Gamboni-infissi-infissi-nov-2017

--
Caffeina-Stagione-Teatrale-580x60
    Condividi: Queste icone linkano i siti di social bookmarking sui quali i lettori possono condividere e trovare nuove pagine web.
    • Facebook
    • Twitter
    • LinkedIn
    • Google Bookmarks
    • Webnews
    • Wikio IT
    • YahooMyWeb
    • MySpace
    • Y!GG
  • Stampa Articolo
  • Email This Post

Operazione Deja vu - Notificati altri avvisi di fine indagine all'imprenditore

Nuovi guai giudiziari per l’imprenditore Elio Marchetti

Condividi la notizia:

Elio Marchetti

Elio Marchetti

Viterbo – (sil.co.) – Operazione Deja vu, si profilano altri guai giudiziari per l’imprenditore viterbese del settore auto Elio Marchetti, arrestato lo scorso 3 maggio, tornato in libertà da un paio di settimane e già sotto processo per associazione a delinquere ai fini della frode fiscale.

Marchetti, in questi giorni, sarebbe stato raggiunto da una decina di nuovi avvisi di fine indagine, i temuti 415 bis che preludono alla richiesta di rinvio a giudizio.

Al centro, ancora una volta, lo stesso presunto giro di supercar importate dalla Germania evadendo il pagamento dell’Iva, cui, secondo l’accusa, non sarebbe nuovo l’imprenditore. Per questo in grado di praticare prezzi imbattibili rispetto alla concorrenza.

Marchetti è finito sotto processo davanti al giudice Silvia Mattei appena cinque mesi dopo l’arresto. In seguito all’accoglimento da parte del giudice per le indagini preliminari di giudizio immediato della procura.

Nel frattempo le indagini sarebbero proseguite, e ora si sarebbero anche chiuse, individuando altri reati, sempre di natura fiscale, a carico dell’imprenditore.

Filoni diversi, che non avrebbero avuto i requisiti per la richiesta di giudizio immediato, ma sempre nell’ambito della stessa inchiesta sfociata nell’arresto di sette mesi fa.

“Il mio assistito – commenta il difensore Marco Valerio Mazzatosta – rischia di dovere subire ulteriori processi, più processi, per fatti che sarebbero tra loro correlati. Penso che quanto sta avvenendo si commenti da solo. È evidente che c’è un accanimento”.

Il fascicolo della maxinchiesta, che com’è noto coinvolge anche altri indagati, tra cui due storiche dipendenti di Marchetti, nel frattempo sarà assegnato a un altro sostituto procuratore. Il pm Fabrizio Tucci, infatti, dopo circa otto anni alla procura della repubblica di Viterbo, nei prossimi giorni sarà trasferito a Roma e non è noto, per quanto riguarda le vicende Marchetti, chi sarà il suo successore.


Condividi la notizia:
4 dicembre, 2017

    • Altri articoli

    • Articoli recenti

                               Copyright Tusciaweb srl - 01100 Viterbo - P.I. 01994200564Informativa GDPR