Gamboni-infissi-infissi-nov-2017

--

--

Tutankhamon-560x80

    Condividi: Queste icone linkano i siti di social bookmarking sui quali i lettori possono condividere e trovare nuove pagine web.
    • Facebook
    • Twitter
    • LinkedIn
    • Google Bookmarks
    • Webnews
    • Wikio IT
    • YahooMyWeb
    • MySpace
    • Y!GG
  • Stampa Articolo
  • Email This Post

Cna - Indagine del centro studi nazionale - Melaragni: "Un segnale positivo che ci spinge a intensificare la promozione dei prodotti tipici"

A Natale e Capodanno tradizione e made in Italy

Luigia Melaragni

Luigia Melaragni

Viterbo – Riceviamo e pubblichiamo – Cinque miliardi di spesa tra Natale e Capodanno. Un +2 per cento rispetto all’anno scorso. Insomma, italiani attenti al portafoglio sì, ma senza badare a spese. Per il cenone. E’ la tendenza che si fa strada nel nostro Paese all’approssimarsi delle festività più attese da grandi e piccini.

E dei rispettivi pasti principali, alla vigilia delle due date simbolo del periodo. E’ quanto rileva una indagine condotta dal centro studi Cna.

In un andamento a luci e ombre, proprio le spese per il cenone sono saldamente posizionate sul fronte della crescita, con viaggi e benessere, un trend che premia l’auto-soddisfazione sulle spese per gli altri, a cominciare dai regali. Rispetto agli striminziti budget degli anni di lunga crisi, quindi, l’extra – 1,3 miliardi in più solo di tredicesime, cresciute quest’anno a 33,7 miliardi – viene dedicato a soddisfare, prima di tutto, i bisogni propri e dei familiari più stretti, in precedenza compressi.

Il 24 a casa costa 2,7 miliardi… La vigilia di Natale premia la tradizione. Nove famiglie su dieci si gusteranno il cenone in famiglia, magari allargata e aperta agli amici cari. Il dato è in linea con quello abituale. La spesa complessiva per la sera del 24 dicembre è prevista intorno ai 2,7 miliardi.

…e il 31 fuori ne costa 2,3. Più mondano nelle previsioni il cenone che comincia a San Silvestro e finisce nelle prime ore del nuovo anno. Saranno fra tre e quattro su dieci le famiglie che festeggeranno in locali pubblici, in leggera crescita rispetto all’anno scorso. La spesa, però, dovrebbe essere inferiore a quella del cenone di magro di una settimana prima: intorno ai 2,3 miliardi. Forse a causa del pieno, di cibi e di spesa, fatto il 24.

Il piatto si tinge di tricolore. In comune, oltre al comprensibile desiderio di concedersi qualche specialità in più rispetto al passato recente, i due cenoni hanno il trionfo del Made in Italy. Lontani anni luce gli esotismi pre 2008, soprattutto la sera del 24, i piatti della tradizione, della memoria, contribuiranno a “fare l’atmosfera”, a dare un senso di famiglia, di affetto, di appartenenza, di identità. La ricerca delle prelibatezze nostrane occupa quindi molto tempo ai ghiottoni di tutta Italia. E sulle tavole, da un punto all’altro del Paese, la fanno da padrone i prodotti tipici. Del resto, non c’è che l’imbarazzo della scelta.
Già si percepiva aria di festa nell’aria, martedì 19 dicembre, quando Bruxelles ha registrato la Lenticchia di Altamura come 295esimo prodotto agroalimentare italiano riconosciuto e protetto. Si è aggiunta alla Lenticchia di Castelluccio di Norcia, a sua volta indicazione geografica protetta da ben dieci anni. Un risultato beneaugurante: la lenticchia è un si-deve nel cenone di Capodanno, augura abbondanza. E di questo legume italiano di qualità se ne consumerà sicuramente tanto.

Ma c’è perfino chi s’indebita. Non tutti gli italiani potranno permettersi, però, un cenone di lusso. Ma aumentano le iniziative benefiche per cercare di alleggerire, perlomeno un paio di volte l’anno, la situazione degli oltre 4,5 milioni di italiani che vivono in povertà. Non manca chi per il cenone s’indebita. Un sondaggio condotto da due società che concedono crediti on line rivela che poco meno di un quarto degli intervistati ha ammesso che per sostenere le spese natalizie farà ricorso a una banca o a una finanziaria. Di questi, più del 15 per cento per concedersi un cenone con tutti i crismi.

Commenta Luigia Melaragni, segretaria della Cna di Viterbo e Civitavecchia: “Uno delle tendenze più interessanti registrate dall’indagine del nostro centro studi nazionale, è sicuramente il trionfo del made in Italy. Si privilegia la straordinaria qualità di ciò che si produce nelle nostre campagne e nei laboratori artigiani. E’ un segnale positivo, che ci spinge a intensificare la promozione dei prodotti tipici, a rafforzare e ad estendere ad altri settori l’impegno che quest’anno Cna agroalimentare e l’associazione provinciale panificatori e pasticceri di Viterbo hanno messo nella realizzazione della bella campagna sui dolci della tradizione natalizia nel nostro territorio”.

Cna Viterbo e Civitavecchia

22 dicembre, 2017

                               Copyright Tusciaweb srl - 01100 Viterbo - P.I. 01994200564Informativa GDPR

Ciminauto -1036x80-16-10-18-OK