--
    Condividi: Queste icone linkano i siti di social bookmarking sui quali i lettori possono condividere e trovare nuove pagine web.
    • Facebook
    • Twitter
    • LinkedIn
    • Google Bookmarks
    • Webnews
    • Wikio IT
    • YahooMyWeb
    • MySpace
    • Y!GG
  • Stampa Articolo
  • Email This Post

Elezioni politiche - Uninominale senato - Intervista ad Alessandro Mazzoli candidato per il Pd

“Lavoro, ambiente e lotta alle disuguaglianze”

Condividi la notizia:

Alessandro Mazzoli

Alessandro Mazzoli

Viterbo – “Lavoro, ambiente e lotta alle disuguaglianze”. “La mia è senza dubbio una candidatura del territorio”. “L’unico partito che in questi anni difficili si è fatto carico della crisi del paese è il Partito democratico”. Alessandro Mazzoli, canidato Pd al Senato nel collegio uninominale, presenta la sua candidatura in vista del voto del 4 marzo.

Perché ha deciso di candidarsi?
“Mi sono messo a disposizione del mio partito, il Pd, che mi ha chiesto di correre per il Senato nel collegio uninominale composto da Viterbo, Civitavecchia e altri 18 comuni della provincia di Roma. Dopo l’esperienza da presidente della provincia e gli ultimi 5 anni da deputato, ho accettato per continuare a rappresentare il territorio in Parlamento. Questa volta, non solo la Tuscia ma un’area più vasta composta dal Lazio nord che si ritrova in obiettivi comuni di sviluppo e crescita”.

Quali sono i punti del suo programma?
“Lavoro, ambiente e lotta alle disuguaglianze. Tre pilastri su cui costruire il futuro del nostro territorio e dell’Italia tutta. A livello nazionale occorre tornare a favorire gli investimenti pubblici e privati per creare nuova occupazione. Un’occupazione di qualità e stabile, che restituisca dignità al lavoro per generare un circuito virtuoso capace di risollevare definitivamente i consumi e far uscire del tutto l’Italia dalla crisi. Gli ultimi indicatori economici dimostrano che la strada delle riforme imboccata dal Governo Gentiloni è quella giusta: per generare ricchezza, dobbiamo creare più occupazione. Come? Nell’ottica dello sviluppo sostenibile e aiutando le imprese che investono in innovazione. Il lavoro è anche la strada maestra per ridurre le forti disuguaglianze sociali presenti nella società italiana, insieme all’incremento dei fondi per il reddito di inclusione sociale e all’estensione di una misura universale di 80 euro al mese per ogni figlio fino all’età di 18 anni. A livello locale, le nostre rivendicazioni di questi anni ci accomunano alla città di Civitavecchia e al suo territorio.

Penso innanzitutto al completamento della Trasversale Orte-Civitavecchia per il quale abbiamo ottenuto dal governo le risorse necessarie. Così come penso alla ferrovia Orte-Capranica-Civitavecchia che verrà riaperta per fini turistici e su cui continuerò ad impegnarmi affinché possa svolgere pienamente la funzione di trasporto passeggeri e merci. Si tratta di due tasselli fondamentali per valorizzare appieno il porto di Civitavecchia, unanimemente considerato una straordinaria opportunità di sviluppo, crescita e occupazione. Penso, inoltre, al patrimonio culturale, a partire dagli Etruschi e al riconoscimento dell’Unesco come Patrimonio dell’umanità per Tarquinia e Cerveteri. E poi c’è il patrimonio ambientale, con i laghi di Bolsena, Vico e Bracciano e il sistema dei parchi. In questo ambito, sono già molte le collaborazioni tra le istituzioni locali per la valorizzazione del territorio. Dobbiamo continuare su questa strada”.

Qual è il tratto distintivo della sua candidatura?
“La mia è senza dubbio una candidatura del territorio. Nello svolgimento degli incarichi che sinora ho avuto l’onore di ricoprire non ho mai perso il contatto con i cittadini. Ho continuato a incontrarli e a confrontarmi con loro non solo in campagna elettorale ma in un rapporto continuo di scambio e interlocuzione che mi è servito a mantenere sempre alto il livello di attenzione nei confronti dei reali problemi delle persone. Base indispensabile, quest’ultima, per riuscire a trovare le soluzioni”.

