Gamboni-infissi-infissi-nov-2017

--

--

Tutankhamon-560x80

    Condividi: Queste icone linkano i siti di social bookmarking sui quali i lettori possono condividere e trovare nuove pagine web.
    • Facebook
    • Twitter
    • LinkedIn
    • Google Bookmarks
    • Webnews
    • Wikio IT
    • YahooMyWeb
    • MySpace
    • Y!GG
  • Stampa Articolo
  • Email This Post

Viterbo - Un piccolo paradiso immerso nella nostra provincia che non passa inosservato

Il Bagnaccio sulle pagine di Venerdì di Repubblica

Il Bagnaccio sulle pagine di Venerdì di Repubblica

Il Bagnaccio sulle pagine di Venerdì di Repubblica

Viterbo - Il parco termale Bagnaccio

Viterbo – Il parco termale Bagnaccio

Viterbo – Il Bagnaccio sulle pagine di Venerdì di Repubblica.

All’angolo di pace e relax della Tuscia, MariaVittoria Butera dedica un articolo sulle pagine del periodico definendola come un’area in cui il turismo nazionale e internazionale sta crescendo sempre di più.

Un piccolo paradiso immerso nella nostra provincia che non passa inosservato.

“La squisita pace dei sensi delle terme – si legge nell’articolo – incontra tutta la bellezza della natura del parco termale del Bagnaccio, un’oasi naturale che sorge a nord di Viterbo, lungo l’antica via Francigena. L’area, un tempo nota come Aquae Passeris, è stata intermanete riqualificata nel 2013 dall’associaizone di promozione sociale “Il Bagnaccio”, che l’ha res afruibile ad un numero crescente di turisti provenienti da ogni parte d’Italia e d’Europa”.

La natura è una caratteristica fondamentale.

“Quello del Bagnaccio – si legge ancora – non è un semplice parco termale, qui la natura gioca un ruolo da protagonista grazie ad una forte presenza di flora autoctona viterbese che circonda l’area della sorgente, permettendo ai visitatori del parco di scoprire attraverso percorsi appositi bellezze come l’orto botanico, che ospita anche rare specie di animali e piante”.

13 gennaio, 2018

                               Copyright Tusciaweb srl - 01100 Viterbo - P.I. 01994200564Informativa GDPR