Gamboni-infissi-infissi-nov-2017

--

--

    Condividi: Queste icone linkano i siti di social bookmarking sui quali i lettori possono condividere e trovare nuove pagine web.
    • Facebook
    • Twitter
    • LinkedIn
    • Google Bookmarks
    • Webnews
    • Wikio IT
    • YahooMyWeb
    • MySpace
    • Y!GG
  • Stampa Articolo
  • Email This Post

Economia - Presentato l'organismo di composizione della crisi da sovraindebitamento degli avvocati e dei commercialisti di Viterbo

“Una valvola di sfogo per chi è stritolato dai debiti”

L'avvocato Guglielmo Ascenzi

L’avvocato Guglielmo Ascenzi

Maria Rosaria Covelli, presidente del tribunale di Viterbo

Maria Rosaria Covelli, presidente del tribunale di Viterbo

La presentazione dell'organismo per la composizione della crisi da sovraindebitamento

La presentazione dell’organismo per la composizione della crisi da sovraindebitamento

Il magistrato Antonino Geraci

Il magistrato Antonino Geraci

Maurizio Rubini

Maurizio Rubini

Marco Santoni, Luigi Sini, Carlo Orlando e Daniele Vattermoli

Marco Santoni, Luigi Sini, Carlo Orlando e Daniele Vattermoli

La presentazione dell'organismo per la composizione della crisi da sovraindebitamento

La presentazione dell’organismo per la composizione della crisi da sovraindebitamento

Viterbo – Presentato l’organismo per la composizione della crisi da sovraindebitamento, formato dall’ordine degli avvocati e dall’ordine dei commercialisti ed esperti contabili di Viterbo (Acoavit).

Composizione della crisi da sovraindebitamento, un nome complesso e difficile da ricordare per un organismo creato per dare applicazione alla cosiddetta legge salva suicidi e i cui effetti potrebbero essere molto utili per chi è in difficoltà.

La presentazione ieri pomeriggio nell’aula della corte d’assise del tribunale di Viterbo. C’erano Maria Rosaria Covelli, presidente del tribunale, Guglielmo Ascenzi, presidente dell’Acoavit, il magistrato Antonio Geraci, Luigi Sini, presidente dell’ordine degli avvocati, e Marco Santoni, presidente dell’ordine dei commercialisti e contabili di Viterbo.

“La legge – spiega l’avvocato Ascenzi – ha introdotto un valido rimedio a tutte quelle situazioni di sovraindebitamento in cui si può incorrere per una serie di eventi non volontari e che comportano un insostenibile aumento di debiti da pagare. Utilizzando in maniera seria e cosciente quanto previsto dalla legge, il debitore si può liberare dai debiti pagando quanto gli è possibile, potendo iniziare di nuovo a guardare al proprio futuro senza la zavorra dei vecchi debiti”.

La presidente del tribunale di Viterbo Covelli ha proposto la “stipula di protocolli e la realizzazione di una serie di tavoli tecnici con i membri dell’organismo, per arrivare a linee programmatiche e normative comuni”. Proposta accolta dal presidente dell’Acoavi, Ascenzi. “Siamo disponibili – ha detto – a lavorare con sinergia con il tribunale, per poter stipulare protocolli per indirizzare al meglio consumatori e soggeti non fallibili”. E ai soggetti non fallibili la procedura è rivolta. Ovvero: consumatori, piccole imprese non fallibili, aziende agricole e professionisti iscritti in albi.

Il magistrato Antonio Geraci ha definito l’organismo “un’introduzione epocale, una valvola di sfogo per chi è stritolato dai debiti”. La parola è poi passata ai relatori, a partire dal referente dell’Acoavit Maurizio Rubini.

13 dicembre, 2017
    • Altri articoli

Copyright Tusciaweb srl - 01100 Viterbo - P.I. 01994200564