C’è il rischio di una coalizione Renzi-Berlusconi o il futuro politico è ben delineato?
“Il risultato di queste elezioni non è già scritto e nessuno può anticipare veramente gli scenari del 5 di marzo. L’unico partito che in questi anni difficili si è fatto carico della crisi del Paese è il Partito democratico, nonostante in diverse circostanze ci siano già stati accordi di larghe intese dai quali però Berlusconi, dopo poco tempo, si è chiamato fuori. L’unica cosa di cui sono convinto è che per garantire la prosecuzione delle riforme, del cambiamento e l’uscita definitiva dell’Italia dalla crisi, serve che il Pd sia la principale forza parlamentare. La nostra prospettiva non sono le larghe intese, la nostra prospettiva è la vittoria del Pd e del centrosinistra”.

Cosa deve davvero cambiare nel Paese?
“Bisogna ricostruire la fiducia perché ancora una larga parte della società italiana vive una condizione di incertezza e di difficoltà. La rabbia e la paura rischiano di essere I sentimenti prevalenti in un Paese che comunque ha imboccato una strada positiva. C’è chi fa politica e si presenta alle elezioni cavalcando la rabbia e la paura, senza però rispondere alle cause di questo malessere. Per noi la sfida è ricostruire la fiducia, rendendo comprensibili sia gli sforzi e i sacrifici fatti nel corso di questi anni sia la strada da seguire”.

Perché dovrebbero votarla?
“Perché in questi anni sono sempre stato a disposizione del territorio e dei suoi cittadini, cercando di rappresentarli al meglio all’interno del Parlamento. Il contatto diretto con la mia terra non è mai venuto meno, così come il confronto continuo con le istituzioni locali convinto che questa sia l’unica strada per una politica che lavora per il bene collettivo”.

Come valuta questa campagna elettorale?
“Credo che questa campagna elettorale non abbia sfruttato appieno una novità importante contenuta nella nuova legge elettorale, ovvero la possibilità da parte dei cittadini di scegliersi il proprio rappresentante attraverso i collegi uninominali. Sarebbe stato necessario un maggiore confronto tra i programmi e tra le persone per consentire agli elettori di scegliere veramente. Perché questa è la vera opzione in campo: dopo molti anni di liste bloccate, oggi è possibile ricostruire un rapporto stretto tra eletto ed elettori affinché gli impegni presi in campagna elettorale si traducano poi in azioni concrete. Io ho fatto e sto facendo una campagna cercando di essere presente in ogni realtà senza mai incontrare neanche uno dei miei competitori i quali, se capisco bene, stanno facendo la campagna elettorale come se ancora ci fosse il Porcellum”.

Come valuta l’attuale ceto politico?
“L’argomento è molto complesso. Dovendo dirlo in poche parole, penso che l’attuale ceto politico sia rappresentativo delle domande e delle inquietudini che attraversano il Paese. Il vero problema è se il ceto politico oltre a rappresentare i problemi e le domande è in grado o sarà in grado di costruire le risposte. La mia impressione è che troppo spesso viene praticata una politica che non si assume la responsabilità di scegliere o che, addirittura, favorisce e sollecita I comportamenti peggiori, persino quelli violenti. Io respingo il populismo, la demagogia e gli estremismi perché li considero un serio rischio per la democrazia e mi auguro che una larga maggioranza di cittadini il 4 marzo vada a votare per chiedere sì il cambiamento, la sicurezza e prospettive di vita ma anche una politica più responsabile e meno distruttiva”.


