- Viterbo News – Viterbo Notizie – Tusciaweb – Tuscia News – Newspaper online Viterbo – Quotidiano on line – Italia Notizie – Roma Notizie – Milano Notizie – Tuscia web - http://www.tusciaweb.eu -

La scientifica col luminol sul luogo del delitto

Condividi la notizia:
  • [1]
  • [2]

Ermanno Fieno [3]

Ermanno Fieno

Viterbo - Duplice omicidio in via Santa Lucia - La polizia scientifica [4]

Viterbo – Duplice omicidio in via Santa Lucia – La polizia scientifica

Viterbo - Duplice omicidio in via Santa Lucia - La pm Chiara Capezzuto [5]

Viterbo – Duplice omicidio in via Santa Lucia – La pm Chiara Capezzuto

Viterbo - Duplice omicidio in via Santa Lucia - La polizia scientifica [6]

Viterbo – Duplice omicidio in via Santa Lucia – La polizia scientifica

 

Viterbo – Stanotte hanno cristallizzato la scena del crimine, per scongiurare un eventuale inquinamento delle prove, oggi sono tornati nell’appartamento al civico 26 di via Santa Lucia per dare il via ai rilievi veri e propri. Non solo all’interno dell’abitazione, ma anche nelle immediate adiacenze della palazzina dove è avvenuto il presunto duplice delitto.

Multimedia: Coppia uccisa in casa [7] – Tragedia in via Santa Lucia [8] – Video [9]

Al setaccio il prato, sul quale sarebbe stato rinvenuto quello che apparentemente sembra essere un lenzuolo, e i cassonetti della spazzatura. Forse alla ricerca di una possibile arma, sempre che sia stata usata un’arma per uccidere la coppia. Massimo per ora, su tutti i fronti, il riserbo degli inquirenti. 

Sono gli uomini della polizia scientifica che dovranno chiarire la dinamica di quanto accaduto a Gianfranco Fieno e Rosa Franceschini, i coniugi di 83 e 71 anni i cui cadaveri, avvolti nel cellophane, sono stati ritrovati verso le 22 del 13 dicembre in un appartamento al secondo piano del quartiere di Santa Lucia, zona est del capoluogo, dopo l’allarme lanciato dalla sorella. 

Per l’accertamento dei fatti si farà ricorso anche al luminol, il composto chimico utilizzato dalla polizia scientifica per rilevare la presenza e la localizzazione di eventuali tracce di sangue sul luogo dove si sospetta possa essere stato commesso un delitto. 

Sarò l’esame autoptico a chiarire in via definitiva le cause e l’ora del decesso. Quest’ultimo un particolare di grande importanza per gli investigatori che già in queste ore stanno sentendo persone informate dei fatti per ricostruire gli ultimi giorni della coppia e del figlio 44enne, Ermanno Fieno, che al momento resta il principale indiziato.

Dell’uomo ancora nessuna traccia. Nel primo pomeriggio è stata diffusa la notizia che fosse stato arrestato. Notizia smentita categoricamente dalle forze dell’ordine.

Lo stanno cercando da ieri sera quando, almeno fino alle 20,30-21 sarebbe stato ancora nel quartier di Santa Lucia, volatilizzandosi forse alla vista dei lampeggianti dei mezzi di soccorso sotto casa, dove verso le 22 si sono precipitati i vigili del fuoco, le ambulanze del 118 ed è iniziato il via vai delle pattuglie della squadra volante e della mobile. 

La procura, al momento, vorrebbe sentire Ermanno come persona informata dei fatti, esattamente come già successo con il fratello, la sorella e altri familiari. Non gli sarebbe stato nominato nessun difensore d’ufficio e non sarebbe considerato un ricercato. Per il momento è una persona libera che ha scelto spontaneamente di allontanarsi. Certo è che se i tempi dovessero allungarsi oltre le 24-48 ore, senza che l’uomo faccia avere sue notizie, allora la situazione potrebbe cambiare, anche a garanzia della sua incolumità, qualora gli fosse capitato un imprevisto. 



Potrebbe slittare a dopo il weekend,nel frattempo, l’autopsia disposta dalla procura della repubblica, che ha aperto sul caso un fascicolo per duplice omicidio intestato al procuratore capo Paolo Auriemma e al sostituto Chiara Capezzuto.

Tra le ipotesi che circolano ci sarebbe anche che Gianfranco possa essere morto di morte naturale e Rosa invece essere stata uccisa. Ma per l’appunto al momento sono solo ipotesi, in seguito a un primo esame esterno del medico legale, intervenuto in via Santa Lucia non appena ritrovati i corpi senza vita dei due anziani. 

Silvana Cortignani


Presunzione di innocenza
Per indagato si intende semplicemente una persona nei confronti della quale vengono svolte indagini preliminari in un procedimento penale.

Nel sistema penale italiano vige la presunzione di innocenza fino al terzo grado di giudizio. Presunzione di innocenza che si basa sull’articolo 27 della costituzione italiana secondo il quale una persona “non è considerata colpevole sino alla condanna definitiva”.


Condividi la notizia:
  • [1]
  • [2]
  • Tweet [10]
  • [1]
  • [2]