Gamboni-infissi-infissi-nov-2017

--
    Condividi: Queste icone linkano i siti di social bookmarking sui quali i lettori possono condividere e trovare nuove pagine web.
    • Facebook
    • Twitter
    • LinkedIn
    • Google Bookmarks
    • Webnews
    • Wikio IT
    • YahooMyWeb
    • MySpace
    • Y!GG
  • Stampa Articolo
  • Email This Post

Delitto di Santa Lucia - Indiscrezioni sull'autopsia - Domani l'addio ai coniugi - La ricostruzione della vicenda, dal ritrovamento dei cadaveri al fermo di Ermanno Fieno

Rosa colpita alle spalle, il sangue sulle pareti

di Raffaele Strocchia

Condividi la notizia:

Sanremo - Delitto di via Santa Lucia - Il fermo di Ermanno Fieno

Sanremo – Delitto di via Santa Lucia – Il fermo di Ermanno Fieno

Viterbo - Delitto di Santa Lucia - Polizia e vigili del fuoco

Viterbo – Delitto di Santa Lucia – Polizia e vigili del fuoco

Viterbo - Delitto di via Santa Lucia

Viterbo – Delitto di via Santa Lucia

Sanremo - Delitto di via Santa Lucia - Il fermo di Ermanno Fieno

Sanremo – Delitto di via Santa Lucia – Il fermo di Ermanno Fieno

Viterbo - Duplice omicidio in via Santa Lucia - La polizia scientifica

Viterbo – Delitto in via Santa Lucia – La polizia scientifica

Viterbo – Le macchie di sangue sulle pareti della cucina, visibili anche a occhio nudo. Ermanno Fieno avrebbe provato a cancellarle, ma in quella casa mancava l’acqua da almeno due mesi. Vicino al tavolo da pranzo Rosa Rita Franceschini, la mamma, sarebbe stata uccisa, colpita ripetutamente alla testa mentre era di spalle. E’ uno dei particolari emersi dall’esame autoptico eseguito venerdì all’obitorio di san Lazzaro.

Il medico legale ha analizzato anche il cadavere di Gianfranco Fieno, marito di Rosa Rita (71 anni). Ma i dubbi sul delitto di santa Lucia non verranno sciolti prima di sessanta giorni, quando i quesiti posti dalla magistratura troveranno finalmente una risposta. A partire dalla data della morte dei due coniugi, fino ad arrivare alle cause del decesso. Soprattutto quelle di Gianfranco, sul cui corpo non sarebbero stati trovati segni di violenza. L’ottantatreenne potrebbe essere morto per cause naturali, ore o addirittura giorni prima della moglie.


Multimedia: video: I vicini  – video: La polizia al lavoro – video – Il fermo di Ermanno Fieno – I rilievi delle forze dell’ordine – Coppia uccisa in casa – Tragedia in via Santa Lucia


La richiesta d’aiuto
Sono i vicini dei coniugi Fieno i primi a rendersi conto che Gianfranco e Rosa Rita non si vedono più da giorni. A differenza di Ermanno, il figlio 44enne che viveva con loro, notato nel quartiere fino a qualche ore prima il ritrovamento dei cadaveri. È Sandro, il fratello dell’ottantatreenne, il primo a essere allertato. Chiama poi Anna Maria, la nipote, che a sua volta contatta Ermanno. Sono le 20e30 di mercoledì, e lui non è a casa. “Non riesco a parlare con mamma e papà, dove sono?”. “Ricoverati in una clinica per anziani, a Roma”. “Ma che stai dicendo? Se non mi spieghi chiamo la polizia…”. Ma Ermanno riaggancia, e si precipita nell’appartamento dei genitori. Quando arriva, Anna Maria è già lì. Non riesce a entrare in casa. Come non riesce a entrare Luciano, l’altro fratello. La serratura è stata cambiata. Chiamano i vigili del fuoco, ed è al loro arrivo che il 44enne, rimasto nascosto, inizia la sua fuga. Sono le 21.

