Gamboni-infissi-infissi-nov-2017

--

--

Lezioni-di-democrazia-560x80

    Condividi: Queste icone linkano i siti di social bookmarking sui quali i lettori possono condividere e trovare nuove pagine web.
    • Facebook
    • Twitter
    • LinkedIn
    • Google Bookmarks
    • Webnews
    • Wikio IT
    • YahooMyWeb
    • MySpace
    • Y!GG
  • Stampa Articolo
  • Email This Post

Viterbo - Il dottor Piergiorgio Calcaterra, specialista in Idrologia Medica, spiega i vantaggi dei trattamenti inalatori con l’acqua sulfurea di Terme dei Papi

Una cura naturale per i mali di stagione… per tutte le stagioni

Cure inalatorie alle Terme dei papi

Cure inalatorie alle Terme dei papi

Viterbo – Le nostre vie respiratorie sono spesso messe a “dura prova” durante le stagioni, con frequenti episodi infiammatori che possono interessare sia le alte che le basse vie respiratorie: presenza di catarri, tosse, infezioni ricorrenti e reazioni allergiche stagionali molto spesso possono determinare infiammazioni croniche del rinofaringe, della trachea, dei bronchi e dei polmoni, con comparsa quindi di una sintomatologia caratterizzata spesso da ostruzione nasale, presenza di secrezioni mucose diffuse ed abbondanti e conseguente riduzione della capacità funzionale respiratoria residua.

Molto spesso questa sintomatologia permane a lungo anche dopo che la fase acuta della patologia è terminata, soprattutto in questo periodo invernale, con lenta risoluzione e permanenza di fastidiosi reliquati difficili a debellare.

In questo contesto le cure inalatorie con l’acqua sulfurea di Terme dei Papi hanno una riconosciuta capacità terapeutica nella prevenzione, nella cura e nel recupero funzionale delle patologie respiratorie (anche su base allergica), grazie alle innumerevoli azioni svolte dai preziosi sali minerali e dai gas terapeutici della sorgente.

Le acque solfuree, infatti, a livello delle vie respiratorie esercitano diverse azioni biologiche, tra le quali prevalgono l’azione trofica sulle mucose (stimolo alla produzione di nuove cellule che “tappezzano” le vie respiratorie), un’azione mucolitica e fluidificante sulle secrezioni (rottura dei ponti disolfuro della mucina da parte dell’idrogeno solforato), un’azione di stimolo alla produzione di anticorpi locali (IgA secretorie – quali “primi difensori” contro virus, batteri, polveri e pollini.), ripristinando anche la corretta attività ciliare della mucosa che tappezza le vie respiratorie (gli “spazzini” delle vie respiratorie) abbattendo, infine, la carica microbica con il gas sulfureo, modificando profondamente il sistema immunitario locale e generale.

Ma l’inverno è la stagione giusta per approfittare delle cure inalatorie solfuree anche nel caso di allergie stagionali, prevalentemente primaverili e/o estive, ai vari pollini (parietaria e graminacee sopra tutti) ed altri aeroallergeni quali, ad esempio, gli acari della polvere.

La rinite allergica rappresenta forse la più comune forma di allergia: prurito nasale, starnuti, presenza di secrezione acquosa (rinorrea) ed ostruzione nasale ne fanno da padrone. Possono comparire arrossamento degli occhi, lacrimazione, cefalea, disturbi dell’olfatto.

Anche in questi casi un ciclo inalatorio con acqua sulfureo-solfato-bicarbonata di Terme dei Papi, eseguito al di fuori delle fasi acute e, nel caso delle allergie stagionali, prima del periodo delle pollinosi primaverili, può rappresentare un’ efficace protezione delle vie respiratorie, grazie all’azione antiflogistica, antisettica, antiossidante, e stimolante il sistema immunitario generale e locale.

Dottor Piergiorgio Calcaterra
Specialista in Idrologia Medica
Direttore Sanitario Terme dei Papi S.p.A.


Informazione pubblicitaria

11 gennaio, 2018

                               Copyright Tusciaweb srl - 01100 Viterbo - P.I. 01994200564Informativa GDPR