--

--

Ezio-mauro560x60

    Condividi: Queste icone linkano i siti di social bookmarking sui quali i lettori possono condividere e trovare nuove pagine web.
    • Facebook
    • Twitter
    • LinkedIn
    • Google Bookmarks
    • Webnews
    • Wikio IT
    • YahooMyWeb
    • MySpace
    • Y!GG
  • Stampa Articolo
  • Email This Post

Tribunale - Droga a Bagnaia - Condannato a tre anni e mezzo e a una multa di 12mila euro

Passeggia col cane e spaccia coca nascosta negli slip…

Caffeina-Tutankhamon-9-11-18-560x80-ok

Viterbo - Il tribunale

Viterbo – Il tribunale

Viterbo – Tre anni, sei mesi e 20 giorni per spaccio più una maximulta di 12mila euro, con lo sconto di un terzo della pena del rito abbreviato. E’ la condanna inflitta ieri dal giudice Giacomo Autizi a un trentenne arrestato lo scorso marzo nel centro di Bagnaia dai carabinieri del nucleo investigativo del comando provinciale di Viterbo.

Spacciava mentre portava a spasso il cane e teneva la droga nascosta negli slip.

Il giovane, finito agli arresti domiciliari dopo la convalida, era tenuto sotto controllo da alcuni giorni dai militari, insospettivi  dal fatto che si aggirasse senza una meta precisa per il centro di Bagnaia, portando al guinzaglio un cane, e nel frattempo venisse avvicinato da diverse persone.

Quando è stato bloccato, aveva con sé alcune dosi di cocaina, occultate nella biancheria intima. 

A casa, invece, gli sono stati sequestrati altri cinquanta grammi circa di cocaina, di ottima qualità, un bilancino, sostanze da taglio e materiale utile per confezionare tale stupefacente in dosi da destinare allo spaccio e la somma di circa mille euro in banconote di piccolo taglio trovata in un giubbotto.

Per la difesa, la somma trovata nel giubbotto non poteva essere provento dello spaccio: “La cocaina si vende in tagli da 50 euro, non da 20 e 10 euro. Inoltre non ci sono stati sviluppi investigativi. Siccome faceva un corso da pizzaiolo ed era assuntore, come provato dall’esame tricologico, cedeva a qualche amico per togliersi gli sfizi”.

Il trentenne, reo confesso, nel frattempo si sarebbe ravveduto: “Ho capito che non era la vita che volevo fare e adesso sono in cura al Sert per disintossicarmi”, ha detto al giudice prima della sentenza.

Il pm aveva chiesto due anni e otto mesi e 12mila euro di multa. 

16 gennaio, 2018

    • Altri articoli

                               Copyright Tusciaweb srl - 01100 Viterbo - P.I. 01994200564Informativa GDPR