--
    Condividi: Queste icone linkano i siti di social bookmarking sui quali i lettori possono condividere e trovare nuove pagine web.
    • Facebook
    • Twitter
    • LinkedIn
    • Google Bookmarks
    • Webnews
    • Wikio IT
    • YahooMyWeb
    • MySpace
    • Y!GG
  • Stampa Articolo
  • Email This Post

Maltempo - Tra la gente per le vie di Viterbo - Roberto Tisbi (Protezione civile): "Ci hanno impedito di utilizzare i locali a Castel d'Asso"

Neve e ghiaccio paralizzano la città

di Daniele Camilli

Condividi la notizia:

Viterbo coperta di neve - Piazza San Lorenzo

Viterbo coperta di neve – Piazza San Lorenzo

Viterbo - Mezzi di soccorso al lavoro

Viterbo – Roberto Tisbi 

Viterbo coperta di neve - Piazza del Gesù

Viterbo coperta di neve – Piazza del Gesù

Viterbo coperta di neve - Ettore Fieramosca

Viterbo coperta di neve – Ettore Fieramosca

Viterbo coperta di neve - Piazza San Lorenzo

Viterbo coperta di neve – Piazza San Lorenzo

Viterbo coperta di neve - Piazza del Gesù

Viterbo coperta di neve – Piazza del Gesù

Viterbo coperta di neve - Quartiere San Pellegrino

Viterbo coperta di neve – Annamaria Monari

Viterbo coperta di neve - Piazza del Gesù

Viterbo coperta di neve – Piazza del Gesù

Viterbo - Mezzi di soccorso al lavoro

Viterbo – Mezzi di soccorso al lavoro

Viterbo – La neve assedia campagne e centro storico di Viterbo. Ogni volta che il generale inverno marcia sulla città dei Papi col suo esercito di pupazzi, ritardi e lamentele, sono guai. E quando c’è la neve, i guai sono sempre con la pala. 

Multimedia: Gallery: Il centro storico di Viterbo coperto di neve – Video: La neve nelle vie del centroLa reazione dei viterbesi 

“Vabbé raga’, annamo a lavora’ che a San Pellegrino le vecchiette ‘n ponno uscì manco a pija ‘l pane!”, dice Roberto Tisbi della Protezione Civile, in giro per la città dalle prime ore dell’alba. 

“È da questa mattina alle 5 (ieri ndr) che stiamo lavorando su tutto il territorio di Viterbo. Dove c’è bisogno. Abbiamo anche accompagnato molti operatori sanitari all’ospedale di Belcolle”.

Però Roberto Tisbi è nero. Se la prende con l’assessore comunale all’ambiente Maurizio Tofani. “Ho già sbroccato a Tofani – ha detto Tisbi, fermo in via San Lorenzo -. Noi siamo volontari. Ma non abbiamo un posto dove mangiare e dormire. Oggi infatti vengono tutti a pranzo a casa mia. Una persona che abita nelle campagne ci ha impedito di utilizzare i locali della chiesa di Castel d’Asso dove avevamo deciso di presidiare, visto che non abbiamo ancora una sede. Ci ha tolto le chiavi rifiutandosi di metterci a disposizione una struttura comunale”.

Per strada la gente riconquista vie e parchi pubblici. Senza troppo entusiasmo. Cerca di restare in piedi e porta a spasso i cani. I taxi riprendono subito servizio. Gli autobus si muovo a stento e solo in centro. Valle Faul sembra una stazione sciistica, con slittini e bambini buttati giù a tutta velocità dai costoni ai lati del Gigante di Seward Johnson che domina la valle. L’ascensore per raggiungere il Duomo in piazza San Lorenzo non funziona. Palazzo dei Papi imbiancato si presta alle foto dei turisti. Con Curia e Archeoares che hanno aperto le vie d’accesso ai monumenti del Colle.

Il parcheggio del Sacrario somiglia invece a una pista di pattinaggio. Le macchine cercano di superare gli ostacoli e schivare i pedoni. A via Mazzini, le automobili sistemate alla bene e meglio lungo la strada, con i proprietari fiduciosi che non sarebbe nevicato, hanno creato non pochi problemi ai vigili del fuoco intervenuti per togliere le stalattiti dai tetti che nel frattempo si erano formate.

“Bella la neve a Viterbo – commenta Ettore Fieramosca (si chiama proprio così ndr) in piazza delle Erbe – ma ha già stufato. La neve è bella lì per lì, appena la fa. Poi basta, non siamo abituati”. Insomma, il gioco è bello quando dura poco.

Per tutta la mattinata di ieri la gente se l’è cavata da sola. In attesa di aiuti e soccorsi. In campagna la neve ha chiuso ogni via di comunicazione. Castel d’Asso e Monterazzano inaccessibili per ore. Per strada, in centro, protezione civile, dotata di secchi e pale con cui hanno fatto il possibile per liberare negozi e abitazioni, pompieri e qualche vigile urbano. Ma l’andazzo principale è stato il fai da te e l’incubo più presente quello del 2012 quando, sempre a febbraio, nevicò l’ira di Dio, le strade si ghiacciarono e i cumuli di neve restarono ammassati in piazza per mesi. Paralizzando tutto il possibile.

“Tutta la mia famiglia è scesa a spalare anche se non abbiamo le attrezzature per farlo – spiega Annamaria Monari che abita nel quartiere di San Pellegrino -. Il sale ce l’abbiamo ma andremo anche a cercare la protezione civile per vedere cosa fare. Più che altro per liberare le strade. Stiamo cercando di evitare che tutto si trasformi in una lastra di ghiaccio come accadde nel 2012″.

