Gamboni-infissi-infissi-nov-2017

--

--

TW-cliccami-560x60-due-colori

    Condividi: Queste icone linkano i siti di social bookmarking sui quali i lettori possono condividere e trovare nuove pagine web.
    • Facebook
    • Twitter
    • LinkedIn
    • Google Bookmarks
    • Webnews
    • Wikio IT
    • YahooMyWeb
    • MySpace
    • Y!GG
  • Stampa Articolo
  • Email This Post

Elezioni politiche - Uninominale senato - Intervista a Francesco Battistoni, candidato Forza Italia

“Lavoro, sicurezza e rilancio del territorio”

Francesco Battistoni

Francesco Battistoni

Viterbo – “Lavoro, sicurezza e rilancio del territorio”. “Rappresentare i proprio concittadini è un impegno che va onorato ogni giorno”. “La nostra coalizione è l’unica in grado di poter governare, da sola”. Francesco Battistoni candidato Forza Italia al Senato nell’uninominale, presenta la sua candidatura in vista del voto del 4 marzo.

Perché ha deciso di candidarsi?
“Ho accettato con gioia questa candidatura – dice Battistoni – perché ho sempre inteso la politica come servizio per gli altri e credo che il mio passato ne sia la prova. Girando per il territorio, incontro tanto entusiasmo e partecipazione, molti cittadini che manifestano la loro fiducia nei miei confronti ed è questa la miglior conferma che ho fatto la scelta giusta”.

Quali sono i punti del suo programma?
“I punti del programma di coalizione sono 10 e sono molto chiari. Per quanto mi riguarda, ho alcuni obiettivi a cui tengo in particolar modo: lavoro, sicurezza e rilancio del territorio.

Viviamo nel grande paradosso per cui vi sono tante eccellenze sul nostro territorio, ma non sono mai state valorizzate fino in fondo. Potrei fare diversi esempi, a partire dall’Università della Tuscia, un ateneo che è cresciuto grazie alla qualità dei suoi docenti, al lavoro del personale tecnico-amministrativo e dalla competenza e capacità del suo management, che, tuttavia, per sopravvivere in un contesto dinamico e competitivo, qual è ormai quello dell’alta formazione universitaria, necessita di una maggiore integrazione con il territorio, in grado di favorire una più efficace capacità attrattiva di studenti e ricercatori, che, come è noto, non dipende solo dalla qualità dell’istituzione accademica, ma anche dai servizi offerti dal territorio e dalle prospettive imprenditoriali, occupazionali e professionali offerte dallo stesso.

Oppure, alle infinite bellezze culturali ed archeologiche che insistono in tutta la zona ma che scontano il quasi isolamento, in termini di infrastrutture e collegamenti.

A tal riguardo, noi esponenti della coalizione di centrodestra, abbiamo recentemente firmato un patto per il rilancio del turismo, che, a partire dagli 8 punti presenti, vuole porre al centro dell’agenda di Governo diverse misure in grado di rilanciare il turismo nel paese ma, soprattutto, in questo territorio, a partire proprio da grandi miglioramenti infrastrutturali. Infine, anche la questione sicurezza è definente: dati recenti dimostrano come quasi il 50 % dei cittadini residenti nel Lazio si senta insicuro, vale a dire una persona su due.

Tutto questo deve cambiare, voglio restituire ai miei concittadini la possibilità di vivere a pieno le loro città, in cui devono poter girare, senza aver paura, sia di giorno che di notte, ma anche la loro vita sociale, permettendo loro di lasciare la propria casa senza paura di non trovarci nulla al loro ritorno”.

Qual è il tratto distintivo della sua candidatura?
“Mi permetto di dire, la passione e l’esperienza, due caratteristiche fondamentali, dal mio punto di vista, in politica. Ho fatto la “gavetta”: ho iniziato attaccando manifesti per poi vivere l’esperienza amministrativa, a partire da quella di sindaco nel mio comune, passando per la Provincia, fino ad arrivare in Regione.