Il macabro ritrovamento
Nessuno sospetta la tragedia. I vigili del fuoco decidono di entrare in quell’appartamento al secondo piano del civico 26 di via santa Lucia dalla camera matrimoniale. La tapparella è completamente abbassata, ma la finestra pare aperta. Solo quando sfondano l’avvolgibile fanno la macabra scoperta. Gianfranco e Rosa Rita sono morti. Lui è disteso sul letto. Lei è ai suoi piedi, a terra, con la testa appoggiata su un plaid ripiegato più volte. Entrambi sono perfettamente avvolti in delle pellicole da imballaggio, tenute insieme da dello scotch da pacchi. Ermanno voleva disfarsi dei cadaveri? È possibile. Ma ciò che è certo è che così ne stava ritardando la decomposizione.
Sui comodini anche dei deodoranti per ambienti temporizzati, che entravano automaticamente in funzione ogni quindici minuti.

Il cranio fracassato
In via santa Lucia si precipitano le volanti della polizia, ma sono gli agenti della scientifica i primi a entrare nell’appartamento. La scena va cristallizzata, per evitare un eventuale inquinamento delle prove. Con l’arrivo del magistrato e del medico legale viene tagliato il cellophane che avvolge i cadaveri. Gli inquirenti trovano Gianfranco con un vestito nero addosso e le scarpe ai piedi. Le mani incrociate sul petto, e il corpo in via di decomposizione. Rosa Rita è invece scalza, e ha il cranio fracassato. Uccisa da una raffica di colpi inferti con un attizzatoio di ferro, che gli investigatori hanno sequestrato dopo averlo ritrovato accanto al camino nel salone.



La fuga del figlio
È all’arrivo dei vigili del fuoco che Ermanno decide di scappare. Fugge a piedi. Non ha un’auto, e la bici elettrica con cui spesso si sposta è nel garage. Ma ha un obiettivo. Lasciare Viterbo il prima possibile. Ed è dalla stazione di porta Fiorentina o dal capolinea degli autobus al Riello che parte per raggiungere Roma. La caccia all’uomo scatta subito, con i poliziotti che lo cercano ovunque. Anche in un lussuoso albergo del capoluogo, dove Ermanno avrebbe soggiornato a inizio dicembre.
Come dalla Capitale sia arrivato a Voghera e poi a Ventimiglia è ancora un mistero. Ciò che è certo è che gli inquirenti escludono che sia stato aiutato durante la fuga. Quando venerdì mattina la polizia di frontiera del comune ligure lo individua e lo ammanetta dando esito al fermo emesso dalla procura di Viterbo, lo trova in possesso di 750 euro in contanti, una carta bancomat intestata al padre, uno zainetto, camicie e calzini appena acquistati, e un biglietto del treno per Mentone, in Francia. Nessuna traccia invece del telefono cellulare, che è sempre risultato spento e di cui molto probabilmente se ne è disfatto.
È un mistero anche il prosieguo della fuga. Una volta varcato il confine, Ermanno sarebbe rimasto in Francia o avrebbe continuato a scappare? Magari imbarcandosi dal porto di Mentone per tentare di raggiungere una capitale europea? Domande a cui potrà rispondere solo lui, che ieri è comparso davanti al pubblico ministero nel carcere di Imperia, dove è detenuto. Convalidato il fermo, si è avvalso della facoltà di non rispondere alle domande del magistrato.



Gli interrogatori
Mentre Ermanno è in fuga, gli inquirenti ascoltano come persone informate sui fatti il fratello Luciano e la sorella Anna Maria. La fidanzata, amici, parenti e conoscenti. Per tentare di ricostruire le ultime ore di vita di Gianfranco e Rosa Rita, e per tentare di prevedere i movimenti del 44enne. Ma anche per cercare di capire il perché del presunto omicidio. Molto probabilmente per ragioni economiche, legate alla pensione del padre o all’eredità.
Ma tra le persone ascoltate dagli inquirenti c’è anche il titolare di un’agenzia funebre, che Ermanno avrebbe contattato alcuni giorni prima il ritrovamento dei cadaveri dei genitori. Chiedeva di poter organizzare il funerale del padre appena morto, salvo poi cambiare idea dopo qualche ora e disdire tutto. Perché quelle telefonate? Possono avvalorare l’ipotesi che i coniugi Fieno siano morti in due momenti differenti? E cosa è successo tra la prima e la seconda chiamata? E se Gianfranco è veramente morto per cause naturali, perché non risulterebbero telefonate al 118 e nessuno avrebbe informato i figli Anna Maria e Luciano?