Condividi la notizia:
28 febbraio, 2018

Elezioni politiche e regionali 2018 ... Gli articoli

  1. Polverini, Gasparri, Bongiorno dalla Tuscia al parlamento
  2. Fioroni fuori, Sabatini il più votato di FI ma non eletto
  3. "A Ronciglione Pd al 67,85% e M5s al 59,33%”
  4. "Zingaretti non ha la maggioranza, abbia approccio costruttivo con l'opposizione"
  5. Eletti Silvia Blasi ed Enrico Panunzi
  6. Oltre un milione di voti per Zingaretti (33,26%) - Parisi (31,49 %) - Lombardi (27,26 %)
  7. Fioroni, buona incidenza sulla coalizione di centrosinistra
  8. "Zingaretti può costituire una risorsa per il Pd"
  9. Zingaretti presidente ma a Viterbo "vince" Parisi
  10. I tre consiglieri viterbesi saranno due: Panunzi e Blasi
  11. "Il mio ingresso in regione? E' legato al fattore 'C'"
  12. Daniele Sabatini il più votato a Viterbo
  13. Zingaretti presidente (33,23%) - Parisi (31,44 %) - Lombardi (27,20 %)
  14. "Una Tuscia connessa e al centro di un processo di sviluppo"
  15. "Salvini deve fare il presidente del consiglio"
  16. "Le dimissioni non si annunciano, si danno"
  17. "Il centrodestra è unito e da qui ripartiamo"
  18. Panunzi rieletto e al comitato elettorale è festa
  19. "300mila voti in più nel Lazio rispetto alle politiche"
  20. Zingaretti verso la riconferma
  21. Zingaretti primo tallonato da Parisi
  22. Panunzi fa il pieno di preferenze a Viterbo, segue Daniele Sabatini
  23. Zingaretti torna in testa, Parisi secondo e terza Lombardi
  24. Parisi in testa, Zingaretti terzo
  25. "Continuerò il mio impegno politico al servizio della mia comunità"
  26. Gioia, sonno e tanta voglia di partire con "un'altra storia"...
  27. Parisi supera Lombardi, Zingaretti sempre primo
  28. Rotelli deputato, Battistoni e Fusco senatori
  29. Zingaretti al 34,4%, Lombardi al 31,9% e Parisi al 26,8%
  30. Mauro Rotelli eletto deputato
  31. Umberto Fusco eletto senatore
  32. Fioroni fuori dal parlamento, nell'uninominale è terzo
  33. Matteo Salvini: “A Viterbo abbiamo ottenuto il 18,05%”
  34. Fioroni fuori dal parlamento, nell'uninominale è terzo
  35. Flop di Boldrini, D'Alema, Grasso e Franceschini
  36. Rotelli (FdI) e Battistoni (FI) i più votati a Viterbo, M5s primo partito
  37. A Viterbo, Rotelli 16mila voti e Battistoni quasi 15mila
  38. A Viterbo, Rotelli 16mila voti e Battistoni quasi 15mila
  39. Mauro Rotelli (FdI) e Francesco Battistoni (FI) verso la vittoria
  40. Mauro Rotelli (FdI) e Francesco Battistoni (FI) avanti
  41. “Un'ora e quaranta per votare e la gente se ne andava..."
  42. Politiche e regionali - Affluenza e risultati
  43. Nella Tuscia ha votato il 76,04%
  44. Movimento 5 stelle primo partito con oltre il 30%
  45. Battistoni 194 voti, Cozzella 146, Mazzoli 122
  46. Movimento 5 stelle primo partito, centrodestra prima coalizione
  47. Nicola Zingaretti avanti
  48. Movimento 5 stelle primo partito
  49. Due ore per votare... Vergogna! Vergogna! Vergogna!
  50. Alle 19 ha votato il 56,76%
  51. Alle 12 ha votato il 17,59%
  52. Politiche e regionali - Affluenza e Risultati
  53. "Dopo cinque anni di Zingaretti il Lazio è diventata una regione peggiore"
  54. "Nella Tuscia più impulso a mobilità, turismo e distretto di Civita"
  55. "Due le priorità per la Tuscia: Belcolle e il comparto della ceramica"
  56. "La Tuscia deve essere al centro di un processo di sviluppo"
  57. "Il M5s sta portando avanti una rivoluzione morale e culturale"
  58. "Il vero rischio per il paese è rappresentato da Salvini e Di Maio"
  59. "I 5 stelle vogliono illuminare la scena politica"
  60. "Lavoro, sicurezza e rilancio del territorio"
  61. Elezioni politiche e regionali, ecco come si vota
    • Articoli recenti

                               Copyright Tusciaweb srl - 01100 Viterbo - P.I. 01994200564Informativa GDPR