Credo che i cittadini meritino persone di esperienza in grado di fare la differenza, una volta eletti, già dal 5 marzo. Rappresentare i proprio concittadini è un impegno che va onorato ogni giorno, al massimo delle proprie capacità, in cui l’esperienza può essere dirimente”.

C’è il rischio di una coalizione Renzi-Berlusconi o il futuro politico è ben
delineato?
“Credo che siano in numeri a dover parlare. Dagli ultimi sondaggi pubblicati siamo vicinissimi alla maggioranza, sia alla Camera che al Senato, pertanto, penso che il futuro politico del paese sia ben delineato, la nostra coalizione è l’unica in grado di poter governare, da sola”.

Cosa deve davvero cambiare nel paese?
“Le cose da cambiare sono diverse, perché è evidente che lo Stato non sta offrendo ai cittadini una vita all’altezza delle loro aspettative. Credo sia fondamentale cambiare la percezione stessa dello Stato nelle menti dei suoi cittadini che, da troppo tempo ormai, lo avvertono come nemico.

Una questione su tutte è quella della fiscalità. Crediamo molto nei diversi provvedimenti che vogliamo mettere in atto: a partire dalla flat tax fino ad arrivare agli sgravi fiscali previsti per quanti decideranno di assumere giovani disoccupati con contratti stabili, non solo perché riusciranno a far ripartire l’economia di questo paese, creando nuovi posti di lavoro, attraendo investimenti esteri ed eliminando l’evasione e l’elusione fiscale, ma soprattutto, perché possono ridare coraggio ai cittadini che, vedendo una tassazione fiscale meno onerosa, la riterranno più giusta e saranno incentivati a dare il massimo”.

Perché dovrebbero votarla?
“Se c’è un pregio in questa nuova legge elettorale è che permette ai candidati ai collegi uninominali di riavvicinarsi ai cittadini. Io sto girando incessantemente tutto il collegio per spiegare il mio programma, ma soprattutto, per dire ai cittadini che sono una persona che viene da questo territorio, che amo e in cui intendo rimanere. Per questo, la più grande promessa che voglio fare è che sono qui adesso ma soprattutto che ci resterò, comunque vada, anche dopo”.

Coma valuta questa campagna elettorale?
“E’ una campagna davvero atipica. Quest’anno vedo molti candidati concentrarsi sui social network. Io credo che siano uno strumento, una sorta di megafono della propria voce, ma non LO strumento. Per me la politica è ancora quella di una volta: andare in giro, ascoltare i problemi delle persone, discutere e rassicurare i cittadini facendosi carico delle loro istanze. Non credo molto in questa moda dei “like”, credo alle piazze, alle manifestazioni, a persone che scendono in campo e ci mettono la faccia”.

Coma valuta l’attuale ceto politico?
“Non vorrei risponderle, mi limiterò a dirle che c’è chi rappresenta una classe politica del fare da sempre attenta ai bisogni dei cittadini e del territorio e c’è l’incompetenza, l’assenza di esperienze qualificanti, che una volta erano motivo, per così dire, di imbarazzo e adesso sono diventate quasi motivo di orgoglio.

Credo che in un momento storico come l’attuale – conclude Battistoni – , in cui dilaga il disagio, l’inquietudine, la disoccupazione giovanile e il precariato, il modello del “incompetente di successo” non faccia bene a nessuno”.

