--
    Condividi: Queste icone linkano i siti di social bookmarking sui quali i lettori possono condividere e trovare nuove pagine web.
    • Facebook
    • Twitter
    • LinkedIn
    • Google Bookmarks
    • Webnews
    • Wikio IT
    • YahooMyWeb
    • MySpace
    • Y!GG
  • Stampa Articolo
  • Email This Post

Elezioni politiche - Uninominale senato - Intervista ad Alberto Cozzella, candidato M5s

“I 5 stelle vogliono illuminare la scena politica”

Bassano-Presepe-19-560x60

Condividi la notizia:

Alberto Cozzella (M5s)

Alberto Cozzella (M5s)

Roma – “I 5 stelle vogliono illuminare la scena politica”. Alberto Cozzella, candidato M5s al collegio uninominale Senato, presenta la sua candidatura in vista del voto del 4 marzo. Laureato in giurisprudenza, tra gli incarichi, nel 1998, alla procura generale presso la corte d’appello di Roma ha svolto funzioni di sostituto procuratore generale.

Perché ha deciso di candidarsi?
“Perché – dice Cozzella – essendo stato, per quasi mezzo secolo, esecutore delle leggi vigenti, non sempre del tutto apprezzabili, vorrei cimentarmi in un ambito diverso, partecipando a una possibile azione di rimodulazione di quanto non più rispondente alle esigenze di una giustizia rapida e sicura”.

Quali sono i punti del suo programma?
“Ho appena fatto ingresso nel mondo a Cinque Stelle: è cosa ovvia e logica che io non possa che rifarmi ai 20 punti che costituiscono ol futuro in programma del movimento”

Qual è il tratto distintivo della sua candidatura?
“E’ una candidatura come tutte le altre: mi è stata fatta la proposta di candidarmi sulla scorta delle mie specifiche competenze professionali: evidentemente il Movimento ha ritenuto utile avvalersene; di tanto sono orgoglioso e grato”.

C’è il rischio di una coalizione Renzi-Berlusconi o il futuro politico è ben delineato?
“Il mio è ancora l’occhio di chi vede le cose dall’esterno, come tutti gli altri cittadini, apprendendo la realtà della politica quotidiana dai mezzi di informazione; non vedo nulla di definito e delineato, fatta eccezione per gli intenti dichiarati e manifestati dal Movimento”.

Cosa deve davvero cambiare nel paese?
“Anzitutto, qualcosa nella testa di ciascuno di noi, il nostro modo d’essere, il nostro modo di pensare e di porci di fronte alla società in cui viviamo: dobbiamo capire che governare significa porsi al servizio della comunità e non viceversa; che chi non rispetta la legge non è un furbo, ma un disonesto; e che chi fa il proprio dovere non è uno sciocco ma un cittadino da encomiare e imitare, da prendere a modello; che chi non paga le tasse è disonesto, non intelligente. Soltanto quando saremo entrati in quest’ottica (e ci vorrà tanto tempo) potremo incominciare a cambiare il paese”.

Perché dovrebbero votarla?
“Io non pretendo nulla; mi sono soltanto proposto; sono uno che ha dignitosamente lavorato (in vario modo) per molto più di mezzo secolo e che ha accumulato tanta esperienza, traendola dagli intensi studi di tutta una vita, riversati nella pratica quotidiana, sociale e familiare”.

Coma valuta questa campagna elettorale?
“Sono alquanto soddisfatto, sia in linea generale che per quanto mi riguarda: fino ad ora è stata una “campagna” alquanto serena, senza toni sguaiati o aggressivi. E questo mi fa piacere, perché rispecchia il mio modo d’essere. Naturalmente, mi riferisco alla campagna elettorale in sede locale; a livello nazionale i toni sono un po’ diversi”.

Coma valuta l’attuale ceto politico?
“Nulla di nuovo sotto le stelle: tutta la storia dell’umanità ha visto il rincorrersi, l’alternarsi e il convivere di personaggi grandi – sia in positivo che in negativo – mediocri o miserevoli. Forse, oggi, il problema è la mancanza di personaggi grandi, capaci di illuminare un popolo. Perciò c’è tanto grigiore e tanta nebbia nella nostra politica. Ma i Cinque Stelle intendono fare un buon lavoro, da elettricisti, per illuminare la scena politica”.