I rilievi e la perquisizione
Cristallizzata la scena, gli investigatori sono tornati nell’appartamento ben due volte. Giovedì per i rilievi, anche mediante l’utilizzo del luminol. Avrebbero rilevato tracce di sangue in cucina (dove Rosa Rita sarebbe stata uccisa) e nella camera matrimoniale (dove è stato rinvenuto il cadavere), oltre che sulla presunta arma del delitto e su alcuni oggetti.
Venerdì, invece, per la perquisizione. Tutte le stanze sarebbero apparse in perfetto ordine, tra cui quella di Ermanno. La stessa di quando era ragazzo. Con il letto a castello e una collezione di spade attaccate alle pareti. Sui mobili, dei raccoglitori per i soldi, con le monete accuratamente infilate ciascuna nell’apposito box, e tantissimi libri gialli, thriller e horror. Tra cui Il grande dio Pan, a cui Ermanno ha fatto riferimento su Facebook il giorno prima del ritrovamento dei cadaveri dei suoi genitori (“Dicono sia il libro più terrificante mai scritto, vediamo se è davvero così…”). Apparentemente intonso, il volume sarebbe stato sequestrato insieme ad alcuni fogli dove Fieno avrebbe elencato una serie di libri. La sensazione, per gli investigatori, è quella di trovarsi di fronte a una persona precisa, metodica, strutturata e organizzata.

I funerali
Eseguiti gli esami autoptici, il pubblico ministero Chiara Capezzuto, titolare insieme al procuratore Paolo Auriemma delle indagini coordinata dalla squadra mobile della questura di Viterbo, ha restituito la salma di Gianfranco e Rosa Rita ai familiari per i funerali. Avranno luogo alle 10e30 di domani nella chiesa di santa Maria del Paradiso.

Raffaele Strocchia


Presunzione di innocenza
Per indagato si intende semplicemente una persona nei confronti della quale vengono svolte indagini preliminari in un procedimento penale.

Nel sistema penale italiano vige la presunzione di innocenza fino al terzo grado di giudizio. Presunzione di innocenza che si basa sull’articolo 27 della costituzione italiana secondo il quale una persona “non è considerata colpevole sino alla condanna definitiva”.


