--

--

    Condividi: Queste icone linkano i siti di social bookmarking sui quali i lettori possono condividere e trovare nuove pagine web.
    • Facebook
    • Twitter
    • LinkedIn
    • Google Bookmarks
    • Webnews
    • Wikio IT
    • YahooMyWeb
    • MySpace
    • Y!GG
  • Stampa Articolo
  • Email This Post

Cultura - Dal 2003 viveva e lavorava a Tuscania

E’ morto il pittore Alessandro Kokocinski

Caffeina-Tutankhamon-9-11-18-560x80-ok

Il pittore Alessandro Kokocinsk

Il pittore Alessandro Kokocinsk

Il pittore Alessandro Kokocinsk

Il pittore Alessandro Kokocinsk

Viterbo – E’ morto questa mattina a Tuscania il pittore Alessandro Kokocinski. L’artista dal 2003 viveva e lavorava a Tuscania. Ne ha dato notizia la famiglia su Facebook.

È morto a 69 anni, dopo una lungha malattia, il pittore, scultore e scenografo italiano Alessandro Kokocinski. 

Kokocinski, di origini polacco-russe, era nato il 3 aprile del 1948 nel campo profughi di Porto Recanati da madre scampata alla deportazione nazista e padre soldato nell’armata anglo-polacca.

Alla fine del 1948 la famiglia si trasferisce in Sudamerica. Trascorre i suoi primi anni di vita tra le foreste di Argentina e Paraguay. A Buenos Aires assiste alla caduta di Peron (1955). Schedato dal regime militare argentino, è costretto a rifugiarsi a Santiago del Cile dove espone disegni di denuncia politica presso diverse università.

Negli anni ’70 Kokocinski arriva a Roma, presentato dal poeta spagnolo Raphael Alberti con il quale nasce un lungo sodalizio. Sono anni di mostre e rapporti con artisti come Riccardo Tommasi Ferroni, Alberto Moravia, Pier Paolo Pasolini, Carlo Levi.

Dal 1986 Kokocinski è per alcuni anni in estremo oriente, poi in Germania. Quindi torna definitivamente in Italia dove fonda la compagnia teatrale “Kosa” con l’attrice Lina Sastri.

Nel 2003 si trasferisce a Tuscania dove trasforma in studio un’antica chiesa.

Kokocinski vanta una poliedrica produzione come pittore, scultore e scenografo. Tra le ultime esposizioni quella dell’autunno del 2015 alla fondazione Roma Museo dal titolo Kokocinski. La vita e la Maschera: da Pulcinella al Clown poi portata nella primavera di quest’anno al Museo archeologico di Napoli.

“Nel lavoro di Kokocinski c’è una forza evidente che tormenta i personaggi rendendoli aggressivi e audaci – spiega lo storico e critico Claudio Strinati – . Eppure, nello stesso tempo, la sua arte è quella di un uomo che sente intimamente la bellezza e la molteplicità delle cose della vita e nella pittura sembra trovare una via di uscita per manifestare, con sincerità e spontaneità indiscutibili, una sua particolarissima ansia di pienezza che si concretizza in un insieme di opere tutte legate l’una all’altra, quasi per costruire una immagine, fantastica e realistica insieme, dello scorrere dell’esistenza che non è mai integralmente lieta o integralmente tragica”.

Kokocinski lascia la figlia, Maya Kokocinski Molero, pittrice.

12 dicembre, 2017

    • Altri articoli

    • Articoli recenti

                               Copyright Tusciaweb srl - 01100 Viterbo - P.I. 01994200564Informativa GDPR