27 febbraio, 2018

Elezioni politiche e regionali 2018 ... Gli articoli

  1. Polverini, Gasparri, Bongiorno dalla Tuscia al parlamento
  2. Fioroni fuori, Sabatini il più votato di FI ma non eletto
  3. "A Ronciglione Pd al 67,85% e M5s al 59,33%”
  4. "Zingaretti non ha la maggioranza, abbia approccio costruttivo con l'opposizione"
  5. Eletti Silvia Blasi ed Enrico Panunzi
  6. Oltre un milione di voti per Zingaretti (33,26%) - Parisi (31,49 %) - Lombardi (27,26 %)
  7. Fioroni, buona incidenza sulla coalizione di centrosinistra
  8. "Zingaretti può costituire una risorsa per il Pd"
  9. Zingaretti presidente ma a Viterbo "vince" Parisi
  10. I tre consiglieri viterbesi saranno due: Panunzi e Blasi
  11. "Il mio ingresso in regione? E' legato al fattore 'C'"
  12. Daniele Sabatini il più votato a Viterbo
  13. Zingaretti presidente (33,23%) - Parisi (31,44 %) - Lombardi (27,20 %)
  14. "Una Tuscia connessa e al centro di un processo di sviluppo"
  15. "Salvini deve fare il presidente del consiglio"
  16. "Le dimissioni non si annunciano, si danno"
  17. "Il centrodestra è unito e da qui ripartiamo"
  18. Panunzi rieletto e al comitato elettorale è festa
  19. "300mila voti in più nel Lazio rispetto alle politiche"
  20. Zingaretti verso la riconferma
  21. Zingaretti primo tallonato da Parisi
  22. Panunzi fa il pieno di preferenze a Viterbo, segue Daniele Sabatini
  23. Zingaretti torna in testa, Parisi secondo e terza Lombardi
  24. Parisi in testa, Zingaretti terzo
  25. "Continuerò il mio impegno politico al servizio della mia comunità"
  26. Gioia, sonno e tanta voglia di partire con "un'altra storia"...
  27. Parisi supera Lombardi, Zingaretti sempre primo
  28. Rotelli deputato, Battistoni e Fusco senatori
  29. Zingaretti al 34,4%, Lombardi al 31,9% e Parisi al 26,8%
  30. Mauro Rotelli eletto deputato
  31. Umberto Fusco eletto senatore
  32. Fioroni fuori dal parlamento, nell'uninominale è terzo
  33. Matteo Salvini: “A Viterbo abbiamo ottenuto il 18,05%”
  34. Fioroni fuori dal parlamento, nell'uninominale è terzo
  35. Flop di Boldrini, D'Alema, Grasso e Franceschini
  36. Rotelli (FdI) e Battistoni (FI) i più votati a Viterbo, M5s primo partito
  37. A Viterbo, Rotelli 16mila voti e Battistoni quasi 15mila
  38. A Viterbo, Rotelli 16mila voti e Battistoni quasi 15mila
  39. Mauro Rotelli (FdI) e Francesco Battistoni (FI) verso la vittoria
  40. Mauro Rotelli (FdI) e Francesco Battistoni (FI) avanti
  41. “Un'ora e quaranta per votare e la gente se ne andava..."
  42. Politiche e regionali - Affluenza e risultati
  43. Nella Tuscia ha votato il 76,04%
  44. Movimento 5 stelle primo partito con oltre il 30%
  45. Battistoni 194 voti, Cozzella 146, Mazzoli 122
  46. Movimento 5 stelle primo partito, centrodestra prima coalizione
  47. Nicola Zingaretti avanti
  48. Movimento 5 stelle primo partito
  49. Due ore per votare... Vergogna! Vergogna! Vergogna!
  50. Alle 19 ha votato il 56,76%
  51. Alle 12 ha votato il 17,59%
  52. Politiche e regionali - Affluenza e Risultati
  53. "Dopo cinque anni di Zingaretti il Lazio è diventata una regione peggiore"
  54. "Nella Tuscia più impulso a mobilità, turismo e distretto di Civita"
  55. "Due le priorità per la Tuscia: Belcolle e il comparto della ceramica"
  56. "La Tuscia deve essere al centro di un processo di sviluppo"
  57. "Il M5s sta portando avanti una rivoluzione morale e culturale"
  58. "Il vero rischio per il paese è rappresentato da Salvini e Di Maio"
  59. "I 5 stelle vogliono illuminare la scena politica"
  60. “Lavoro, ambiente e lotta alle disuguaglianze"
  61. Elezioni politiche e regionali, ecco come si vota

Copyright Tusciaweb srl - 01100 Viterbo - P.I. 01994200564