Si divertono soprattutto gli immigrati. Molti di loro la neve non l’hanno mai vista. Se la godono, dandosi appuntamento dalle parti di San Faustino o lungo via Cairoli. Tirano su pupazzi di neve e aiutano a ripulire strade e accessi alle abitazioni.

Qua e là si sente starnutire, abbaiare, imprecare. Senso d’abbandono e rassegnazione. Negozi e bar, soprattutto quelli più decentrati, sono in prevalenza chiusi. Qualcuno bestemmia e se la prende con le macchine che passano in Corso Italia. Vola pure qualche…”ah deficiente!”.

Qualcun altro le bestemmie le scrive sul parabrezza delle auto in sosta. A testimoniare il proprio stato d’animo. Molte auto stanno infatti dove non dovrebbero, come succede ogni giorno. Intrappolate dal maltempo, nonostante l’allerta dell’altro ieri. Tutti cercano di fare spesa e tornare di nuovo al caldo.

Mancano le informazioni, in particolar modo la voce delle istituzioni. Tutto viaggia attraverso i giornali. Dove andare, cosa fare. Uffici e scuole chiuse. Per sapere le cose la gente si collega a internet e va sui siti delle testate giornalistiche. Di certo non sulla pagina web del comune di Viterbo…aggiornata al 7 dicembre dell’anno scorso. 

Anche i politici spalano neve e postano foto sui social network. Come quando si regalavano i pacchi di pasta e farina ai “poveracci” per conquistarne il voto. Appuntamenti saltati, niente campagna elettorale. Ma domenica si vota lo stesso. E tutta questa neve, proprio non ci voleva.

Daniele Camilli


Condividi la notizia:
27 febbraio, 2018

Emergenza neve 2018 ... Gli articoli

  1. I militari liberano i vicoli dalla neve
  2. "Lasciati a piedi per qualche centimetro di neve"
  3. "Neve, gestione dell'emergenza decisamente bocciata"
  4. Tarquinia, il comune chiede lo stato di calamità naturale
  5. "Domani riaprono le scuole"
  6. "Domani riaprono le scuole"
  7. "Semianello completamente riaperto"
  8. Neve e ghiaccio, problemi alla circolazione
  9. "Soccorse tre ragazze e quattro auto andate fuori strada"
  10. Gallese innevata
  11. La magia di Viterbo sotto la neve
  12. Viterbese, è un marzo terribile
  13. “Ci siamo ammazzati di lavoro giorno e notte”
  14. Emergenza neve, ancora più militari
  15. Camion blocca entrata a porta Romana, automobilisti furiosi
  16. Le scuole? Se nevica so' chiuse, se non nevica so' aperte...
  17. Viterbese ospite al Martelli di Montalto per gli allenamenti
  18. Riaperto il semianello
  19. Scuole ancora chiuse, riaprono gli uffici pubblici
  20. Il semianello è ancora chiuso, ma i vigili del fuoco sono al lavoro
  21. "Ghiaccio nelle carrozze e ritardi biblici"
  22. "Un lavoro di squadra tempestivo e ben organizzato"
  23. "È la disperazione...", l'odissea di Sabina Guzzanti
  24. “Siamo tutti incazzati...”
  25. Da oggi riprende la raccolta rifiuti
  26. Sopralluogo di prefetto, polizia, vigili del fuoco, carabinieri ed esercito
  27. Trenta militari e tre mezzi
  28. "Riparte la raccolta porta a porta, ma solo nelle strade agibili"
  29. Emergenza neve, chiude pure pratogiardino
  30. Emergenza neve, chiude pure pratogiardino
  31. Scuole chiuse nel capoluogo anche domani
  32. Scuole e uffici chiusi "per neve", esposto alla corte dei conti
  33. "Siamo operativi, da stamani segnalazioni in calo"
  34. Più di 30 auto fuori strada sulla Sp Carcarelle
  35. Frontale tra auto sulla Cimina, due feriti
  36. È arrivato l'esercito
  37. Treno si blocca nei pressi di Orte, ritardi fino a 7 ore
  38. "Quartieri e frazioni abbandonati, vie transennate"
  39. Neve, sospesi i treni Viterbo-Roma
  40. Tarquinia sotto la neve, uno spettacolo bellissimo
  41. E l'autobus va a spinta... - Video
  42. "Le strade principali non sono pulite manco pe' 'l cazzo..."
  43. "Emergenza neve, mezzi al lavoro no stop"
  44. Prorogata la chiusura degli uffici della pubblica amministrazione
  45. Cri, attivo servizio assistenza ai senza tetto
  46. Stalattiti di ghiaccio, via Mazzini chiusa fino a domani
  47. Neve, stop ai treni sulla Roma-Viterbo
  48. Protezione civile, 254 squadre impegnate in tutto il Lazio
  49. Uffici pubblici chiusi anche domani e dopodomani
  50. Emergenza neve, scuole e università chiuse anche domani
  51. "Emergenza neve, sospesa la raccolta dei riufiuti"
  52. "Strutture ospedaliere accessibili a cittadini e mezzi di soccorso"
  53. Decine di infortuni per le strade ghiacciate
  54. Cotral: "Neve, attivi i collegamenti per Viterbo"
  55. Auto sbanda in via della Palazzina
  56. "Emergenza neve e ghiaccio, stanziati 4 milioni per i comuni"
  57. "Strade principali liberate dalla neve"
  58. "Chiusi tutti gli uffici pubblici"
  59. Maltempo, bus Cotral fermi nella Tuscia
  60. Bufera di neve sulla Tuscia, Viterbo imbiancata
  61. "Emergenza neve, scuole chiuse a Viterbo"
    • Altri articoli

    • Articoli recenti

                               Copyright Tusciaweb srl - 01100 Viterbo - P.I. 01994200564Informativa GDPR