Gamboni-infissi-infissi-nov-2017

--

--

    Condividi: Queste icone linkano i siti di social bookmarking sui quali i lettori possono condividere e trovare nuove pagine web.
    • Facebook
    • Twitter
    • LinkedIn
    • Google Bookmarks
    • Webnews
    • Wikio IT
    • YahooMyWeb
    • MySpace
    • Y!GG
  • Stampa Articolo
  • Email This Post

Bagnoregio - Antonino Zangla, comandante della compagnia di Montefiascone, all'incontro al centro anziani su come prevenire le truffe

“I cittadini sono i nostri i primi sensori sul territorio”

L'opuscolo dei carabinieri sui consigli contro le truffe agli anziani

L’opuscolo dei carabinieri sui consigli contro le truffe agli anziani

Bagnoregio – Si è tenuto ieri sera alle 17, in una gremita sala del centro anziani di Bagnoregio un interessante incontro tra i cittadini e l’Arma dei carabinieri.

Dopo una breve introduzione del professore Bernardini, presidente del centro, il relatore, capitano Antonino Zangla, comandante della compagnia di Montefiascone, accompagnato dal luogotenente Calisto Panico, ha trattato argomenti di attualità e fornito utili indicazioni tese a mettere in guardia le potenziali vittime da malintenzionati.

In particolare, durante l’esposizione, è stata elencata una casistica delle tipologie di truffe e di furti più frequenti, sono stati dati consigli e suggerimenti pratici al fine di ridurre l’esposizione a rischio ed è stato consegnato a tutti i presenti un decalogo redatto dal comando provinciale dei carabinieri di Viterbo.

Il capitano Zangla ha inoltre raccomandato di non avere mai remore a chiamare il 112, anche quelle notizie che all’apparenza possono sembrare di poco interesse al contrario spesso si rilevano fondamentali per intraprendere un’attività che può prevenire il perpetrarsi di taluni reati: “i cittadini perbene sono i nostri i primi sensori sul territorio”.

L’incontro si è quindi rivelato un importante momento di confronto e rientra nell’alveo dell’attività istituzionale che la Benemerita promuove anche al fine di dare ascolto ai bisogni della gente, delle loro esigenze ed aspettative.

La centralità del cittadino rappresenta, per ogni carabiniere, il comune denominatore al quale rivolgere la propria quotidiana azione che si estrinseca, oltre che nel campo della prevenzione e repressione dei reati, anche nel più arduo compito della “rassicurazione sociale”.

7 dicembre, 2017

Copyright Tusciaweb srl - 01100 Viterbo - P.I. 01994200564