Condividi la notizia:
17 dicembre, 2017

Delitto di Santa Lucia ... Gli articoli

  1. 15 anni per omicidio e occultamento di cadavere a Fieno, "una pena congrua" per la difesa
  2. Uccise la madre, condannato a quindici anni Ermanno Fieno
  3. Uccise la madre, chiesti 20 anni per Ermanno Fieno
  4. "Ermanno Fieno non è infermo di mente", secondo lo psichiatra del tribunale
  5. "Fieno, incapace di volere in una famiglia patologica, non va messo in carcere..."
  6. Uccise la madre, oggi si saprà se Ermanno Fieno è sano di mente
  7. Rubò fette di tacchino al supermercato, assolto Ermanno Fieno
  8. Al via la perizia psichiatrica su Ermanno Fieno, il verdetto a primavera
  9. Uccise la madre, due psichiatri per stabilire se Ermanno Fieno è sano di mente
  10. Coniugi morti e avvolti nel cellophane, al via il processo al figlio
  11. Avvolse nel cellophane i genitori morti, perizia psichiatrica per Ermanno Fieno
  12. Uccise la madre, rito abbreviato per Ermanno Fieno
  13. Uccise la madre, via libera al processo per Ermanno Fieno
  14. La procura vuole il giudizio immediato per Ermanno Fieno...
  15. "Ho ucciso io mia madre"
  16. Delitto di Santa Lucia, Ermanno Fieno confessa l'omicidio della madre
  17. L'autopsia al vaglio di procura e difesa
  18. Non è stato duplice omicidio
  19. "Truffa, furto e falso" nel passato di Ermanno Fieno
  20. "A mamma e papà hai detto che gli hai raccontato molte bugie?"
  21. Colpita con l'attizzatoio e finita con un cuscino...
  22. "Morto per insufficienza cardiocircolatoria"
  23. Okay alla difesa Fieno, Massatani incontra la pm Capezzuto
  24. Incontro in carcere tra Ermanno Fieno e l'avvocato Massatani
  25. "Non eravamo graditi a persone vicine a Ermanno Fieno"
  26. "L'interrogatorio di Ermanno Fieno non è sinonimo di abbreviato"
  27. Ermanno Fieno rinuncia al riesame contro l'accusa di duplice omicidio
  28. "Cattivi rapporti con i miei per colpa di Ermanno"
  29. Delitto coniugi Fieno, venerdì l'udienza al Riesame
  30. Ermanno Fieno scrive lettere alla compagna dal carcere
  31. Fieno ricorre al riesame contro l'accusa di duplice omicidio
  32. "Devo litigare con mia sorella, sarà una lunga nottata..."
  33. In procura il fratello e la sorella di Ermanno Fieno
  34. "Capace di agire con violenza del tutto sproporzionata..."
  35. "Fieno voleva sbarazzarsi dei cadaveri"
  36. Ermanno Fieno "studia" le carte dell'inchiesta
  37. Due colpi in testa per uccidere la madre
  38. Fieno vuole farsi interrogare
  39. I difensori di Fieno: "Infondata l'accusa di duplice omicidio"
  40. Ermanno Fieno resta in carcere
  41. I fratelli di Ermanno tentarono di parlare con i genitori...
  42. "Frastornato, ma inizia a rendersi conto della situazione"
  43. Primo incontro a Mammagialla tra Fieno e i suoi avvocati
  44. Perizia psichiatrica su Fieno, difesa al lavoro
  45. "La verità verrà accertata solo nelle sedi giudiziarie..."
  46. Fieno in isolamento a Mammagialla
  47. Ermanno Fieno nel carcere di Mammagialla
  48. "15 giorni con due cadaveri in casa, serve una perizia psichiatrica su Fieno"
  49. "I corpi nel cellophane per cancellare l'omicidio dalla mente..."
  50. Gianfranco e Rosa morti da almeno due settimane
  51. Gianfranco non è stato ammazzato
  52. "Ermanno Fieno non è un mostro e non è matto"
  53. "I giorni in carcere non sono i più duri della mia vita..."
  54. Il gip: "Fieno deve restare in carcere"
  55. "Chi ha sbagliato comprenda l'errore"
  56. "Una violenta lite, poi non li ho più visti..."
  57. Fieno non ha versato una lacrima
  58. Ermanno Fieno ha fatto scena muta
  59. Ermanno Fieno davanti al magistrato
  60. Ermanno Fieno riconosciuto mentre scendeva le scale della stazione
  61. Sangue anche in cucina
  62. "Aveva 750 euro in contanti e vestiti appena acquistati"
  63. Rintracciato e fermato a Ventimiglia Ermanno Fieno
  64. Oggi il riconoscimento delle vittime e l'affidamento dell'autopsia
  65. Rintracciato e fermato a Ventimiglia Ermanno Fieno
  66. “Non li abbiamo mai sentiti litigare, lui era un solitario”
  67. Rosa uccisa con uno spiedo di ferro
  68. Indagato per omicidio volontario il figlio Ermanno
  69. La scientifica col luminol sul luogo del delitto
  70. Aperto dalla procura un fascicolo per duplice omicidio
  71. Trovati morti sul letto avvolti nel cellophane
  72. Coppia trovata morta in casa, si ipotizza il duplice omicidio
  73. Trovati due cadaveri in una casa
    • Altri articoli

    • Articoli recenti

                               Copyright Tusciaweb srl - 01100 Viterbo - P.I. 01994200564Informativa GDPR