euro false nascoste dietro un albero indicato dal giovane che è stato condannato.

Nel corso del, processo è emerso che uno degli altri tre imputati si sarebbe limitato a dargli un passaggio, ma sarebbe stato all’oscuro di tutto. Solo il giovane condannato, invece, sarebbe stato materialmente in possesso del denaro contraffatto, che avrebbe usato per pagare l’ingresso a sé e agli altri due imputati. E sarebbe stato sempre lui, nel corso della serata, ogni 15-20 minuti, a passare banconote da 50 euro agli altri per prendere da bere. Almeno tre volte. Fino a quando il gioco è stato scoperto. 


Condividi la notizia:
25 novembre, 2017

    • Articoli recenti

                               Copyright Tusciaweb srl - 01100 Viterbo - P.I. 01994200564Informativa GDPR