Condividi la notizia:
28 febbraio, 2018

Elezioni politiche e regionali 2018 ... Gli articoli

  1. Polverini, Gasparri, Bongiorno dalla Tuscia al parlamento
  2. Fioroni fuori, Sabatini il più votato di FI ma non eletto
  3. "A Ronciglione Pd al 67,85% e M5s al 59,33%”
  4. "Zingaretti non ha la maggioranza, abbia approccio costruttivo con l'opposizione"
  5. Eletti Silvia Blasi ed Enrico Panunzi
  6. Oltre un milione di voti per Zingaretti (33,26%) - Parisi (31,49 %) - Lombardi (27,26 %)
  7. Fioroni, buona incidenza sulla coalizione di centrosinistra
  8. "Zingaretti può costituire una risorsa per il Pd"
  9. Zingaretti presidente ma a Viterbo "vince" Parisi
  10. I tre consiglieri viterbesi saranno due: Panunzi e Blasi
  11. "Il mio ingresso in regione? E' legato al fattore 'C'"
  12. Daniele Sabatini il più votato a Viterbo
  13. Zingaretti presidente (33,23%) - Parisi (31,44 %) - Lombardi (27,20 %)
  14. "Una Tuscia connessa e al centro di un processo di sviluppo"
  15. "Salvini deve fare il presidente del consiglio"
  16. "Le dimissioni non si annunciano, si danno"
  17. "Il centrodestra è unito e da qui ripartiamo"
  18. Panunzi rieletto e al comitato elettorale è festa
  19. "300mila voti in più nel Lazio rispetto alle politiche"
  20. Zingaretti verso la riconferma
  21. Zingaretti primo tallonato da Parisi
  22. Panunzi fa il pieno di preferenze a Viterbo, segue Daniele Sabatini
  23. Zingaretti torna in testa, Parisi secondo e terza Lombardi
  24. Parisi in testa, Zingaretti terzo
  25. "Continuerò il mio impegno politico al servizio della mia comunità"
  26. Gioia, sonno e tanta voglia di partire con "un'altra storia"...
  27. Parisi supera Lombardi, Zingaretti sempre primo
  28. Rotelli deputato, Battistoni e Fusco senatori
  29. Zingaretti al 34,4%, Lombardi al 31,9% e Parisi al 26,8%
  30. Mauro Rotelli eletto deputato
  31. Umberto Fusco eletto senatore
  32. Fioroni fuori dal parlamento, nell'uninominale è terzo
  33. Matteo Salvini: “A Viterbo abbiamo ottenuto il 18,05%”
  34. Fioroni fuori dal parlamento, nell'uninominale è terzo
  35. Flop di Boldrini, D'Alema, Grasso e Franceschini
  36. Rotelli (FdI) e Battistoni (FI) i più votati a Viterbo, M5s primo partito
  37. A Viterbo, Rotelli 16mila voti e Battistoni quasi 15mila
  38. A Viterbo, Rotelli 16mila voti e Battistoni quasi 15mila
  39. Mauro Rotelli (FdI) e Francesco Battistoni (FI) verso la vittoria
  40. Mauro Rotelli (FdI) e Francesco Battistoni (FI) avanti
  41. “Un'ora e quaranta per votare e la gente se ne andava..."
  42. Politiche e regionali - Affluenza e risultati
  43. Nella Tuscia ha votato il 76,04%
  44. Movimento 5 stelle primo partito con oltre il 30%
  45. Battistoni 194 voti, Cozzella 146, Mazzoli 122
  46. Movimento 5 stelle primo partito, centrodestra prima coalizione
  47. Nicola Zingaretti avanti
  48. Movimento 5 stelle primo partito
  49. Due ore per votare... Vergogna! Vergogna! Vergogna!
  50. Alle 19 ha votato il 56,76%
  51. Alle 12 ha votato il 17,59%
  52. Politiche e regionali - Affluenza e Risultati
  53. "Dopo cinque anni di Zingaretti il Lazio è diventata una regione peggiore"
  54. "Nella Tuscia più impulso a mobilità, turismo e distretto di Civita"
  55. "Due le priorità per la Tuscia: Belcolle e il comparto della ceramica"
  56. "La Tuscia deve essere al centro di un processo di sviluppo"
  57. "Il M5s sta portando avanti una rivoluzione morale e culturale"
  58. "Il vero rischio per il paese è rappresentato da Salvini e Di Maio"
  59. “Lavoro, ambiente e lotta alle disuguaglianze"
  60. "Lavoro, sicurezza e rilancio del territorio"
  61. Elezioni politiche e regionali, ecco come si vota
    • Articoli recenti

                               Copyright Tusciaweb srl - 01100 Viterbo - P.I. 01994200564Informativa GDPR